È morta Serafina, bambina disabile al centro di un caso di utero in affitto

 

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

 

Una ragazza con gravi disabilità che ha fatto notizia a livello internazionale quando la madre surrogata ha rifiutato di abortirla è morta.

 

Nel 2013 un’ecografia ha rivelato che il bambino portato in grembo da una madre surrogata aveva una serie di gravi difetti alla nascita

Seraphina Harrell, 8 anni, è morta a Boston il mese scorso dopo un intervento chirurgico.

 

Nel 2013 un’ecografia ha rivelato che il bambino portato in grembo da una madre surrogata, Crystal Kelley, aveva una serie di gravi difetti alla nascita.

 

I genitori committenti avevano offerto a Kelley 10.000 dollari per abortire. Lei ha rifiutato. L’avvocato dei genitori mandò una lettera minacciosa che diceva: «Sei obbligata a interrompere immediatamente questa gravidanza». «Hai sprecato tempo prezioso».

L’avvocato dei genitori mandò una lettera minacciosa che diceva: «Sei obbligata a interrompere immediatamente questa gravidanza»

 

La signora Kelley è fuggita dal Connecticut nel Michigan in modo da essere considerata la madre legale alla nascita del bambino. In seguito diede Seraphina in adozione alla famiglia Harrell, nel Massachusetts, che aveva già sette figli.

 

Seraphina è nata con la sindrome dell’eterotassia . Molti dei suoi organi interni, come lo stomaco e il fegato, erano in posti anormali. Aveva diversi difetti cardiaci e due milze, nessuna delle quali funzionava correttamente.

 

Aveva anche una malformazione cerebrale chiamata oloprosencefalia, in cui il cervello non riesce a dividersi completamente in emisferi distinti. Durante la sua breve vita, ha subito tre interventi al cuore e molte procedure chirurgiche minori.

Seraphina non era una bambina infelice

 

Tuttavia, Seraphina non era una bambina infelice.

 

«Ciò che ha guidato il conflitto quando Crystal era incinta di lei, era se avrebbe avuto o meno una vita significativa – ha detto alla CNN la madre adottiva, Rene Harrell – e penso che senza esitazione, la risposta a questa domanda è sì, la ha avuta. Seraphina ha avuto una vita molto, molto significativa e felice».

 

«Quello che ho sentito ripetutamente da così tanti dei suoi medici è che non avrebbero mai potuto immaginare che qualcuno con il livello di bisogno di Seraphina potesse fare così bene come lei o essere felice come lei»

Seraphina sapeva parlare solo poche parole, ma ha imparato la lingua dei segni americana. Il suo segno preferito era «Ti amo». Non poteva camminare ma padroneggiava la sua sedia a rotelle.

 

«La tristezza non è la sintesi determinante della storia di Seraphina», ha scritto la sua famiglia nel suo necrologio. «L’amore lo è».

 

«Quello che ho sentito ripetutamente da così tanti dei suoi medici è che non avrebbero mai potuto immaginare che qualcuno con il livello di bisogno di Seraphina potesse fare così bene come lei o essere felice come lei», ha detto sua madre.

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge