Il Canada leader mondiale della donazione degli organi dopo la legalizzazione dell’eutanasia

 

 

Anche se il Canada è stato uno degli ultimi paesi a legalizzare l’eutanasia (Medical Aid in Dying, MAiD) nel 2016, dieci anni dopo il Belgio e l’Olanda, è il primo ad unirla alla donazione di organi. L’Ontario è la prima giurisdizione al mondo che «contatta proattivamente le persone accettate per la morte medicalmente assistita per discutere della donazione degli organi», secondo l’Ottawa Citizen.

 

L’Ontario è la prima giurisdizione al mondo che «contatta proattivamente le persone accettate per la morte medicalmente assistita per discutere della donazione degli organi»

«Quando il decesso è imminente, negli ospedali o tramite MAiD, Trillium (l’organizzazione che gestisce la donazione di organi) deve essere attivata per legge.»

 

«La decisione di sottoporsi all’eutanasia è totalmente separata dalla decisione di donare gli organi», spiega Ronnie Gavsie, CEO di Trillium, «ma vogliamo rispettare le ultime volontà dei pazienti».

 

L’Ottawa Citizen riporta che «nei primi undici mesi del 2019, i pazienti sottoposti a eutanasia nella provincia costituivano 18 donatori di organi e 95 di tessuti, con una crescita del 14% sul 2018 e del 109% sul 2017.» (I dati di dicembre 2019 non sono ancora disponibili).

«Il messaggio inviato ai malati e disabili canadesi che meditano il suicidio è chiaro: in Canada la loro morte vale più della loro vita. In altre parole, la donazione di organi è diventata una branca dell’eutanasia»

«Per fornire cure di elevata qualità per chi si sottopone all’eutanasia, ci assicuriamo che i pazienti e le famiglie abbiano tutte le informazioni necessarie e l’opportunità di prendere una decisione sul donare o meno gli organi», spiega Gavsie. «Questo segue il logico protocollo legale e l’approccio umano per chi si sottopone al MAiD. Ed è la cosa giusta per chi si trova in lista d’attesa».

 

Non tutti i pazienti che hanno richiesto l’assistenza al decesso sono donatori adatti. Molti sono malati di cancro, e non possono donare gli organi. E molti altri vogliono morire a casa anziché in ospedale, dove ha luogo l’espianto degli organi.

 

Un rappresentante di Trillium dice che sempre più pazienti che optano per l’eutanasia danno la priorità alla donazione degli organi. «Molti dei pazienti con cui abbiamo parlato inizialmente volevano morire a casa, ma non era così importante quanto aiutare gli altri», racconta il Dr. Andrew Healey, direttore medico di Trillium.

Gli organi prelevati dai pazienti morti in seguito a eutanasia sono spesso di qualità superiore a quelli espiantati dalle vittime di incidenti. C’è più tempo per esaminarli e trovare il destinatario più adatto

 

Gli organi prelevati dai pazienti morti in seguito a eutanasia sono spesso di qualità superiore a quelli espiantati dalle vittime di incidenti. C’è più tempo per esaminarli e trovare il destinatario più adatto.

 

Il futuro roseo presentato da Trillium non è condiviso dall’esperto di bioetica Wesley J. Smith, che scrive su National Review:

 

 

«Un giorno in Canada si farà a meno dell’eutanasia e si uccideranno direttamente le persone per prelevarne gli organi – come già previsto dalla bioetica e dalle riviste mediche»

«Il messaggio inviato – con il supporto attivo della comunità favorevole all’espianto – ai malati e disabili canadesi che meditano il suicidio è chiaro: in Canada la loro morte vale più della loro vita. In altre parole, la donazione di organi è diventata una branca dell’eutanasia che per la società è allettante».

 

«Un giorno o l’altro, in Canada si farà a meno delle parti coinvolte nell’eutanasia e si uccideranno direttamente le persone per prelevarne gli organi – come già previsto dalla bioetica e dalle riviste mediche».

 

Michael Cook

Editor di BioEdge

 

Fonte