Ecco gli umani sintetici. Il mondo è pronto?

 

 

 

Il mondo è pronto per le persone sintetiche?

 

Il bioingegnere di Stanford Drew Endy non si preoccupa di dare vita ai draghi. Ciò che lo spaventa davvero sono gli umani.

 

«Devo immaginare che un giorno costruiremo abitualmente genomi umani per qualsiasi scopo che chiunque possa avere. Non adesso, ma presto»

Drew Endy è  un pioniere della biologia sintetica che vuole radicalmente riscrivere il mondo vivente. Endy dirige un gruppo di ricerca a Stanford che, come dice lui, sta costruendo computer geneticamente codificati e ridisegnando i genomi.

 

Cioè, è scritto su Medium in una vertiginosa intervista, «sta provando a creare  forme di vita per fare cose utili».

 

Da questi nuovi strumenti potrebbero saltar fuori nuovi cibi, nuovi materiali, nuove medicine. Endry è ottimista sul potenziale della biologia sintetica per risolvere grandi problemi.

 

Nel 2016, lui e il bioeticista della Northwestern University Laurie Zoloth hanno criticato un nuovo sforzo globale chiamato Genome Project-write, o GP-write, il cui obiettivo è quello di ridisegnare i sistemi genici e interi genomi in vari organismi, compresi gli umani.

 

Nel 2016, Endry e il bioeticista della Northwestern University Laurie Zoloth hanno criticato un nuovo sforzo globale chiamato Genome Project-write, o GP-write, il cui obiettivo è quello di ridisegnare i sistemi genici e interi genomi in vari organismi, compresi gli umani

Endy e Zoloth hanno castigato il gruppo per aver tenuto il loro primo incontro a porte chiuse. Hanno suggerito che gli scienziati dovevano essere il più trasparenti possibile quando discutevano sulla possibilità di scrivere e ingegnerizzare i genomi umani.

 

Gli organizzatori dell’incontro GP-write del 2016, tra cui George Church di Harvard e il genetista Andrew Hessel, poi con Autodesk, hanno insistito per tenere l’incontro del 2016 in privato solo perché stavano per pubblicare un articolo sulla rivista Science, che non consente pubblicità in anticipo per i suoi articoli.

 

Endy divenne noto per la prima volta nel campo della biologia sintetica per un dottorato di ricerca, un progetto a Dartmouth nel 1997. Partì per comprendere un virus chiamato T7 smontandolo, ridisegnandolo su un computer e poi rimontandolo in un laboratorio. Incredibilmente, il suo virus reingegnerizzato si comportava ancora come un virus.

 

Poco dopo, Endy è diventato professore al MIT, dove ha lavorato con l’informatico Tom Knight e altri per sviluppare il concetto di biobrick: parti biologiche standardizzate che possono essere programmate per funzionare nei sistemi viventi, qualcosa come circuiti e porte logiche che funzionano nei computer.

 

«Stiamo per avere 10 miliardi di persone sul pianeta. Penso che ora abbiamo la tecnologia per sostenerli e vivere ancora in modo compatibile con la Terra»

Endy è anche uno dei fondatori del Registro delle parti biologiche standard, una sorta di inventario standardizzato utilizzato in biologia sintetica che include frammenti di DNA, plasmidi, sequenze codificanti proteine ​​e molto altro.

 

In una intervista al giornalista americano David Ewing Duncan, che qui riportiamo, Endry ha affermato: «vogliamo creare sistemi biologici modellabili che comprendiamo e possiamo usare come ingegneri, per ricostruire il mondo vivente per renderlo modellabile – qualcosa di cui ho scritto su Nature nel 2005.

 

«Quali sono i mezzi di produzione per il 21° secolo? Si potrebbe dire che tutti dovrebbero avere accesso all’istruzione e all’alfabetizzazione di base. Ma che dire dell’accesso all’alfabetizzazione rispetto alla scrittura del tuo DNA?»

Endry nutre qualche dubbio sugli interventi umani per modificare l’evoluzione delle cose naturali: «La natura è piena di architetture interessanti che non capiamo. Potrebbe essere davvero importante, o no, non lo sappiamo mai. Diciamo che voglio cambiare qualcosa geneticamente per avere un certo effetto, ma poi ottieni qualcosa di non voluto».

 

«È come se guidassi la mia macchina e voglio regolare il volume sullo stereo, e il volante si muove leggermente quando cambio la manopola del volume. È follia. Ci sono molte potenziali ragioni per cui questa architettura potrebbe essere qui. E così la nostra ingenua mentalità ingegneristica è, decomprimiamola, e [rendiamola possibile costruirla con le singole parti.] Per il paper su Nature , abbiamo provato tutto questo nei batteri. Siamo stati in grado di riprogettare le cose e fondamentalmente farlo funzionare.»

 

Tuttavia, dice lo scienziato al giornalista, «stai parlando con qualcuno che è un grande sostenitore della costruzione di genomi. Fino agli umani e oltre; mi piacerebbe costruire genomi di drago.

«Stai parlando con qualcuno che è un grande sostenitore della costruzione di genomi. Fino agli umani e oltre; mi piacerebbe costruire genomi di drago»

 

Endry nota che il prezzo per i geni sintetici sta diminuendo assai, rendendo la tecnologia più accessibile.

 

«Nel 2003, quando ho iniziato a insegnare, il costo della costruzione del DNA era di $ 4 a lettera [genetica]. Oggi il prezzo di listino è di circa sette centesimi, anche se sto pagando molto meno. Il prezzo per la costruzione di geni  è diminuito di cento volte, da quattro a quattro centesimi».

