Danno l’Ecstasy ai veterani

 

 

Il farmaco noto con il nome di strada Ecstasy, chiamato anche teneramente «Molly», potrebbe rappresentare un trattamento promettente per il disturbo da stress post-traumatico (DPTS), dice un nuovo studio.

 

La ricerca pubblicata martedì sulla rivista britannica The Lancet Psychiatry ha rilevato che dopo due sessioni di psicoterapia con la droga dei party, ufficialmente conosciuta come MDMA, la maggioranza di 26 veterani di combattimento con DPTS cronico (che non erano stati aiutati dai metodi tradizionali) ha visto riduzioni drammatiche nei sintomi.

 

I miglioramenti sono stati così impnenti che il 68% dei pazienti non soddisfaceva più i criteri clinici per il DPTS. I pazienti che assumono il farmaco hanno anche sperimentato miglioramenti netti nel sonno e sono diventati più «coscienziosi», dice lo studio.

 

I risultati, che rispecchiano recenti analoghi studi su piccola scala basati su questa droga illegale, arrivano mentre quest’estate l’MDMA sta per entrare in grandi studi di Fase 3.

 

Sulla base dei risultati precedenti, la Food and Drug Administration (FDA) ha fornito lo status di breakthrough therapy all’MDMA, status che potrebbe accelerarne l’approvazione. Se studi su larga scala possono replicare i risultati di sicurezza ed efficacia, il farmaco potrebbe essere approvato per uso legale entro il 2021.

Il farmaco potrebbe essere approvato per uso legale entro il 2021.

 

Il New York Times, che sembra entusiasta della prospettiva, ha raccolto alcune gioiose testimonianze:

«Sono stato finalmente in grado di elaborare tutte le cose oscure che sono accadute», ha detto in un’intervista Nicholas Blackston, 32 anni, un partecipante allo studio che era stato un mitragliere dei Marines in Iraq. «Sono riuscito a perdonare me stesso. Era come una spazzata pulita».

Insomma: l’MDMA meglio della religione.

 

«Nessuno torna a casa con una bottiglia di Ecstasy» frena il quotidiano di New York alla domanda su come funzionerà la terapia.

L’MDMA meglio della religione

 

«Se approvato dal FDA, l’MDMA sarebbe amministrato solo da un terapista autorizzato. In primo luogo, un paziente passa attraverso tre sessioni di psicoterapia. Nella quarta sessione, il paziente prende una pillola. Dopo aver preso il farmaco, il paziente giace su un futon tra candele e fiori freschi, ascoltando musica. Due terapeuti – una donna, un maschio – siedono al fianco del paziente come guida. Quella sessione dura otto ore. “Li incoraggiamo a mettere da parte tutte le aspettative e l’agenda e ad essere aperti. Le esperienze tendono ad essere molto individuali “, ha affermato il dott. Michael Mithoefer, uno dei principali ricercatori».

 

Il quadretto New Age, che stride un po’ con i demoni che si portano dietro i militari spediti ad uccidere e morire in guerre ingiuste in Iraq e Afghanistan, pare la soluzione definitiva ai problemi dei veterani, che come noto sono malvisti dalla popolazione generale americana perché spesso coinvolti in violenze domestiche quando non in vere e proprie sparatorie.

La psicodroga in pratica toglie alla società americana un problema che il suo complesso militare industriale ha creato e immesso, come una scoria, nel suo corpo.

 

La psicodroga in pratica toglie alla società americana un problema che il suo complesso militare industriale ha creato e immesso, come una scoria, nel suo corpo.

 

L’MDMA è un  farmaco in grado di inondare il cervello di ormoni e neurotrasmettitori che evocano sentimenti di fiducia e benessere. I ricercatori dicono che questo consente ai pazienti di riesaminare i ricordi traumatici.

 

Nella psicoterapia di follow-up, i pazienti elaborano le emozioni e le intuizioni sollevate durante la sessione MDMA. L’attuale protocollo prevede che i pazienti assumano l’MDMA due o tre volte, ciascuno a distanza di un mese, intervallati da psicoterapia.

 

«Il solo l’MDMA o la terapia da sole non sembrano altrettanto efficaci – dice il dottor Mithoefer –L’MDMA sembra agire da catalizzatore che consente la guarigione».

 

Cosa dicono i primi pazienti a riguardo?
«In realtà ero in grado di perdonarmi», dice Nigel McCourry, 36 anni, un veterano della Marina che è stato schierato nel 2004 a Falluja, in Iraq, le cui esperienze rispecchiavano quelle di altri tre pazienti intervistati.

