Gran Bretagna, il giudice permette l’estrazione di sperma da un moribondo perché la fidanzata produca un figlio in provetta

 

 

 

 

Un giudice del Regno Unito ha concesso il permesso a una donna di far raccogliere lo sperma del marito morente , da utilizzare nel tentativo di concepire dopo la sua morte. Lo riporta Bionews.

 

Il giudice Gwynneth Knowles ha sentito che la coppia stava cercando attivamente di concepire al momento della sua ferita, anche attraverso il trattamento della fertilità. Ha deciso di consentire ad un esperto di eseguire l’estrazione poco prima della morte dell’uomo.

 

Ayesha Vardag , in rappresentanza della moglie, ha dichiarato: «questa sentenza illuminata e costruttiva della Corte di protezione, l’approccio cooperativo dell’Autorità per la fecondazione umana e l’embriologia e la compassione e dedizione delle équipe mediche coinvolte hanno dato un raggio di speranza a un giovane vedova e la possibilità di completare la loro famiglia nel futuro, come il marito aveva desiderato».

Il giudice Gwynneth Knowles ha sentito che la coppia stava cercando attivamente di concepire al momento della sua ferita. Ha deciso di consentire ad un esperto di eseguire l’estrazione poco prima della morte dell’uomo.

 

La donna fece una richiesta urgente alla Corte di Protezione in seguito all’improvviso trauma cranico del marito, per il quale egli morì in seguito. La Corte di Protezione esiste per prendere decisioni sul benessere per conto di persone che non sono in grado di farlo da sole.

 

L’applicazione è stata sostenuta dall’Autorità per la Fecondazione e l’Embriologia Umana (HFEA) , il regolatore indipendente del governo britannico che sovrintende il trattamento e la ricerca sulla fertilità. Gli avvocati che rappresentavano il marito sostenevano che sarebbe stato anche in linea con i suoi desideri, un sentimento condiviso dai medici dell’uomo.

 

Anche se non comune, esiste un precedente nazionale e internazionale per l’uso postumo dello sperma di un individuo nel concepimento, che ha avuto inizio con Diane Blood negli anni ’90. Nel 2014, a una donna di Birmingham è stato concesso il diritto di conservare lo sperma dal suo defunto marito per l’uso in futuro, mentre in Australia un caso simile si è verificato nel 2018 . In India e Cina, ci sono stati anche esempi di nonni che hanno il diritto di usare sperma congelato ed embrioni di nipoti deceduti nella fecondazione in vitro con madri surrogate

 

Vardag ha suggerito che questa sentenza avrebbe avuto un effetto duraturo formando un precedente che avrebbe aiutato altre coppie in situazioni simili in futuro, creando un lascito positivo per l’individuo deceduto.

 

Il giudice Knowles intende chiarire ulteriormente il ragionamento per la sua decisione in una sentenza scritta da rilasciare nel prossimo futuro.