Danimarca, programma TV dove gli adulti si spogliano dinanzi ai bambini

 

 

 

Il pluripremiato spettacolo per bambini danese è girato davanti a un pubblico in studio dal vivo composto da bambini delle scuole medie che sono incoraggiati a porre agli ospiti adulti domande diverse come parte di uno sforzo per promuovere apparentemente la positività del corpo, scrive Sputnik.

Un programma televisivo pluripremiato chiamato «Ultra Strips Down», un pubblico dal vivo  formato da partecipanti di età compresa tra 11 e 13 anni

 

In Danimarca, un programma televisivo pluripremiato chiamato «Ultra Strips Down» consente al suo pubblico dal vivo – formato da partecipanti di età compresa tra 11 e 13 anni – di porre ai volontari adulti tutte le domande che desiderano.

 

L’intento del programma dovrebbe essere la promozione di una cultura di positività del corpo («non esistono corpi perfetti») che combatta il problema, percepito sui social etc., del cosiddetto body-shaming, ossia l’insulto basato sull’imperfezione corporea.

 

Nell’episodio, gli studenti della Scuola Orestad  di Copenaghen hanno affrontato cinque adulti che si sono tolti gli accappatoi e hanno rivelato i loro corpi nudi sul palco

I creatori della serie sono citati perché insistono sul loro movente per dissipare l’idea, spesso promossa sulle piattaforme dei social media, che ci siano tipi di corpo perfetti.

 

Un episodio recente si è concentrato su pelle e capelli, con gli studenti della Scuola Orestad  di Copenaghen che affrontano cinque adulti che si sono tolti gli accappatoi e hanno rivelato i loro corpi nudi sul palco.

 

I bambini hanno iniziato a fare domande che andavano da «a che età ti sono cresciuti i peli nella parte inferiore del corpo?» a «sei soddisfatto delle tue parti intime?»

 

I bambini hanno iniziato a fare domande che andavano da «a che età ti sono cresciuti i peli nella parte inferiore del corpo?» a «sei soddisfatto delle tue parti intime?»


 

Attualmente alla sua seconda stagione su un canale chiamato DR Ultra, lo spettacolo, andato in onda per la prima volta nel 2019 e ha vinto un premio per il miglior programma per bambini al Festival della TV danese, ha suscitato reazioni negative.

Lo spettacolo è andato in onda per la prima volta nel 2019 e ha vinto un premio per il miglior programma per bambini al Festival della TV danese

 

Nonostante l’atteggiamento relativamente permissivo della Danimarca nei confronti della nudità, un membro di spicco del Partito popolare danese, Peter Skaarup, è stato citato per aver criticato lo spettacolo come «depravazione» dinanzi ai bambini, aggiungendo che era «troppo presto» per esporre i giovani a questo tipo di approccio.

 

Quando una clip dello spettacolo è stata pubblicata sulla pagina Facebook di DR Ultra e ripubblicata su altre piattaforme di social media, una raffica di commenti da parte degli utenti ha mostrato una chiara opposizione al concetto attuato dallo show, cioè di esporre i bambini a corpi di adulti nudi.

 

Dopo le bambine ipersessualizzate di Netflix, ci mancava anche questa.

 

In Italia tale spettacolo non sarebbe nemmeno legale, se è vero che, come si racconta, l’improbabile «maestro» del cinema horror Lucio Fulci dovette assumere dei nani per girare le scene del suo thriller siculo Non si sevizia un paperino, dove Barbara Bouchet appariva nuda davanti ad un bambino.

Lo sdoganamento della pedofilia fa piccoli grandi passi ogni giorno, in ogni parte del mondo.

 

Lo sdoganamento della pedofilia fa piccoli grandi passi ogni giorno, in ogni parte del mondo.

 

Ricordiamo volentieri il paese nordico di Danimarca anche per il fatto di aver già varato a inizio marzo una legge per la vaccinazione forzata anti-COVID anche quando il vaccino COVID non esiste.