Il riarmo nucleare continua: USA, Russia, Cina

 

Russia, Cina e Stati Uniti stanno continuando ad aggiornare le capacità dei rispettivi arsenali nucleari.

 

L’agenzia russa TASS ha riferito ieri che il Knyaz Vladimir, il primo dei sottomarini con missili balistici migliorati di classe Borei, entrerà in servizio con la 31a divisione sottomarina della flotta settentrionale russa il 12 giugno.

 

«La cerimonia di innalzamento della bandiera a bordo del Knyaz Vladimir significherà l’inclusione ufficiale dell’incrociatore subacqueo nella struttura di combattimento della flotta», ha affermato una fonte nel settore della difesa.

 

Russia, Cina e Stati Uniti stanno continuando ad aggiornare le capacità dei rispettivi arsenali nucleari

Dei tre precedenti sottomarini di classe Borei, uno è in servizio con la flotta del Nord e gli altie due sono nella flotta del Pacifico. Ogni sottomarino è in grado di trasportare 16 missili balistici lanciati da sottomarini Bulava, scrive EIR.

 

Nel frattempo, Kris Osborn, scrivendo per la rivista National Interest, lamenta che i cinesi hanno recentemente messo in servizio altri due sottomarini per missili balistici con la Marina PLA, portando il suo totale a sei.

 

«Il crescente numero di sottomarini cinesi per dissuasione nucleare espande in modo massiccio la capacità di Pechino di tenere gli Stati Uniti continentali a rischio sostanziale».

«Il crescente numero di sottomarini cinesi per dissuasione nucleare espande in modo massiccio la capacità di Pechino di tenere gli Stati Uniti continentali a rischio sostanziale»

 

Negli Stati Uniti, la bomba nucleare potenziata B61-12 sta progredendo in attesa di essere schierata. Defence News riferisce che i test di caduta con una bomba inerte sono stati completati a marzo da un F-15E Strike Eagle, completando la certificazione dell’aereo come vettore della nuova versione della bomba.

 

La bomba deve anche essere certificata per il bombardiere stealth F-16 e B-2. La National Nuclear Security Administration stima che il costo totale del programma del B61-12 sarà di circa 8- 9 miliardi di dollari  mentre la prima unità di produzione uscirà dalla catena di montaggio nell’anno fiscale 2022.

 

Dopo il COVID-19, le armi atomiche possono sembrare, da un punto di vista politico, strumenti oramai obsoleti. Le armi di morte e caos sono oggi, dopo la prova mondiale della Pandemia, le armi biologiche

L’era atomica non è finita, e nemmeno la Guerra Fredda lo è. Anzi, ora possiamo dire di averne due, otre.

 

Resta il grande dubbio di Renovatio 21: dopo il COVID-19, le armi atomiche possono sembrare, da un punto di vista politico, strumenti oramai obsoleti. Le armi di morte e caos sono oggi, dopo la prova mondiale della Pandemia, le armi biologiche.