Erdogan partecipa alla ‘conversione’ islamica di Santa Sofia

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

La data è simbolica. Il 24 luglio è quella del trattato di Losanna, col quale, nel 1923, le potenze vincitrici misero fine all’Impero Ottomano. E tra le migliaia di persone accorse oggi alla prima preghiera islamica in Santa Sofia dopo 86 anni, c’era chi portava le bandiere dell’Impero. E si sono rivisti, qua e là, anche i fez, il copricapo ottomano che Kemal Ataturk, il padre della Turchia moderna bandì nel 1925. Ma lui voleva un Paese laico, tanto che fece di Santa Sofia un museo.

La data è simbolica. Il 24 luglio è quella del trattato di Losanna, col quale, nel 1923, le potenze vincitrici misero fine all’Impero Ottomano

Su una targa posta all’ingresso si legge La Grande Moschea di  Hagia Sophia. Oggi vi è risuonato l’adhan, l’invito musulmano alla preghiera. Dai quattro minareti, costruiti dopo la conquista di Costantinopoli del 1453 i muezzin hanno chiamato i fedeli.

 

Un migliaio ammessi all’interno, i mosaici dei pavimenti coperti da tappeti blu e quelli delle pareti – con raffigurazioni cristiane – da tendaggi. Tra loro il presidente Recep Tayyip Erdogan e Ali Erbas, il capo della Diyanet, la Direzione turca per gli affari religiosi.

 

La data è simbolica. Il 24 luglio è quella del trattato di Losanna, col quale, nel 1923, le potenze vincitrici misero fine all’Impero Ottomano.

 

Oggi Erdogan guida un partito con ampi richiami islamici e la sua politica è palesemente neo-ottomana

E tra le migliaia di persone accorse oggi alla prima preghiera islamica in Santa Sofia dopo 86 anni, c’era chi portava le bandiere dell’Impero. E si sono rivisti, qua e là, anche i fez, il copricapo ottomano che Kemal Ataturk, il padre della Turchia moderna bandì nel 1925. Ma lui voleva un Paese laico, tanto che fece di Santa Sofia un museo.

 

Oggi Erdogan guida un partito con ampi richiami islamici e la sua politica è palesemente neo-ottomana. È anche preoccupato per il calo di consensi dovuto alla crisi economica. C’è tutto questo all’origine della decisione di riportare Santa Sofia a moschea. «Un sogno d’infanzia diventato realtà», l’ha definita egli stesso nei giorni scorsi. E prima delle preghiere Erdogan ha recitato due passi dal Corano, scegliendo sia dalla Sura Al-Fatihah sia dalla Sura Al-Baqarah. Gli stessi, sembra, scelti da Maometto II, il conquistatore di Costantinopoli.

 

Per avverare il suo sogno, Erdogan è passato sopra alle prevedibili reazioni del cristianesimo, e non solo.

 

In tutto il mondo ortodosso oggi è «un giorno di lutto e di sofferenza»: si terranno veglie, liturgie e preghiere

«Penso a Santa Sofia e sono molto addolorato», ha detto il 12 luglio papa Francesco. Per tutta risposta, Erdogan l’ha invitato al rito. Il patriarca ecumenico Bartolomeo I, ha avvertito che la conversione sarà motivo per spingere i cristiani del mondo contro l’Islam. E in tutto il mondo ortodosso oggi è «un giorno di lutto e di sofferenza»: si terranno veglie, liturgie e preghiere. Ancora: il Consiglio mondiale delle chiese, ha avvertito che la decisione avrebbe seminato divisione.

 

Al di fuori del mondo cristiano, l’UNESCO ha dichiarato di essersi rammaricato della mossa.

 

Ma la «conversione» di Santa Sofia divide anche il mondo musulmano. Qatar, Libia e Iran si sono congratulate con Erdoğan per la “decisione coraggiosa”. Emirati, Egitto e Arabia saudita accusano il presidente turco di sfruttare l’Islam per recuperare il consenso dei cittadini.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

 

 

Immagine di Antonio cali 66 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)