Grazie a tutti. Ma chi sono i veri eroi?

 

 

 

Carissimi amici e lettori di Renovatio 21,

 

Nei giorni scorsi ho potuto leggere e ricevere tantissimi vostri messaggi di solidarietà, di affetto, di amicizia, di incoraggiamento per la mia situazione. Non so davvero come potervi ringraziare, ma spero un giorno di poter ricambiare tutto quanto, anche se non sarà facile. Non meritavo così tanto, e nemmeno me lo aspettavo, e tuttavia prendo tutto molto volentieri, soprattutto le preghiere.

 

Ho però il dovere di dirvi che io sono solo uno dei tanti operatori sanitari colpiti dal COVID-19. Vivo la quarantena da esiliato, vedendo mio figlio e mia moglie a notevole distanza, indossando precauzioni da palombaro e trattenendo l’impeto di correre verso mio figlio per abbracciarlo con tutta la forza che ho in corpo.

Gli eroi sono quelli che hanno una partita IVA e che non vedono entrare una lira da due mesi, ma che hanno continuato a pagare affitti, tasse, commercialisti, spese arretrate

 

Non potrò assistere alla nascita di mia figlia e non so effettivamente quando potrò prenderla in braccio.

 

Non per questo, però, mi sento un eroe. Nessuno di noi operatori sanitari credo che in realtà si senta un eroe. È un’etichetta che qualcuno ha dovuto in buona fede affibbiare per cercare qualche vincitore in questa guerra.

 

La verità è che in questa guerra — almeno per ora — di vincitori non ce ne sono. La sensazione che ci avvolge, più che quella di essere degli eroi, è quella di essere dei perdenti, degli sconfitti.

Eroina è mia moglie, che dovrà con buona probabilità partorire da sola, senza nessuno

 

Tanti di noi sono caduti come birilli, e ora non possono far altro che guardare inermi ciò che accade intorno. Non è pessimismo, credetemi: è, se volete, cinico realismo.

 

Il senso di impotenza, l’impossibilità del prendersi cura delle persone come si vorrebbe, la vita che sfugge come sabbia fra le mani: tutto questo ci fa sentire dei perdenti, non degli eroi. Eroe è chi riesce a cambiare le sorti di qualcosa, non chi subisce la sorta di incontrare un nemico che non riesce né ad affrontare né tantomeno a sconfiggere.

 

I bambini che sono a casa e, impugnando una spada e una maschera combattono il terribile virus, sono eroi

Se dovessi trovare degli eroi, li andrei a cercare fra tutti coloro che, dopo due mesi di lockdown, avranno ancora la forza per rimboccarsi le maniche e ripartire, dando la speranza di un futuro alle proprie famiglie, ai propri figli.

 

Gli eroi sono quelli che hanno una partita IVA e che non vedono entrare una lira da due mesi, ma che hanno continuato a pagare affitti, tasse, commercialisti, spese arretrate. A noi sanitari, almeno, uno stipendio certo non è mai mancato in questo periodo. A tanti padri di famiglia invece sì, è mancato e probabilmente mancherà ancora per tanto. Forse per sempre.

 

Eroina è mia moglie, che dovrà con buona probabilità partorire da sola, senza nessuno. Quello sì sarà un atto eroico: dare alla luce la Vita nel bel mezzo del buio, della solitudine e della disperazione.

 

Eroi sono tutti quegli anziani che stanno combattendo nelle case di riposo, da soli, contro un nemico terribile e senza il conforto dei parenti, con la sola presenza dei pochi operatori non  ancora infettati

I bambini che sono a casa e, impugnando una spada e una maschera combattono il terribile virus, sono eroi (il mio bimbo piccolo lo fa quotidianamente). Tutti quei bambini a cui è impedito di giocare nei campi, di svagarsi al parco, di vedere i propri amichetti sono eroi, perché attraverso l’arma della fantasia annientano ogni paura fungendo da esempio e da incoraggiamento anche per gli adulti.

 

Eroi sono tutti quegli anziani che stanno combattendo nelle case di riposo, da soli, contro un nemico terribile e senza il conforto dei parenti, con la sola presenza dei pochi operatori non  ancora infettati, sottoposti a ritmi lavorativi alienanti e sfiancanti per mancanza di personale e per una gestione oramai ai ferri corti. 

 

Eroi sono tutti coloro i quali muoiono, nelle strutture residenziali o nella freddezza degli ospedali e dei reparti COVID, senza nessuno intorno e senza nemmeno il conforto dei Sacramenti

Eroi sono tutti coloro i quali muoiono, nelle strutture residenziali o nella freddezza degli ospedali e dei reparti COVID, senza nessuno intorno e senza nemmeno il conforto dei Sacramenti che la neo-chiesa filo-cinese non ha più il coraggio di amministrare. Eroi sono coloro i quali riescono a spirare con un filo di voce le loro ultime preghiere, i loro ultimi saluti ai propri cari, che però non possono sentirli né vederli.

 

Alla fine di questa trincea dovremo contare danni e cadaveri, purtroppo.  Allora, dal bel mezzo delle macerie, di eroi per ripartire ne serviranno tanti.

 

Alla fine di questa trincea dovremo contare danni e cadaveri, purtroppo.  Allora, nel bel mezzo delle macerie, di eroi per ripartire ne serviranno tanti.

Conserviamo i buoni propositi e l’eroismo anche per quei tempi: ne avremo un gran bisogno. 

 

Grazie ancora a tutti di cuore, un abbraccio e un vivo ricordo nella preghiera.

 

 

Cristiano Lugli