I produttori di farmaci versano milioni ai politici

 

 

Prima che le elezioni americane di medio termine si scaldassero, decine di produttori di farmaci avevano già versato circa 12 milioni di dollari per le campagne di centinaia di membri del Congresso USA.

Lo riporta un articolo di KHN.

 

Dall’inizio dello scorso anno, 34 legislatori hanno ricevuto ciascuno più di 100.000 dollari da aziende farmaceutiche. Un nuovo database di Kaiser Health News mostra che due di questi – il Rappresentante Greg Walden dell’Oregon, un presidente chiave del comitato repubblicano, e Kevin McCarthy della California, il leader della maggioranza della Camera dei Rappresentanti – hanno ricevuto ciascuno più di 200.000 dollari.

 

Mentre gli elettori si preparano ad andare alle urne, possono utilizzare un nuovo database, «Il denaro delle farmaceutiche al Congresso», per monitorare fino a 10 anni di contributi delle aziende farmaceutiche a uno o tutti i membri del Congresso, evidenziando gli sforzi dei produttori di farmaci per influenzare la legislazione.

Prima che le elezioni americane di medio termine si scaldassero, decine di produttori di farmaci avevano già versato circa 12 milioni di dollari per le campagne di centinaia di membri del Congresso USA.

 

Quanto hanno dato ad ogni elezione le farmaceutiche?

 

L’industria dei farmaci è uno dei mecenati dei legislatori più generosi. Nell’ultimo decennio, il Congresso ha ricevuto 79 milioni di dollari da 68 comitati di raccolta fondi in ambito farmaceutico, o PAC, gestiti da dipendenti di aziende che producono farmaci che trattano di tutto, dal cancro alla disfunzione erettile.

I contributi delle case farmaceutiche alla campagna elettorale hanno raggiunto livelli record negli ultimi anni, dato che i prezzi dei farmaci sono diventati una questione politica calda. Al 30 giugno, 52 comitati di raccolta fondi finanziati da aziende farmaceutiche e dalle loro organizzazioni commerciali hanno dato circa 12 milioni di dollari ai membri del Congresso per questo ciclo elettorale

 

I contributi delle case farmaceutiche alla campagna elettorale hanno raggiunto livelli record negli ultimi anni, dato che i prezzi dei farmaci sono diventati una questione politica calda. Al 30 giugno, 52 comitati di raccolta fondi finanziati da aziende farmaceutiche e dalle loro organizzazioni commerciali hanno dato circa 12 milioni di dollari ai membri del Congresso per questo ciclo elettorale. Non è chiaro se i produttori di farmaci supereranno il loro precedente record decennale di 16 milioni di dollari, dato durante la stagione elettorale del 2016.

 

Mentre i contributi dei comitati di raccolta fondi ai candidati sono limitati, una donazione maggiore spesso si affianca ai contributi individuali dei dirigenti d’azienda e di altri dipendenti. Questo invia anche un messaggio chiaro al destinatario, dicono gli esperti finanziari della campagna, un messaggio che potrebbe ricordare quando i lobbisti vengono a cercare: Questo è solo l’inizio.

 

L’analisi di KHN mostra che le aziende farmaceutiche tendono a giocare sul campo, donando a un’ampia fascia di legislatori di entrambi gli schieramenti.

Contributi delle farmaceutiche secondo affiliazione partitica

 

L’industria farmaceutica favorisce il potere. Dall’inizio del 2017, le compagnie farmaceutiche hanno sostenuto 217 Repubblicani e 187 Democratici, dando in media solo un po’ di più ai Repubblicani, che attualmente controllano entrambe le camere del Congresso. Questo è stato anche il caso dei Democratici durante il ciclo elettorale del 2010, quando controllavano il Congresso.

L’industria farmaceutica favorisce il potere. Dall’inizio del 2017, le compagnie farmaceutiche hanno sostenuto 217 Repubblicani e 187 Democratici

 

Come con altre industrie, le case farmaceutiche tendono a dare di più ai legislatori in ruoli di leadership. Ad esempio, il Rappresentante Paul Ryan, un repubblicano del Wisconsin, è diventato oratore della Camera a metà del ciclo elettorale del 2016, spingendo i produttori di farmaci a versare 75.000 dollari in più per la sua campagna elettorale rispetto al ciclo precedente.

