Ebola: nuova epidemia controllata?

 

 

Pubblichiamo la traduzione di questo scritto di  Jeremiah Johnson (mom de plume di un Berretto Verde  delle forze speciali dell’esercito degli Stati Uniti in pensione) apparso sul sito SHTFplan.com.

 

La teoria malthusiana sostiene che lo spopolamento (o crescita zero della popolazione) è una necessità per controllare una specie (cioè l’umanità) che riproduce e consuma risorse naturali senza limiti. Questo è un mantra “New Age” adottato fin da subito dai comunisti fin da Marx e Lenin. La palla è stata portata avanti da Edward House e Woodrow Wilson, e ulteriormente esacerbata da “gemme” come Kissinger, Bill Gates, Al Gore e così via. Gran parte del pubblico e quasi tutti i giovani (un recente sondaggio ha mostrato che i giovani preferiscono il socialismo al capitalismo) si sono innamorati di questo mantra.

 

Il “problema” per loro è come realizzarlo rapidamente: la guerra è una risposta, e la malattia è un’altra.

È così che stanno “preparando il terreno” per questo “piccolo incidente” pianificato legato al recente scoppio dell’epidemia

 

C’è stato un altro focolaio di Ebola in Congo, con l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che stima  esposte 1.500 persone. Il Daily Mail ha pubblicato a riguardo un  buon articolo  il 17 agosto. È una buona lettura, in quanto riassume con brevità i parametri della malattia stessa.

 

È così che stanno “preparando il terreno” per questo “piccolo incidente” pianificato legato al recente scoppio dell’epidemia. Leggi questo estratto molto attentamente per vedere l’agenda nascosta:

 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato venerdì 17 febbraio che almeno 1.500 persone sono state potenzialmente esposte al virus mortale dell’Ebola nella regione del Nord Kivu, nella Repubblica Democratica del Congo, dove il timore delle milizie locali sta impedendo agli operatori umanitari di raggiungere alcuni le zone. Ma ci si aspetta che più persone siano infettate e non potrebbe essere sicuro di aver identificato tutte le catene con cui il virus si sta diffondendo nella parte orientale del paese assediata dalla violenza delle milizie. La regione è infestata in particolare dalle forze di difesa alleate, un gruppo ribelle islamista ugandese incolpato per centinaia di morti tra i civili negli ultimi quattro anni.

 

Ora questo è il punto di partenza della sceneggiatura: i valorosi dottori e operatori umanitari non sono in grado di interrompere il flusso e la trasmissione della malattia a causa di quei fastidiosi ribelli islamici … la  milizia, per essere precisi. Inoltre, non dimenticarti di aspettarti “più persone infettate”! Negli ultimi due anni abbiamo avuto più di qualche allarme con elaborate precauzioni per trasportare i pazienti con infezione da Ebola negli Stati Uniti per il trattamento: un’azione assurda considerando il potenziale per un rilascio in questo paese.

 

Quando quei pazienti erano qui, pensi che Fort Detrick, nel Maryland, dove si trova la principale struttura di ricerca di armi biologiche degli Stati Uniti … pensi che abbiano ricevuto campioni di sangue da questi pazienti?

 

Puoi scommeterci il sedere che lo hanno fatto. Leggi Hot Zone e Devil in the Freezer, libri su eventi di cronaca con malattie come Ebola e Antrace, rispettivamente, sugli incidenti e i protocolli delle nazioni riguardo la guerra biologica. Alcuni anni fa hanno resuscitato i virus congelati nella regione artica, in mezzo alla protesta di diversi scienziati che (prima di essere “imbavagliati”) discutevano sulla potenziale letalità di questi virus anche se non erano stati armati. Non importa. Il vaiolo è stato sradicato tranne che dai governi e dai loro laboratori di stoccaggio: la guerra biologica e tutte le ricerche, i trattamenti, i test e i farmaci associati (sostenuti da aziende farmaceutiche) sono un grande business.

La guerra biologica e tutte le ricerche, i trattamenti, i test e i farmaci associati (sostenuti da aziende farmaceutiche) sono un grande business.