 

McCourry tornò a casa dopo una guerra incapace di sfuggire alle scene di un’esplosione che lo aveva quasi ucciso e perseguitato dal ricordo di due giovani ragazze che aveva accidentalmente ucciso in uno scontro a fuoco. Ha lottato per dormire. Ha bevuto per dimenticare. La rabbia ha eroso la maggior parte delle sue relazioni. Ha cercato aiuto in un ospedale dedicato ai veterani, ma non ha potuto abbassare la guardia abbastanza da beneficiare della psicoterapia standard. Una manciata di farmaci pensati per aiutare a farlo sentire come uno zombi, e li ha abbandonati. Stava pensando al suicidio quando ha provato l’MDMA.

 

«Quando ha preso il via, è stato come un’illuminazione Ho potuto vedere tutte queste cose dal combattimento che avevo paura di guardare prima, e avevo una prospettiva completamente nuova. Ho rivissuto le parti di me che avevo perso. Mi sono reso conto di aver visto me stesso come un mostro, e sono stato in grado di iniziare a provare compassione per me stesso. È stato un punto di svolta e per il prossimo anno ho continuato a migliorare».

 

Il risultato iniziale, in breve, non è molto diverso da quello di chiunque si affacci all’Ecstasy. I drogati di strada, o i drogati dei techno-rave, lo fanno anche loro per evadere da una situazione personale orrenda. Appunto, una guerra interiore.

Il risultato iniziale, in breve, non è molto diverso da quello di chiunque si affacci all’Ecstasy. I drogati di strada, o i drogati dei techno-rave, lo fanno anche loro per evadere da una situazione personale orrenda. Appunto, una guerra interiore.

 

La terapia con questa droga funziona davvero?
«Questa è una domanda aperta» ammette il NYT.

 

Le prove su larga scala, che comprenderanno fino a 300 partecipanti in 14 siti, potrebbero non essere in grado di replicare il successo delle prove precedenti, che erano limitate a poche decine di pazienti.

 

Altri ricercatori, incuriositi dai risultati, stanno iniziando i loro studi sulla terapia MDMA, incluso il Dipartimento americano per gli affari dei veterani.

 

La narrativa che la stampa e la medicina stanno mettendo in atto sulla questione prevede, come nel caso dei vaccini, l’idea che all’MDMA non vi sia alternativa.

La narrativa che la stampa e la medicina stanno mettendo in atto sulla questione prevede, come nel caso dei vaccini, l’idea che all’MDMA non vi sia alternativ

Lo sostiene il Dott. John Krystal, che dirige la Divisione Neuroscienze presso il Dipartimento del Centro nazionale per gli affari dei veterani per il DSPT. Ha descritto l’attuale mancanza di terapia efficace come «una crisi».

 

«Il problema è che non abbiamo molti trattamenti e quello che abbiamo non funziona così bene»

 

Solo circa un veterano di combattimento su tre con DTSP viene trattato in modo efficace, afferma il dottore che propone l’Ecstasy ai soldati.

 

I medici spesso usano una combinazione di farmaci off-label per provare a gestire gli incubi dei pazienti, i flashback e la depressione, ma i farmaci non fanno nulla per trattare la condizione sottostante e possono avere effetti collaterali negativi.

 

L’idea che deve passare è che la psicoterapia ha anche dei limiti. Sebbene molti pazienti la trovino utile, altri la trovano troppo traumatico o inefficace e rinunciano alla terapia. In alcuni studi, i tassi di abbandono sono stati pari al 40%.

 

La terapia con l’MDMA non è nuova. L’MDMA è una droga illegale e non è mai stata approvata per nessun uso da parte del FDA Ma per circa un decennio prima fu messo fuori legge nel 1985, fu usato come aiuto in psicoterapia, specialmente sulla costa occidentale USA.

 

A quel tempo, gli accademici cominciavano a sostenere che esso e altri farmaci psichedelici potevano essere un utile alleato in psicoterapia. L’idea non è riuscita a ottenere la trazione quindi, ma ora un certo numero di prestigiosi ricercatori stanno studiando i potenziali usi terapeutici di LSD, psilocibina (cioè i funghi allucinogeni) e MDMA.

 

E ora la domanda più succulenta. Chi c’è dietro questi studi?

 

Dicono che non ci sia Big Pharma. La ricerca è organizzata da una organizzazione no-profit denominata Associazione Multidisciplinare per gli Studi Psichedelici, o MAPS, creata nel 1986 poco dopo la messa al bando dell’MDMA. La MAPS si batte per la legalizzazione di molte sostanze psicotropiche. Shawn Hailey, ricchissimo transessuale magnate dei conduttori, servì nel board dell’organizzazione sino alla sua morte (2011), lasciando alla causa diversi milioni di euro. La MAPS pare essere coinvolta anche nei movimenti pro-droga finanziati dall’immancabile George Soros.

