Cure per la fertilità, correlazione con difetti alla nascita

 

 

Le donne che lottano per rimanere incinte o usano tecnologie riproduttive come la fecondazione in vitro (IVF) potrebbero avere più probabilità di avere dei prematuri e dei bambini con difetti alla nascita rispetto alle loro coetanee che concepiscono senza difficoltà, suggerisce uno studio statunitense riportato da Reuters.

 

L’infertilità è stata a lungo collegata a un aumentato rischio di consegne premature, e l’attuale studio ha offerto nuove prove di ciò. Rispetto alle donne senza problemi di fertilità, le donne che hanno lottato per concepire avevano il 39% di probabilità in più di avere neonati prematuri, mentre il rischio associato all’uso di tecnologie riproduttive era del 79%.

 

Lo studio ha anche rilevato che le donne che erano «subfertili» o che avevano difficoltà a concepire, erano il 21% più probabilità di avere bambini con difetti alla nascita rispetto alle donne che rimanevano incinte senza difficoltà.

 

Inoltre, quando i ricercatori hanno spiegato come sono arrivati ​​i primi neonati in gravidanza, hanno scoperto che i bambini nati da madri con problemi di fertilità o o ottenuti con la riproduzione artificiale avevano maggiori probabilità di avere anomalie congenite, condizioni cardiovascolari, malattie infettive e problemi respiratori.

I bambini nati da madri con problemi di fertilità o ottenuti con la riproduzione artificiale avevano maggiori probabilità di avere anomalie congenite, condizioni cardiovascolari, malattie infettive e problemi respiratori

 

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati su 336.705 bambini nati da madri fertili nel Massachusetts dal 2004 al 2010, così come 5.043 bambini nati da donne con problemi di fertilità e 8.375 bambini le cui madri hanno utilizzato la riproduzione artificiale.

 

«C’è stata una grande quantità di ricerche che mostrano che i bambini concepiti da ART sono più piccoli, hanno gesti più brevi e più difetti di nascita rispetto ai bambini concepiti naturalmente» ha detto il ricercatore alla Reuters, che pare nel suo reportage tentare di difendere come può la pratica della fecondazione in vitro.