Il parroco delle nozze LGBT è stato sospeso. Sì, ma come?

 

 

Sono passate di fatto poche ore dalla notizia che vi avevamo dato sul parroco di Sant’Oreste che ha unito civilmente, in Comune, con tanto di fascia tricolore e delega del Sindaco, due donne. 

 

Sulla vicenda è intervenuto il vescovo di Civita Castellana, Monsignor Romano Rossi, il quale avrebbe fatto sapere che da domenica prossima la parrocchia di San Lorenzo avrà un nuovo parroco.

 

È ancora Adnkronos, dopo la notizia diffusa ieri, ad aver raccolto la testimonianza dell’ordinario locale:

 

Il parroco «si è dimesso spontaneamente», afferma all’Agenzia Mons. Rossi.

«Il parroco — spiega  il vescovo di Civita Castellana — è un libero cittadino ma c’è un canone che impedisce ai sacerdoti di officiare cerimonie civili a prescindere da chi si sposa»

 

«Ha capito l’inopportunità e farà un periodo di riflessione e di verifica. Abbiamo dialogato a lungo, non si è trattato di una decisione di autorità. Non è incorso in nessuna censura, ha deciso che era opportuno dimettersi».

 

«Il parroco — spiega ancora il vescovo di Civita Castellana — è un libero cittadino ma c’è un canone che impedisce ai sacerdoti di officiare cerimonie civili a prescindere da chi si sposa. Ma si dialoga nella Chiesa e così ho fatto con don Emanuele».

 

Avete capito? Il problema non è tanto il gesto in se stesso, quanto il non aver rispettato un canone. Inoltre questo grave atto passa, secondo la Curia, semplicemente come atto «inopportuno».

 

Avete capito? Il problema non è tanto il gesto in se stesso, quanto il non aver rispettato un canone

Qualcuno dovrebbe invece ricordare al Monsignore che secondo il Catechismo di San Pio X (punti 849-855) unirsi nel solo matrimonio civile è un peccato mortale gravissimo, poiché secondo la Chiesa Cattolica l’unico matrimonio possibile, ovviamente fra uomo e donna, è quello sacramentale, davanti a Dio, e cioè con rito cattolico officiato da un sacerdote il quale, in virtù del concordato, leggerà anche gli articoli che sanciscono l’unione a livello civile.

 

Compiendo questo gesto, il parroco in questione agli occhi del Catechismo tradizionale approva un peccato mortale: in teologia infatti il peccato mortale va contro i Dieci Comandamenti, è compiuto in consapevolezza, è attuato con pieno consenso. Il vescovo non ci ricorda la teologia, ma ci tiene a far sapere sempre all’Adnkronos che «le due donne sono battezzate».

 

Il Catechismo della Chiesa Cattolica: «Il sacrilegio consiste nel profanare o nel trattare indegnamente i sacramenti»

Seguendo Giovanni Paolo II, con condotte del genere si potrebbe parlare di rischio di sacrilegio per il ministero sacerdotale: per il Catechismo della Chiesa Cattolica «Il sacrilegio consiste nel profanare o nel trattare indegnamente i sacramenti e le altre azioni liturgiche, come pure le persone, gli oggetti e i luoghi consacrati a Dio» (punto 2120). Può un vescovo prestare un suo consacrato a celebrare un matrimonio non cattolico – ricordando che per i cattolici il matrimonio è un sacramento ? Può un vescovo fare a meno di vedere l’enorme problema teologico, morale, antropologico che ciò comporta?

 

Il tutto celebrando per di più ad un’unione contronatura, annoverata, sempre nel Catechismo che preti ed episcopi si sono scordati o fanno finta di non conoscere, fra i 4 peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio (Catechismo maggiore, 966).

 

Sempre per rimanere al Catechismo della Chiesa Cattolica, è possibile leggere al punto 2357: «Appoggiandosi sulla Sacra Scrittura, che presenta le relazioni omosessuali come gravi depravazioni, la Tradizione ha sempre dichiarato che “gli atti di omosessualità sono intrinsecamente disordinati”. Sono contrari alla legge naturale. Precludono all’atto sessuale il dono della vita. Non sono il frutto di una vera complementarità affettiva e sessuale. In nessun caso possono essere approvati» 

 

Il parroco in questione non solo commette ed approva un peccato mortale gravissimo  ma addirittura espone al sacrilegio il ministero sacerdotale

Non contento, il vescovo precisa che don Emanuele «non potrà fare il parroco a Sant’Oreste ma una volta chiarite certe cose potrà fare tutto, quando sarà il momento».

 

Insomma, tutto è risolvibile in nome del «dialogo».

 

Alla luce di questi fatti, ci chiediamo come alcune testate teoricamente cattoliche e di stampo filo-conservatore possano cercare di salvare vescovo e Curia, quasi avessero agito come i nuovi San Pier Damiani di turno. 

 

 

Cristiano Lugli