Ecco le ovaia artificiali

 

Un nuovo capitolo si apre nella corsa a sostituire la riproduzione umana con quella totalmente artificiale.

 

Come sempre, la scusa offerta dalla scienza è quella di curare malanni – o fenomeni naturali supposti tali..

 

Durante la menopausa le ovaie di una donna smettono di funzionare – causando vampate di calore, disturbi del sonno, aumento ponderale, deterioramento osseo.

 

Oggi gli scienziati stanno studiando se trapiantare ovaie costruite in laboratorio possa fermare questi sintomi.  In uno dei primi sforzi per studiare il potenziale di questo tipo di tecnica, i ricercatori affermano di aver usato un tessuto realizzato per costruire ovaie artificiali per cavie in grado di produrre ormoni femminili come l’estrogeno e il progesterone.

I ricercatori affermano di aver usato un tessuto realizzato per costruire ovaie artificiali per cavie in grado di produrre ormoni femminili come l’estrogeno e il progesterone

 

Lo studio, condotto dal Wake Forest Baptist Medical Center, suggerisce una potenziale alternativa agli ormoni sintetici che milioni di donne assumono dopo aver raggiungo la mezza età.  Un documento che descrive le scoperte a riguardo è stato pubblicato  su Nature Communications.

 

Quando sono stati testati sulle cavie, i pezzi di tessuto, conosciuti come organoidi, hanno dato migliori risultati  rispetto ai tradizionali medicinali che sostituiscono gli ormoni nel migliorare la salute delle ossa e prevenire l’aumento ponderale.  Il trattamento dava effetti positivi esattamente come i medicinali a base di ormoni nel mantenere il tessuto dell’utero sano.

Non è ancora noto da dove le cellule necessarie per costruire gli organoidi possano provenire

 

Gli studi clinici di ovaie artificiali probabilmente non si effettueranno così presto.  Per una questione: non è ancora noto da dove le cellule necessarie per costruire gli organoidi possano provenire.  Emmanuel Opara, professore al Wake Forest che ha condotto la ricerca, afferma che le donne più giovani potrebbero donare il tessuto

 

Le donne che stanno per entrare in menopausa, così come quelle che si sono sottoposte a trattamenti antitumorali o a cui sono state asportare le ovaie per motivi medici, perdono l’abilità di produrre importanti ormoni, tra cui l’estrogeno e il progesterone.  I livelli più bassi di questi ormoni possono alterare una serie di diverse funzioni del corpo.

 

Per contrastare i sintomi indesiderati, molte donne si rivolgono a combinazioni di medicinali che sostituiscano questi ormoni – estrogeni e progestinici sintetici.  Ma la sostituzione di ormoni porta a un aumento del rischio di malattie cardiache e tumore al seno e per questo è sconsigliato un uso prolungato di questi farmaci. Opara pensa che le ovaie artificiali possano essere più sicure e più efficaci.

L’artificializzazione totale degli apparati di riproduzione umana procede senza sosta

 

Per creare gli organoidi, Opara e i suoi colleghi hanno messo insieme due tipi di cellule – le cellule granulosa e quelle theca.  I ricercatori anno raccolto campioni di queste cellule dalle cavie femmine a cui sono state estratte le ovaie e le hanno fatte crescere in laboratorio in modo che alla fine hanno formato un tessuto tridimensionale.   

 

Una settimana dopo l’impianto, le ovaie artificiali hanno iniziato a produrre estrogeno, progesteroni e due altri degli ormoni naturali non presenti negli attuali medicinali ormonali.   

 

L’artificializzazione totale degli apparati di riproduzione umana procede senza sosta.