Il programma eugenetico giapponese ha forzato la sterilizzazione e l’aborto a decine di migliaia di persone

 

 

 

 

Il governo giapponese sta affrontando un numero crescente di cause da parte delle vittime del suo programma di sterilizzazione di massa ispirato al nazismo che ha rubato decine di migliaia di persone delle loro capacità riproduttive per un periodo di diversi decenni.

 

Secondo le fonti governative, circa 25.000 persone sono state sterilizzate dalla legge di protezione eugenica del Giappone tra il 1948 e il 1996, di cui 16.500 involontariamente. Si ritiene inoltre che siano stati effettuati fino a 60.000 aborti forzati, tutti in nome di un Giappone purificato dalle malattie ereditarie, in particolare i disturbi mentali, percepiti come di origine genetica.

 

La legge è stata implementata per continuare una politica eugenetica iniziata durante l’alleanza del Giappone con la Germania nazista, attuata attraverso la legge nazionale dell’Eugenetica del 1940, che a sua volta era basata sulla legge nazista del 1933 per la prevenzione della progenie con malattia ereditaria.

Circa 25.000 persone sono state sterilizzate dalla legge di protezione eugenica del Giappone tra il 1948 e il 1996, di cui 16.500 involontariamente

 

Tuttavia, come osservava il Business Journal in lingua giapponese, il programma di sterilizzazione nazista si basava sulle politiche eugenetiche americane attuate tra il 1907 e la fine degli anni ’70 che portarono a circa 60.000 sterilizzazioni forzate negli Stati Uniti, circa un terzo in California.

 

L’attuale serie di cause legali è iniziata a gennaio, quando una donna senza nome ha presentato la prima querela contro il governo giapponese per essere stata sterilizzata con la forza nel 1972 all’età di 15 anni. La donna è stata sterilizzata perché ha iniziato a soffrire di problemi mentali dopo un’operazione al palato. La sua patologia è stata falsamente diagnosticata come «debolezza mentale ereditaria ».

La legge è stata implementata per continuare una politica eugenetica iniziata durante l’alleanza del Giappone con la Germania nazista.

 

Dopo che i media nazionali iniziarono a pubblicizzare la causa, altre presunte vittime iniziarono a citare in giudizio il governo. Ora, su richiesta dei media giapponesi e dello stesso governo nazionale, i governi locali stanno cercando dati sulle vittime negli ospedali per confermare le richieste e cercare vittime sconosciute per un possibile risarcimento. Si è formato anche un gruppo di avvocati per aiutare le vittime a depositare cause legali e stando a quanto riferito stanno ricevendo molte richieste. I funzionari governativi stanno cominciando a discutere i piani di risarcimento indipendentemente dai risultati delle cause legali.

Il programma di sterilizzazione nazista si basava sulle politiche eugenetiche americane attuate tra il 1907 e la fine degli anni ’70 che portarono a circa 60.000 sterilizzazioni forzate negli Stati Uniti, circa un terzo in California

 

Una delle vittime che ha intentato una causa è Kikuo Kojima, 76 anni, residente a Sapporo, che è stato sterilizzato con la forza dopo una diagnosi di schizofrenia a 19 anni.

 

«Perché non potrei avere un figlio con la mia amata moglie? Voglio che questo venga risolto il prima possibile in modo che non accada mai più » ha detto Kojima al Japan Times.

Un’altra vittima di sterilizzazione forzata nei suoi anni ’70, che ha parlato in modo anonimo ai media, ha dichiarato: «Sono stato in agonia per anni» e ho detto ai giornalisti che non era in grado di dirlo a sua moglie fino a poco prima della sua morte diversi anni fa.

«Ho provato dolore quando ho visto mia moglie cullare il bambino di qualcun altro» ha detto l’uomo. «Ho tenuto questo peso nel mio cuore per molto tempo. … Rivoglio la mia vita»

 

 

 

 

Fonte: Lifesitenews