Il governo russo vieta Wi-Fi e telefoni cellulari nelle scuole elementari

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

Il 17 luglio, 2020, il Ministero della Salute russo ha vietato l’uso di Wi-Fi e telefoni cellulari nelle scuole elementari.

 

Numerosi studi mostrano profondi effetti avversi dal Wi-Fi. Il documento di meta-analisi del Professor Martin Pall 2018 «Il Wi-Fi è una minaccia importante per la salute umana» fa riferimento a studi che mostrano che il Wi-Fi provoca stress ossidativo, danno spermatico / testicolare, effetti neuropsichiatrici tra cui alterazioni EEG, apoptosi (morte cellulare), danno al DNA cellulare , alterazioni endocrine e sovraccarico di calcio.

 

Considerando le prove del danno, scienziati e associazioni mediche hanno chiesto  di vietare l’uso del Wi-Fi nelle scuole e ad utilizzare invece le reti cablate.

Studi mostrano che il Wi-Fi provoca stress ossidativo, danno spermatico / testicolare, effetti neuropsichiatrici tra cui alterazioni EEG, apoptosi (morte cellulare), danno al DNA cellulare , alterazioni endocrine e sovraccarico di calcio

 

La Russia sta seguendo altri paesi in tutto il mondo che hanno preso provvedimenti per ridurre l’uso del Wi-Fi nelle scuole e proteggere la salute dei bambini.

 

Nel 2013, Israele è diventato il primo paese al mondo ad adottare limitazioni sull’uso del Wi-Fi nelle scuole. Ha vietato il Wi-Fi nelle scuole materne e limitato l’uso del Wi-Fi nelle scuole elementari. Il Wi-Fi è consentito per tre ore a settimana in prima e seconda elementare e sei ore a settimana per la terza elementare. Deve essere spento tutte le altre volte.

 

Nel 2017, Cipro ha vietato il Wi-Fi nelle scuole materne e ha fermato la diffusione del Wi-Fi nelle scuole elementari. Inoltre, il Comitato nazionale per l’ambiente e la salute dei bambini di Cipro ha avviato una campagna nazionale per sensibilizzare sulle esposizioni di radiazioni cellulari e telefoniche ai bambini.

 

La Russia sta seguendo altri paesi in tutto il mondo che hanno preso provvedimenti per ridurre l’uso del Wi-Fi nelle scuole e proteggere la salute dei bambini

Negli Stati Uniti, nel 2016 il Consiglio consultivo per la salute e la protezione ambientale dei bambini dello stato del Maryland (CEHPAC), nominato dal governatore, ha pubblicato un rapporto in cui consigliava al Dipartimento della Pubblica Istruzione di raccomandare ai distretti scolastici locali di ridurre l’esposizione degli scolari ai dispositivi wireless e alle radiazioni e di fornire connessioni cablate anziché wireless a Internet. Non è stata intrapresa alcuna azione.

 

Questa azione del Dipartimento della sanità russo fa seguito a un’altra recente azione del ministero volta a incoraggiare la riduzione dell’esposizione dei bambini ai dispositivi wireless.

 

Nel marzo 2020, in seguito allo scoppio di COVID, il Dipartimento della Salute russo insieme all’Istituto di ricerca scientifica sull’igiene e al Comitato nazionale russo per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti hanno pubblicato raccomandazioni sulla sicurezza per i bambini che usano le tecnologie digitali per studiare a casa.

La raccomandazione incoraggia a utilizzare Internet tramite una connessione cablata anziché tramite Wi-Fi

 

La raccomandazione incoraggia a utilizzare Internet tramite una connessione cablata anziché tramite Wi-Fi. (La difesa della salute dei bambini ha anche pubblicato una guida «passo passo» su come cablare i dispositivi wireless per l’apprendimento remoto sicuro).

 

Il presidente del Comitato nazionale russo per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti,Il professor Oleg Grigoriev, Dr.Sc, PhD, è stato apertamente informato sui danni della tecnologia wireless e sul conflitto di interessi delle agenzie di regolamentazione internazionali come ICNIRP che negano questi danni. Ha twittato sulla decisione del Dipartimento della Salute di vietare il Wi-Fi nelle scuole elementari.

 

Negli Stati Uniti, la Federal Communication Commission, che regola la sicurezza della tecnologia wireless, nega che la tecnologia wireless causi danni

Negli Stati Uniti, la Federal Communication Commission, che regola la sicurezza della tecnologia wireless, nega che la tecnologia wireless causi danni.

 

Le linee guida FCC sulla salute si basano sul presupposto scientifico obsoleto secondo cui le radiazioni non ionizzanti emesse dalle frequenze delle microonde utilizzate per la tecnologia wireless possono essere dannose, solo se causano cambiamenti termici nei tessuti.

 

Questa ipotesi è stata dimostrata falsa in migliaia di studi , anche prima che i telefoni cellulari fossero commercializzati negli anni ’80. Contrariamente alla posizione della FCC, negli anni ’70, i russi avevano già riconosciuto che le radiazioni emesse dalle tecnologie basate su frequenze radio e microonde possono essere dannose a livelli almeno 1.000 volte inferiori ai livelli che creano effetti termici.

 

Nonostante le enormi prove di danno, a dicembre 2019, la FCC ha pubblicato la decisione che non vi sono prove di danni causati dalla tecnologia wireless e ha deciso che una revisione delle sue linee guida sulla salute non sarebbe necessaria. Di conseguenza, nel febbraio 2020, Children’s Health Defense ha fatto causa alla FCC. Il brief principale nel caso è previsto per il 29 luglio 2020.

 

 

Dafna Tachover

direttore del 5G & Wireless Harms Project di CHD

 

 

 

© 20 luglio 2020, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.