Germania, ondata di licenziamenti ed insolvenze in arrivo

 

 

 

 

 

 

 

MAN Energy Solutions ha annunciato l’intenzione di licenziare quasi 4.000 della sua forza lavoro globale totale di 14.000, circa 3.000 dei quali perderanno il lavoro nella sola Germania.

 

La depressione nel settore automobilistico, anche al di fuori della Germania, ha peggiorato le prospettive per l’azienda con sede ad Augusta, un importante produttore di motori, in particolare per camion e autobus.

La crisi nel settore automobilistico colpisce pesantemente il settore della costruzione di macchinari

 

La crisi nel settore automobilistico colpisce pesantemente il settore della costruzione di macchinari, un fornitore principale nella filiera per la produzione di automobili, che in molti casi porta a una minaccia esistenziale per quei produttori di macchine.

 

Le valutazioni più recenti degli analisti delle filiali prevedono insolvenze per il 27% delle imprese nel settore dei servizi tedesco e il 21% per il settore produttivo.

 

Le valutazioni più recenti degli analisti delle filiali prevedono insolvenze per il 27% delle imprese nel settore dei servizi tedesco e il 21% per il settore produttivo

Nel settore della costruzione di macchine, i timori che la percentuale possa rivelarsi molto più elevata, sono stati espressi in un sondaggio di opinione dall’Associazione Nazionale Costruttori di macchine (VDMA).

 

Circa il 45% degli intervistati dalla VDMA prevede una riduzione «considerevole» dei nuovi ordini, un altro 34% ha persino concesso un calo «grave» degli ordini.

 

Le risposte preliminari delle imprese sono state quelle di mettere i lavoratori sul lavoro part-time per i lavoratori (nel 60% delle imprese), di tagliare l’occupazione delle società di leasing (50%) e di ridurre la forza lavoro nel 17% delle imprese.

 

Le risposte preliminari delle imprese sono state quelle di mettere i lavoratori sul lavoro part-time per i lavoratori (nel 60% delle imprese), di tagliare l’occupazione delle società di leasing (50%) e di ridurre la forza lavoro nel 17% delle imprese

Nella maggior parte dei casi, questi passaggi hanno contribuito a prevenire una crisi esistenziale, scrive EIR. Ma se – come anche la maggior parte degli imprenditori nel settore della costruzione di macchine temono – la depressione dura più a lungo, probabilmente nel prossimo anno, l’insolvenza diventerà inevitabile.

 

Considerare i veri dati della crisi tedesca, che Berlino non ama esporre (come pare sia accaduto anche per le infezioni da COVID-19) dovrebbe aiutarci a capire cosa può succedere al livello della politica comunitaria.

 

Difficile infatti che la locomotiva d’Europa, il Paese economicamente e politicamente egemone, non trattenga per sé quelle risorse che gli serviranno per sopravvivere. L’esultanza del premier italiano Conte, così come quella degli spagnuoli, si scontra con questa incontrovertibile verità aritmetica.

Difficile infatti che la locomotiva d’Europa, il Paese economicamente e politicamente egemone, non trattenga per sé quelle risorse che gli serviranno per sopravvivere

 

Se poi in Italia c’è qualche partito al governo – tipo, il PD – che pensa ad una umana generosità della Germania, non ci possiamo fare nulla: ma ricordiamo che sono quelli che ogni due per tre tirano fuori il babau della Germania occupante crudele e cattivissima.