COVID, 600.000 posti di lavoro persi da febbraio (e il Governo proroga lo «stato di emergenza»)

 

 

Le ultime analisi Istat riportano un dato tutt’altro che confortante: da febbraio — cioè dall’inizio dell’emergenza COVID— ad oggi sono stati persi 600.000 posti di lavoro.

 

700.000 è invece il numero di persone che non lavora e nemmeno ne cerca.

 

I dati dell’Istat sull’occupazione mostrano anche come in un anno siano stati persi 752.000 posti di lavoro (-3,2%) e gli inattivi siano ad oggi 899.000. 

 

I dati dell’Istat sull’occupazione mostrano anche come in un anno siano stati persi 752.000 posti di lavoro (-3,2%) e gli inattivi siano ad oggi 899.000

Il tasso di disoccupazione, intanto, cresce e arriva all’8,8% — e siamo ancora a metà 2020.

 

Confrontando il mese di giugno con quello di maggio, nell’analisi sull’occupazione l’Istat sottolinea che rispetto al mese di maggio, «a giugno prosegue, a ritmo meno sostenuto, la diminuzione dell’occupazione e la crescita del numero di persone in cerca di lavoro, a fronte di un calo dell’inattività. Continua anche il recupero del numero di ore lavorate pro capite».

 

Ovviamente non si può nemmeno lontanamente parlare di miglioramenti, soprattutto dopo che il governo ha deciso di prorogare il cosiddetto «stato di emergenza» sanitaria fino al 15 ottobre.

 

Non si può nemmeno lontanamente parlare di miglioramenti, soprattutto dopo che il governo ha deciso di prorogare il cosiddetto «stato di emergenza» sanitaria fino al 15 ottobre

L’impatto che questa emergenza ha già avuto sulle imprese ha determinato «seri rischi per la sopravvivenza» — come evidenziato da Roberto Monducci, direttore del Dipartimento per la produzione statistica dell’Istat sentito in Senato, parlando di un drastico calo del mercato occupazionale:

 

«Il 38,8% delle imprese italiane (pari al 28,8% dell’occupazione, circa 3,6 milioni di addetti, e al 22,5% del valore aggiunto, circa 165 miliardi di euro) ha denunciato l’esistenza di fattori economici e organizzativi che ne mettono a rischio la sopravvivenza nel corso dell’anno».

 

«Oltre un terzo delle imprese — ha continuato Monducci — ha denunciato fattori economici ed organizzativi che mettono a rischio la sopravvivenza, rilevando un rischio per la sostenibilità dell’attività da qui a fine anno».

«Oltre un terzo delle imprese ha denunciato fattori economici ed organizzativi che mettono a rischio la sopravvivenza, rilevando un rischio per la sostenibilità dell’attività da qui a fine anno»

 

A fronte di questi numeri, l’emergenza ci pare legata a tutt’altro campo, più che a quello sanitario.

 

Prorogare uno stato di emergenza senza nessuna emergenza vuol dire distruggere ancora di più le attività lavorative, l’economia e, quindi, le famiglie. 

 

Non moriremo di COVID ma di fame. 

Uccideranno le dignità di milioni di persone alle quali, in un mondo ipermaterialista e senza Fede, verrà facile, facilissimo, pensare di farla finita

 

E, soprattutto, uccideranno le dignità di milioni di persone alle quali, in un mondo ipermaterialista e senza Fede, verrà facile, facilissimo, pensare di farla finita. 

 

 

Cristiano Lugli