 

Per quanto riguarda Ebola, nel 1996 è uscito un documentario   di  NOVA , intitolato  ” Ebola: The Plague Fighters . Questo film, realizzato in modo eccellente, mostra un’epidemia di Ebola nello Zaire nel maggio 1995 e le quasi inesistenti condizioni mediche nel paese, insieme a le azioni inefficaci di medici e operatori umanitari stranieri. Condizioni squilibrate e primitive, mancanza di strutture e trattamento inefficace esistono in Congo oggi praticamente immutate rispetto a vent’anni fa, come mostrato nel documentario in Zaire.

 

Se un governo lo rilascerà, la malattia (in questo caso Ebola) non è ancora letale come è necessario. State tranquilli, stanno tutti lavorando per stirare questi glitch per seguire il piano originato da Thomas Malthus. Stiamo assistendo a un esperimento di laboratorio controllato in Cina per quanto riguarda la sorveglianza: un sistema di sorveglianza totale che sarà testato sui loro cittadini e poi adottato (e adattato) da altre nazioni per l’uso sui propri cittadini.

 

Le condizioni sono perfette per questo tipo di “laboratorio”, dato che la Cina è un paese comunista controllato e la tecnologia è abbastanza alta per essere perfezionata in quanto la società è già conforme e sotto il completo controllo governativo. Questo tipo di “laboratorio” non sarebbe fattibile nelle nazioni africane in cui il potere e la sola acqua corrente scarseggiano e non possono sostenere tutte le infrastrutture necessarie per lo stato della rete di sorveglianza in Cina.

Per testare le armi biologiche le nazioni africane (specialmente quelle come Congo e Zaire) sono perfette per il rilascio di virus creati e di altre armi biologiche su misura

 

Per testare le armi biologiche, tuttavia, le nazioni africane (specialmente quelle come Congo e Zaire) sono perfette per il rilascio di virus creati e di altre armi biologiche su misuraSuona inverosimile? Prendi in considerazione il rilascio di  Bacillus subtilis  da parte del governo degli Stati Uniti per “testare” la diffusione di microrganismi in strutture di transito civile di massa come metropolitane e autobus solo pochi anni fa. Considerate tutte le volte in cui il governo ha testato armi nucleari e biologiche su soldati e civili.

 

L’Africa è perfetta per loro per prendere le malattie esistenti e strutturarle per ancora più letalità. Quando è il momento, le quarantene potrebbero essere inefficaci e consentire ai passeggeri infetti di imbarcarsi sugli aerei e diffondere la malattia nel corso del viaggio. Oppure potrebbero semplicemente trasportare un paziente infetto e consentire alla malattia di sfuggire alla quarantena e al blocco controllato.

 

Se dubiti di questo potenziale, devi solo leggere su Bill Gates e sulla credenza della sua adorabile moglie nello spopolamento come mezzo per “riparare” il pianetaQuesto è lo stesso Bill Gates che con un consorzio di società di investimento e start-up tecnologiche progetta di mettere in orbita 500 satelliti per consentire il monitoraggio in tempo reale di ogni centimetro della superficie del globo.

Questo focolaio di Ebola è con probabilità un “incidente programmato” in un laboratorio con esseri umani come soggetti del test

 

L’ebola è una malattia grave, ma ciò che è ancora più mortale e più serio è il gruppo di persone e interessi che desiderano formare un governo globale. Hanno le connessioni politiche, i soldi e le alleanze per modificare efficacemente ogni aspetto di una nazione e persino per distruggerla militarmente. Nessuna azione odiosa è fuori dalla loro portata. Ironia della sorte, tutte queste persone credono che lo spopolamento sia l’unico modo per realizzare efficacemente questa governance “utopica” globale.

 

Questi oligarchi vedono quelli che non sono nella loro compagnia e nei loro simili come degli insetti da schiacciare o al massimo rendere schiavi e servi. Lo spopolamento è il loro obiettivo e una malattia mortale lo consentirebbe senza che sia loro attribuibile la colpa. Questo focolaio di Ebola è con probabilità un “incidente programmato” in un laboratorio con esseri umani come soggetti del test. I risultati di questi esperimenti potrebbero alla fine essere utilizzati contro le popolazioni ignare per raggiungere lo stato finale di questo dominio globale, e cioè avere in meno qualche miliardo di vite o giù di lì.