 

Il denaro tende anche a fluire verso le commissioni del Congresso con giurisdizione su questioni farmaceutiche che possono influenzare cose come i prezzi dei farmaci e l’approvazione della FDA. Walden, un deputato repubblicano con nove legislature, ha visto le sue casse gonfiarsi con l’aiuto dei comitati di raccolta fondi dei produttori di farmaci da quando è diventato presidente della potente Commissione per l’Energia e il Commercio alla Camera all’inizio del 2017.

Contributi delle farmaceutiche a membri del Congresso e del Senato USA

 

A sei mesi dall’inizio del ciclo del 2018, Walden aveva già raccolto 71.000 dollari in più rispetto al ciclo del 2016  o 11 volte di più di quanto i produttori di farmaci gli avevano dato un decennio prima.

 

Alla richiesta di commentare l’aumento dei contributi di Walden da parte dei produttori di farmaci, Zach Hunter, il portavoce della sua commissione, ha richiamato l’attenzione sul lavoro di Walden per abbassare i prezzi dei farmaci da prescrizione e ha detto «nessun membro del Congresso ha fatto di più» per porre fine alla crisi degli oppiacei.

 

I comitati di raccolta fondi dell’industria farmaceutica inoltre hanno donato a decine di altri membri delle commissioni, come la Commissione del Senato per la Salute, l’Istruzione, il Lavoro e le Pensioni. E sembrano mirare ai distretti congressuali che ospitano le loro sedi centrali e altre strutture.

 

Il comitati di raccolta fondi per Purdue Pharma, il produttore di oppiacei in difficoltà, ha donato solo ad una manciata di membri in questo ciclo. Tuttavia, ha concentrato gran parte delle sue donazioni sui legislatori della Carolina del Nord, la sua sede centrale per la produzione e le operazioni tecniche.

Chi sta dando le maggiori somme di danaro?

 

In questo turno elettorale, il 28% dei deputati non ha ricevuto alcun contributo dai comitati di raccolta fondi farmaceutici.

 

Secondo la legge federale, le aziende non possono donare direttamente ai candidati politici. Sfruttando una scappatoia di uso comune, hanno invece creato dei comitati di raccolta fondi finanziati con il denaro raccolto dai dipendenti. Quei comitati donano poi alle campagne, che sono libere di spendere quel denaro a loro piacimento per le necessità come la pubblicità o gli eventi della campagna.

I contributi alle campagne raccontano solo una parte della storia. I produttori di farmaci spendono anche milioni di dollari per fare pressione sui membri del Congresso direttamente e donano ai gruppi di sostegno ai pazienti, che permettono ai pazienti di testimoniare in Campidoglio e di organizzare campagne sui social media per conto dei produttori di farmaci.

 

I contributi alle campagne raccontano solo una parte della storia. I produttori di farmaci spendono anche milioni di dollari per fare pressione sui membri del Congresso direttamente e donano ai gruppi di sostegno ai pazienti, che permettono ai pazienti di testimoniare in Campidoglio e di organizzare campagne sui social media per conto dei produttori di farmaci.

 

Una precedente indagine di Kaiser Health News, «Pre$cription for Power», ha esaminato le iniziative di beneficenza da parte dei più importanti produttori di farmaci e ha scoperto che 14 di loro hanno donato un totale di 116 milioni di dollari a gruppi di difesa dei pazienti solo nel 2015.

 

E come altre industrie, le aziende farmaceutiche esercitano il loro potere politico in modi che vengono nascosti ai cittadini, donando a gruppi «dark money» [questi gruppi non sono tenuti a rivelare le fonti dei  finanziamenti ricevuti] e ai super comitati di raccolta fondi – gruppi indipendenti che non possono donare direttamente o coordinarsi con le campagne – intenzionati a influenzare il processo legislativo.

 

Brendan Fischer, che dirige i programmi di riforma federale presso il Campaign Legal Center, ha avvertito che il contributo di una campagna elettorale di un comitato di raccolta fondi aziendale non si traduce direttamente in un voto a favore del produttore di farmaci.

 

«I contributi aiutano a mantenere la porta aperta per i lobbisti delle aziende», ha affermato.