La ricerca è organizzata dalla organizzazione no-profit  MAPS. La MAPS pare essere coinvolta anche nei movimenti pro-droga finanziati dall’immancabile George Soros.

 

«Nessun altro avrebbe toccato la materia, quindi abbiamo dovuto farlo noi», dice il fondatore di MAPS, Rick Doblin, che ha un dottorato in politica pubblica da Harvard e ha fatto legalizzare l’MDMA per il lavoro della sua vita. Doblin è continuatore degli studi sulle droghe psichedeliche dello psichiatra spacciatore criminale Timothy Leary ed è allievo dello psichiatra boemo Stanislav Grof, che già decenni fa studiava l’uso della LSD in psicoterapia.

 

Anche l’LSD sta affrontando un grande revival, grazie alla cultura del micro-dosing, un trend che in Silicon Valley sta prendendo piede: per combattere ansia e depressione si prendono micro-dosi del potentissimo allucinogeno. La bestsellerista Ayelet, moglie dell’acclamato romanziere Michael Chabon, è il pubblico volto di questa tendenza.

Anche l’LSD sta affrontando un grande revival, grazie alla cultura del micro-dosing

 

Si prevede che le prove di Fase 3 di sperimentazione del farmaco  costeranno $ 27 milioni.

 

Da dove proviene il denaro?
Sono, ovviamente, tutte donazioni. E provengono da una strana e variegatissima serie di fonti. David Bronner, il CEO vegano della multinazionale Dr. Bronner’s Magic Soaps ed evangelista inesausto dell’uso degli psichedelici, ha dato 5 milioni di dollari.

Nello strano mix di finanziatori c’è pure la famiglia di arciconservatori Mercer (sostenitori di Trump) e il defunto Richard Rockefeller, più un animo denominato Pine che ha donato 5 milioni di dollari in Bitcoin

 

Ma nel mix c’è pure la famiglia di arciconservatori Mercer, che di solito finanzia istituzioni di destra, tra cui Cambridge Analytica (l’azienda di raccolta e analisi data appena fallita dopo le rivelazioni nel suo ruolo riguardo alla profilazione via Facebook dell’elettorato nelle presidenziali 2016 che portartono alla Casa Bianca Donald Trump) e Breitbart News (il sito diretto dall’ex consigliere e capo della campagna elettorale Steve Bannon, sito considerato uno dei motori principali dell’elezione di Trump, con un traffico internet superiore a quello del Washington Post); il defunto, anche lui immancabile, Richard Rockefeller.

 

Più un uomo del mistero, anzi del crypto-mistero: un donatore anonimo noto solo come Pine, che ha trasferito $ 5 milioni in Bitcoin.

L’uso dei soldati come carne da cannone non solo per la guerra, ma anche per la sperimentazione e l’intossicazione legale psicofarmaceutica dovrebbe di per sé dare un segno del crollo della civiltà occidentale: invece che onorare i sacrifici dei militari, la società li spreme in guerre dementi e poi li elimina sedandoli con droghe sempre più pesanti.

 

Dunque, chi incassa se MDMA diventa legale?
Parrebbe che all’inizio la MAPS godrà di tutti i guadagni. L’MDMA è stato originariamente brevettato dal colosso farmaceutico Merck nel 1912, ma non è mai stato commercializzato. Il brevetto è scaduto. L’FDA concede una sorta di «esclusività dati» temporanea a gruppi che mostrano nuovi usi per farmaci con brevetti scaduti. Ciò darebbe a MAPS. un monopolio quinquennale negli Stati Uniti, dopo di che altre società potrebbero seguire.

 

MAPS prevede di trasferire le vendite a una società a scopo di lucro, che poi riconducono i soldi alla ricerca clinica sull’uso di MDMA con altri disturbi.

 

L’uso dei soldati come carne da cannone non solo per la guerra, ma anche per la sperimentazione e l’intossicazione legale psicofarmaceutica dovrebbe di per sé dare un segno del crollo della civiltà occidentale: invece che onorare i sacrifici dei militari, la società li spreme in guerre dementi e poi li elimina sedandoli con droghe sempre più pesanti.

 

Non sarà l’ultima sperimentazione in cui saranno coinvolti i militari: l’Esercito, ad esempio, paga loro la crioconservazione di sperma e ovuli, in modo tale da consentire alla famiglia militare una prole prodotta in provetta nel caso vengano feriti ai genitali.

 

Siamo pronti a scommettere che i primi a cui sarà offerto gratuitamente il bambino geneticamente modificato (con la tecnica nota come CRISPR-CAS9) saranno proprio i soldati, che diverranno così allevatori di quei super-soldatini geneticamente migliorati (sulla carta) che da sempre sono nei sogni delle forze armate, e non solo di quelle di Hitler.

 

Sono cose che tratteremo in un altro articolo.