COVID, orrore in Bolivia

 

 

Diversi quotidiani iberoamericani questa settimana hanno riferito che tra il 15 e il 20 luglio – nemmeno una settimana –  la speciale unità di polizia anti-crimine della Bolivia, ha raccolto 420 cadaveri in tutto il paese, l’85% dei quali si presumeva fossero stati infettati con COVID-19.

 

Tra aprile e luglio, sono stati raccolti in totale 3.500 cadaveri: da strade, automobili e case, secondo il quotidiano Infobae.

 

Una foto che è diventata virale su Internet era quella di un carro funebre con un cartello che diceva che il corpo della persona all’interno era stato in una casa privata per diversi giorni e si stava quindi decomponendo, ha riferito Página 12 il 22 luglio.

Tra aprile e luglio, sono stati raccolti in totale 3.500 cadaveri: da strade, automobili e case

 

I corpi sono stati recuperati in cinque diversi dipartimenti (province), il maggior numero di Cochabamba, seguito da La Paz.

 

Ufficialmente, il paese ha registrato 64.135 casi e 2.324 morti. Virgilio Prieto, direttore nazionale per l’epidemiologia, ha riferito a Infobae che i casi raddoppiano ogni settimana, soprattutto a La Paz e Cochabamba.

 

Il sistema sanitario boliviano pare essere crollato e abbondano storie di persone che muoiono alle porte dell’ospedale dopo che è stato loro negato l’ingresso per la mancanza di letti disponibili.

 

Il sistema sanitario boliviano pare essere crollato e abbondano storie di persone che muoiono alle porte dell’ospedale dopo che è stato loro negato l’ingresso per la mancanza di letti disponibili

Oltre il 70% della forza lavoro della Bolivia lavora nel settore “informale”, vivendo  da venditori ambulanti e altri impieghi non produttivi. La disoccupazione è raddoppiata negli ultimi sei mesi.

 

Il ministro degli Interni Arturo Murillo ha sostenuto che «molte persone muoiono per semplice ignoranza», e che aspettano troppo a lungo prima di cercare cure mediche.

 

Murillo, insieme al presidente Áñez e altri cinque ministri del gabinetto, nonché diversi vice-ministri, sono tutti risultati positivi per il coronavirus.