Gran Bretagna, primo trapianto di utero entro l’anno

 

 

 

L’organizzazione benefica Womb Transplant UK ha annunciato che effettuerà il primo trapianto di utero nel Regno Unito entro la fine del 2018, con donatrici viventi e defunte.

 

Come sempre: un mondo di mostri di Frankenstein ci è servito con la scusa delle cure per l’infertilità.

Il ginecologo consulente, il dott. Richard Smith, che guida il gruppo di ricerca dell’associazione, ha già avuto il permesso di avviare il programma di trapianto utilizzando organi di dieci donatrici decedute. Ora sono state approvate altre cinque procedure che utilizzano il tessuto di donatrici viventi.

 

L’approvazione è il risultato di miglioramenti nella tecnica utilizzata per recuperare l’utero da un donatore vivente. Ciò che in precedenza era un’operazione che durava più di 11 ore è stato «drammaticamente» ridotto a circa 4 ore grazie all’uso di tecniche chirurgiche robot-assistite.

Sono state approvate altre cinque procedure che utilizzano il tessuto di donatrici viventi

 

«La sicurezza dei pazienti è sempre stata di fondamentale importanza per il nostro team», afferma il dott. Smith. «Abbiamo cambiato i nostri protocolli per includere progressi comprovati ottenuti da prestigiosi team di trapianti in altre parti del mondo».

 

Le donne prima subiranno un trattamento di fecondazione in vitro per creare embrioni e riceveranno un utero donatore, di solito dalla madre o dalla sorella. A condizione che non ci siano complicazioni sei mesi dopo l’intervento chirurgico, un embrione verrà impiantato nell’utero donato e il bambino verrà estratto con taglio cesareo a circa 35-37 settimane di gestazione.

 

Ad oggi oltre 40 donne in tutto il mondo hanno subito un trapianto di utero. Un totale di 11 bambini sono nati dai destinatari dell’organo, con il primo a una madre in Svezia nel 2014.

 

Ad oggi oltre 40 donne in tutto il mondo hanno subito un trapianto di utero. Un totale di 11 bambini sono nati dai destinatari dell’organo, con il primo a una madre in Svezia nel 201

Nonostante questi successi, l’intervento chirurgico necessario per recuperare un utero donatore e trapiantarlo in un ricevente è ancora considerato sperimentale. Scrivendo in un documento di commento in BJOG , un team di ricercatori giapponesi guidati dal dott. Iori Kisu della Keio University, in Giappone, ha dichiarato che la procedura era «altamente invasiva a causa della difficoltà di procurarsi le vene uterine che corrono lungo il pavimento pelvico».

 

Seguendo risultati promettenti da parte di ricercatori cinesi, il dott. Kisu ha scritto che collegare la vena ovarica con l’aiuto dell’assistenza chirurgica robotica potrebbe essere un’alternativa meno rischiosa.

 

Il dott. Smith ed i suoi colleghi impiegheranno queste tecniche quando eseguiranno i loro trapianti da qui alla fine del 2018. Il team è in contatto con 50 donne che sono state selezionate come idonee per la procedura. Le donne che proseguono la procedura subiranno un intervento chirurgico presso i centri trapianti NHS finanziati da Womb Transplant UK. Il numero totale di trapianti da fornire deve ancora essere finalizzato.

Chi finanzi Womb Transplant UK, che risulta registrata nel Regno Unito come ente no-profit, non ci è chiarissimo

 

Chi finanzi Womb Transplant UK, che risulta registrata nel Regno Unito come ente no-profit, non ci è chiarissimo, nonostante il pulsante per le donazioni sul sito e la relativa barretta coi fondi ottenuti.

 

«L’infertilità può avere un impatto devastante sulle coppie, in particolare per le donne con sterilità assoluta dei fattori uterini, per le quali non è mai stato somministrato un trattamento efficace e – per alcune di queste donne, il trapianto di utero è l’unico modo in cui possono avere una gravidanza» dice il dottor Smith.

 

Come sempre: un mondo di mostri di Frankenstein (è il caso di dirlo) ci è servito con la scusa delle cure per l’infertilità.