 

Ciò porta ad una logica conseguenza: «devo immaginare che un giorno costruiremo abitualmente genomi umani per qualsiasi scopo che chiunque possa avere. Non adesso, ma presto».

 

«Il prezzo per la costruzione di geni  è diminuito di cento volte, da quattro a quattro centesimi»

Il problema di GP-write, insomma, è solo la pubblicità: «ho collaborato alla stesura di una lettera dopo la prima riunione di GP nel 2016 perché non mi piaceva che l’incontro fosse chiuso ai media, che si trattasse di un incontro segreto».

 

Rimane ben evidente in Endry il sogno di un eco-transumanismo planetario incentrato sulla Biologia Sintetica,

 

«Vorrei che l’umanità passasse dal vivere sulla Terra a vivere con la Terra – perché la nostra civiltà prosperasse in collaborazione con il pianeta nel momento in cui sintetizzeremo abitualmente i genomi umani. Uno dei fallimenti del GP-write è che rafforza l’attenzione sugli umani, su noi stessi, al contrario del resto del mondo. Questa attenzione egoistica verso le persone rischia di rinforzare una tendenza che mi rende nervoso – che, tra le altre cose, causando la distruzione del pianeta».

«Vorrei che l’umanità passasse dal vivere sulla Terra al vivere con la Terra nel momento in cui sintetizziamo sistematicamente i genomi umani».

 

Endry sostiene l’ingegneria genetica sino a parlarci in termini di un misticismo affettivo da elaborare in futuro: «mi auguro che avremo collettivamente un senso del sacro nel regno del digitale. Con ciò intendo, immaginiamo di essere seduti davanti a qualunque l’interfaccia digitale, tra 20 e 30 anni e apportare alcune modifiche a un genoma umano, che portano effettivamente quello che alla vita».

 

«Vorrei che pensassimo di cambiare la T in quella A, o qualsiasi altra cosa, nello stesso modo in cui sentiamo nei confronti dei nostri figli e della nostra famiglia. Un altro modo per pensarci è creare uno sforzo di tipo Wikipedia intorno alla scrittura dei genomi. Wikipedia è così vicina come l’umanità ha ottenuto un senso collettivo del sacro nel digitale».

 

«Abbiamo questi sistemi culturali, politici ed economici che sono stati sviluppati in epoche precedenti, e rimangono incompatibili con un futuro ottimale»

«E questo ti renderebbe più a tuo agio nel sintetizzare gli umani?» chiede il giornalista.

 

«Mi dai queste due condizioni e sarò molto eccitato nel sintetizzare i genomi umani. Ma se queste condizioni non sono soddisfatte, sarò davvero nervoso perché sento che amplificherà un mucchio di disastri che si profilano dal nostro pensiero umano-centrato nei nostri sistemi culturali, politici ed economici».

 

Il biologo sintetico fa un esempio, in cui lega il mito della sovrappopolazione alla necessità dell’ingegneria genetica.

 

«Lasciate che vi faccia un esempio. Stiamo per avere 10 miliardi di persone sul pianeta. Penso che ora abbiamo la tecnologia per sostenerli e vivere ancora in modo compatibile con la Terra. Ma abbiamo questi sistemi culturali, politici ed economici che sono stati sviluppati in epoche precedenti, e rimangono incompatibili con un futuro ottimale. Un aspetto di questo è il consumismo. Se dai semplicemente soldi alle persone e le spendono per le cose, non le abiliti come cittadini. Stai solo rafforzando il loro status di consumatori. Sarebbe un disastro iniziare a sintetizzare gli umani in un mondo del genere».

 

Lo scienziato non manca di slancio messianico: «sto lavorando per consentire a tutte le persone di prosperare. Una cittadinanza per il 21 ° secolo. Vogliamo costruire comunità tecno-culturali che consentano tipi diversi di movimenti non dall’alto verso il basso e gerarchici, ma che siano vere, dal basso verso l’alto e diversificate».

 

«Quindi, pensa allo scrivere il DNA come abbiamo fatto con lo sviluppo di UNIX come tecnologia, che era una comunità globale che ha costruito qualcosa di reale e vitale».

 

«Quali sono i mezzi di produzione per il 21 ° secolo? Che dire dell’accesso all’alfabetizzazione rispetto alla scrittura del tuo DNA? Perché se arriviamo a circa una persona su 100 sulla Terra in grado di leggere/scrivere DNA, questo è abbastanza per ogni villaggio

La riflessione politica sull’ingegneria genetica si fa complessa ed altissima: «ho fatto un accordo con un’azienda per acquistare 10.000 geni e darli via», dice Endry.

 

«Perché l’ho fatto? Bene, c’è la nota di [Thomas] Jefferson a [John] Adams che sostiene che per avere l’opzione di un accesso illimitato ai mezzi di produzione, hai bisogno di un sacco di terra fertile disponibile. È l’ultima difesa contro l’oppressione politica, perché se le cose vanno male in un posto, puoi andare da qualche altra parte».

 

Il progetto diventa quelli di una ingegneria genetica diffusa, democratizzata, possibile in ogni villaggio del pianeta.

 

«Quali sono i mezzi di produzione per il 21 ° secolo? Si potrebbe dire che tutti dovrebbero avere accesso all’istruzione e all’alfabetizzazione di base. Ma che dire dell’accesso all’alfabetizzazione rispetto alla scrittura del tuo DNA? Perché se arriviamo a circa una persona su 100 sulla Terra in grado di leggere/scrivere DNA, questo è abbastanza per ogni villaggio, e questo sarebbe un tipo di alfabetizzazione [e] cittadinanza biotech. Come qualcuno che per necessità vive nel futuro, penso che sia possibile, e spero che possiamo farlo accadere».