Documento vaticano sulla Pandemia: Dio è morto

 

 

 

 

 

Un nuovo documento vaticano di 4.000 parole sulla pandemia del coronavirus viene criticato per non aver menzionato nemmeno una volta Dio, Gesù Cristo, Chiesa, Vangelo, Bibbia o Sacramenti. Lo ha notato la testata cattolica americana Church Militant.

 

Totalmente privo di qualsiasi insegnamento esplicitamente cattolico, il documento sull coronavirus della Pontificia Accademia per la Vita, pubblicato mercoledì, è intitolato «Humana Communitas nell’era della pandemia: Riflessioni inattuali sulla rinascita della vita».

Un nuovo documento vaticano di 4.000 parole sulla pandemia del coronavirus che non menziona nemmeno una volta Dio, Gesù Cristo, Chiesa, Vangelo, Bibbia o Sacramenti

 

Dando la colpa alla pandemia del virus Wuhan alla «nostra depredazione della terra e lo spoglio del suo valore intrinseco», il documento vaticano chiede “« quale conversione di pensiero e azione siamo disposti a subire nella nostra comune responsabilità per la famiglia umana?»

 

Non richiede «conversione a Cristo», ma chiama il lettore a una «conversione morale» e ad una «conversione» indirizzata alla «nostra responsabilità».

 

Solo due volte la missiva pontificale di otto pagine menziona la parola «spirituale», spiegando che «in faccia alla più tragica della morte» le vittime hanno sperimentato «la solitudine della separazione sia fisica che spirituale da tutti«, incapace persino di ricevere  la «pietà fondamentale di una corretta sepoltura».

 

Solo due volte la missiva pontificale di otto pagine menziona la parola «spirituale»

La pandemia «è un sintomo del malessere della nostra terra e della nostra incapacità di prenderci cura; più, un segno del nostro malessere spirituale», afferma il documento, citando l’enciclica ecologica di Papa Francesco Laudato Sí .

 

«La meditazione della Pontificia Accademia per la Vita su COVID-19 è un documento degno del filosofo ateo Friedrich Nietzsche perché, per quanto riguarda, Dio è morto» ha detto il giornalista Nick Donnelly a Church Militant.

 

«Non vi è alcuna menzione di Dio, nessuna menzione di Nostro Signore, nessuna menzione dello Spirito Santo, nessuna menzione del Regno. Invece, arriva persino a negare la nostra origine come creature di Dio e il nostro destino soprannaturale in Cielo con la sua dichiarazione luciferiana e nichilista, “Emergiamo da una notte di origini misteriose … Troppo tardi impariamo il consenso alla oscurità da cui siamo venuti e a cui finalmente torniamo“».

«La meditazione della Pontificia Accademia per la Vita su COVID-19 è un documento degno del filosofo ateo Friedrich Nietzsche perché, per quanto riguarda, Dio è morto»

 

«Questo documento del Vaticano si legge come un flusso di sciocchezze borbottanti e negazione blasfema di Dio che potrebbe farti temere che la persona [scrivendola] fosse posseduta»

 

Il documento vaticano si sofferma sulla privazione «dell’esuberanza degli abbracci, della gentilezza di stringere le mani, dell’affetto dei baci», ma non include le voci dei fedeli cattolici che hanno ripetutamente espresso il dolore di essere privati ​​del sacramento, Santa Messa e partecipazione regolare al culto pubblico.

 

«Negato i sacramenti attraverso la chiusura delle chiese e l’assistenza del clero durante la pandemia di Wuhan, la risposta del Vaticano è ora quella di negare ai fedeli la Sacra Parola di Dio», continua  Donnelly. 

«Arriva persino a negare la nostra origine come creature di Dio e il nostro destino soprannaturale in Cielo con la sua dichiarazione luciferiana e nichilista, “Emergiamo da una notte di origini misteriose … Troppo tardi impariamo il consenso alla oscurità da cui siamo venuti e a cui finalmente torniamo“»

 

Attribuendo un «luogo privilegiato» all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Humana Communitas  attacca «la ristrettezza degli interessi personali nazionali che ha portato molti paesi a rivendicare per se stessi una politica di indipendenza e isolamento dal resto del mondo, come se una pandemia potesse essere affrontata senza una strategia globale coordinata » – un riferimento che alcuni potrebbero interpretare come una polemica contro il presidente americano Donald Trump e il ritiro americano dall’OMS.

 

Il documento termina citando l’esortazione apostolica di Papa Francesco Querida Amazonia , esprimendo la speranza che il «sogno recentemente previsto per la regione amazzonica possa diventare un sogno universale, un sogno per l’intero pianeta” integrare e promuovere tutti i suoi abitanti, consentendo loro di goditi il ​​”buon vivere”».  

 

Sotto l’attuale pontificato, la Pontificia Accademia per la Vita è stata messa sotto accusa per aver nominato un eugenetico coinvolto nella ricerca sulle cellule staminali, un filosofo pro-aborto, un altro eugenista pro-aborto e un sacerdote pro-contraccezione, che sostiene anche l’eutanasia per fame.

 

«Questo documento del Vaticano si legge come un flusso di sciocchezze borbottanti e negazione blasfema di Dio che potrebbe farti temere che la persona [scrivendola] fosse posseduta»

L’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente dell’Accademia, lo scorso anno ha scioccato i fedeli cattolici sostenendo che era un’eresia affermare che Giuda fosse all’Inferno.

 

A marzo, Paglia ha consegnato a Papa Francesco un documento sul virus di Wuhan intitolato «Global Pandemic and Universal Brotherhood».

 

Il documento precedente chiama i cristiani a «testimoniare» di  «Gesù risorto» e ad ascoltare le Scritture. Chiede «preghiera intercessiva» di fronte alla pandemia, osservando che «questo grido di intercessione da parte del popolo dei credenti è il luogo in cui possiamo venire a patti con il tragico mistero della morte».

L’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente dell’Accademia, lo scorso anno ha scioccato i fedeli cattolici sostenendo che era un’eresia affermare che Giuda fosse all’Inferno.

 

Cita anche la lettera di San Paolo ai Romani che dichiara che «l’intera creazione» sta vivendo «i dolori del parto».

 

«Il papa ha confidato in me due delle sue preoccupazioni: come aiutare adesso, specialmente i più deboli; e per il futuro, come uscire da questa (crisi) rafforzata nella solidarietà, anche a livello globale», ha detto Paglia, portando alcuni vaticanisti a concludere che il secondo documento è stato probabilmente composto in risposta a specifiche istruzioni di papa Francesco.

 

Descrivendo questo ultimo documento come «sconvolgente prospettiva vaticana sulla pandemia», il corrispondente vaticano Phil Lawler ha affermato  che si tratta di «un imbarazzo per i fedeli cattolici».

 

«La Pontificia Accademia per la Vita considera la pandemia una punizione condanna per i peccati dell’umanità contro l’ambiente. Potrebbe essere considerata un’affermazione religiosa se la religione in questione è l’ambientalismo».

Lawler ha fatto saltare la dichiarazione come un esercizio di «vapida ruminazione»che è “«arsamente sentimentale (ed eccessivamente prolisso)».

 

«La Pontificia Accademia per la Vita, vedi, considera la pandemia una punizione condanna per i peccati dell’umanità contro l’ambiente», ha osservato. «Ovviamente questa non è un’affermazione scientifica. Ma potrebbe essere considerata un’affermazione religiosa se la religione in questione è l’ambientalismo».

 

«È chiaramente un appello a una conversione ideologica piuttosto che religiosa», ha osservato