«Il collasso della famiglia naturale va accolto ed applaudito» dice il giudice britannico

 

 

Dopo il caso Alfie, in molti hanno compreso quale sia la vera natura del potere giudiziario nel Regno Unito.

 

Ci deve essere una sorta di aberrante compiacimento di fondo: Essi non rinunziano mai a garantir al pubblico lo spettacolo di quella Necrocultura cui aderiscono causando morte e sofferenza.

 

Sir James Munby, secondo il Daily Mail, è «il giudice di famiglia più anziano della Gran Bretagna». Egli ha un messaggio per i britannici e per il mondo tutto: «Il crollo della famiglia nucleare dovrebbe essere accolto ed applaudito».

«Il crollo della famiglia nucleare dovrebbe essere accolto ed applaudito»

 

Munby non è nuovo alle belle cronache della Cultura della Morta applicata.

 

Pochi anni fa, da giudice del Tribunale della Famiglia, ordinò ciò che equivaleva a uno stupro medico, condannando una adolescente «mentalmente incompetente» ad abortire contro la sua volontà. La ragazza era fermamente contraria all’aborto.

Munby ordinò ciò che equivaleva a uno stupro medico, condannando una adolescente che riteneva «mentalmente incompetente» ad abortire contro la sua volontà

 

Gli esperti nel processo testimoniarono che un aborto «poteva causare considerevoli danni a questa giovane ragazza». Ma il giudice ha risposto che, poiché egli sentiva che la ragazza avrebbe dovuto abortire, era meglio lasciare «da parte i propri desideri e sentimenti»e che «sarebbe nel suo best interest [miglior interesse, ndr] avere una interruzione di gravidanza».

 

Agli ordini del giudice Munby, la povera ragazza fu mandata a subire un aborto che lei disperatamente  non voleva e che anche secondo gli esperti testimoni l’avrebbe ferita profondamente .

 

Il giudice Munby, arrivato ad una veneranda età, scopre le carte, e dichiara un fondamento della sua teoria e pratica: «Il crollo della famiglia nucleare dovrebbe essere accolto e applaudito».

Il giudice Munby condusse con successo una campagna affinché il governo britannico cambiasse le leggi sull’utero in affitto per consentire alle persone single e alle coppie di affittare liberamente gli uteri a loro necessari.

 

Le famiglie, sostiene il Munby, sono ora impossibili da definire, ed è per questo che chiede una revisione delle leggi matrimoniali britanniche, compresa l’introduzione dei fault-free divorces («divorzi senza colpa», cioè divorzi in cui la dissoluzione di un matrimonio non richiede una dimostrazione di illecito da nessuna delle parti ndr), cioè leggi che permettano ancora più rapidamente la disintegrazione delle famiglie.

 

Munby non se ne è fatta scappare una: egli condusse con successo una campagna affinché il governo britannico cambiasse le leggi sull’utero in affitto per consentire alle persone single e alle coppie di affittare liberamente gli uteri a loro necessari.

 

In un eloquente discorso all’Università di Liverpool, osservò che la famiglia moderna prendeva «un’infinita varietà di forme»: «le persone vivono insieme come coppie, sposate o meno, e con partner che potrebbero non essere sempre dell’altro sesso. I bambini vivono in famiglie in cui i loro genitori sono sposati o non sposati. Possono essere allevati da un genitore single, da due genitori o anche da tre genitori. I loro genitori potrebbero non essere o non essere i loro genitori naturali… Possono essere figli di matrimoni poligami. I loro fratelli possono essere solo fratellastri o fratellastri. Alcuni bambini sono allevati da due genitori dello stesso sesso. Alcuni bambini sono concepiti per inseminazione artificiale da donatore».

 

Insomma, dall’alto della sua carica in parrucca, il giudice ha martellato senza requie per favorire la realizzazione della sua distopia sociale, che coincide con quella predicata da decenni dalla Necrocultura mondiale: la distruzione definitiva della famiglia naturale.

 

Con il caso di Alfie abbiamo capito che tale progetto di distruzione della famiglia sarà perseguito, visto che la cultura della rivoluzione sessuale non ha eliminato l’impulso delle persone a stare insieme stabilmente e ad amare i propri figli,  tramite il potere statale puro e semplice, un potere che è giudiziario e fisico, con – un esempio a caso – i poliziotti a piantonare gli ospedali mentre dentro uccidono un bambino malato di neanche due anni.

Per Munby i giudici hanno effettivamente bisogno di più potere, e «decidere cosa succede ai bambini» in una varietà di situazioni.

 

Infatti Munby ha anche dichiarato lo scorso anno che i giudici hanno effettivamente bisogno di più potere, e «decidere cosa succede ai bambini» in una varietà di situazioni.

 

«Dopo aver descritto lo stato caotico della famiglia moderna, ha enfatizzato di nuovo al suo pubblico il fatto che tutto ciò  fosse molto buono: «Il fatto è che molti adulti e bambini, sia per scelta che per circostanze, vivono in famiglie più o meno lontane da quello che, fino a tempi relativamente recenti, sarebbero stati riconosciuti come la tipica famiglia nucleare. Questo, sottolineo, non è semplicemente la realtà; è, credo, una realtà che dovremmo accogliere e applaudire».

 

Insomma: spaccare le famiglie per togliere loro ogni sovranità, per levargli ogni diritto sulla prole, per levargli la prole stessa – e magari ucciderla, perché malata o anche solo (sì, sono brividi per quanti di noi seguono le vicende legate ai vaccini) danneggiata.

 

Tenete ben presente che costui è il Presidente del Tribunale della Famiglia.

Come ha scritto Lifesitenews: «uno può pensare, considerando i casi che attraversano la sua scrivania, che un uomo responsabile del tribunale della famiglia in Inghilterra non celebrii bambini senza madre o senza padre. Ma nel caso di Sir James Munby, uno si sbaglia».

 

Un certo numero di politici e commentatori conservatori hanno risposto in tono aspro ai commenti di Munby, ma ovviamente molti di questi politici trovano semplicemente conveniente esprimere un modo di esprimere il conservatorismo sociale senza dover implementare alcuna politica che rafforzerebbe quella famiglia nucleare la cui distruzione lo delizia il giudice Munby.

La Necrocultura avanza. Ma, convincetevene, non è un fatto di frangia: è il cuore stesso delle istituzioni occidentali.

 

Per decenni famiglia è stata abbandonata e persino presa di mira dalle élite necrofile (quelle che odiano le famiglie perché odiano la riproduzione umana).

 

Non esiste un case-study migliore per illustrare quanto sia completa la loro opposizione alla tradizionale unità familiare rispetto all’istanza del Presidente della Corte della Famiglia che si rallegra dinanzi ad un pubblico universitario riguardo al fatto che  la famiglia nucleare sia quasi morta.

 

La Necrocultura avanza. Ma, convincetevene, non è un fatto di frangia: è il cuore stesso delle istituzioni occidentali.