Cosa non vi dicono del vaccino Pfizer

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

 

 

Bill Gates sta attivamente finanziando e promuovendo nuovi vaccini non testati che dovrebbero tenerci almeno un po’ al sicuro da una morte orribile a causa del nuovo coronavirus e presumibilmente permetterci di riprendere una vita in qualche modo «normale». Il gigante farmaceutico Pfizer ha ora annunciato quelli che sostengono essere risultati spettacolari nei primi test umani. Usano una tecnologia sperimentale nota come editing genetico, in particolare l’editing genico dell’mRNA, qualcosa mai usato prima nei vaccini. Prima di affrettarci a farci bucare nella speranza di una qualche immunità, dovremmo saperne di più sulla tecnologia sperimentale radicale e sulla sua mancanza di precisione.

 

 

Usano una tecnologia sperimentale nota come editing genetico, in particolare l’editing genico dell’mRNA, qualcosa mai usato prima nei vaccini

Il mondo finanziario è impazzito il 9 novembre quando il gigante farmaceutico Pfizer e il suo partner tedesco, BioNTech, hanno annunciato in un comunicato stampa aziendale di aver sviluppato un vaccino per il COVID-19 che era efficace al «90%». Il controverso capo statunitense del NIAID, Tony Fauci, si è precipitato a salutare la notizia e l’UE ha annunciato di aver acquistato 300 milioni di dosi del costoso nuovo vaccino. Se credete ai mercati finanziari, la pandemia è quasi storia passata.

 

 

Eventi sospetti

Tuttavia sembra che Albert Bourla, il CEO di Pfizer, non condivida la fiducia delle sue stesse affermazioni. Il giorno in cui la sua azienda ha pubblicato il suo comunicato stampa sulle sperimentazioni sui vaccini proposte, ha venduto il 62% delle sue azioni in Pfizer, realizzando milioni di profitti nell’affare. Ha emesso l’ordine di vendita in un’opzione speciale in agosto in modo che non sembrasse «vendita da informazioni privilegiate», tuttavia la ha anche programmata subito dopo le elezioni statunitensi con i media mainstream a dichiarare illegittimamente Joe Biden presidente eletto. Sembra dalle apparenze che Bourla avesse un conflitto di interessi piuttosto chiaro sulla tempistica del suo comunicato stampa nello stesso giorno.

 

Bourla ha mentito e ha negato alla stampa che la sua azienda avesse ricevuto fondi dall’amministrazione Trump per sviluppare il vaccino quando è uscito che hanno stipulato un contratto in estate per fornire 100 milioni di dosi al governo degli Stati Uniti. Ulteriore aggiunta alle azioni sospette di Pfizer è stato il fatto che la società ha prima informato il team di Joe Biden piuttosto che le agenzie governative statunitensi competenti.

 

Il giorno in cui la sua azienda ha pubblicato il suo comunicato stampa sulle sperimentazioni sui vaccini proposte, il CEO ha venduto il 62% delle sue azioni in Pfizer, realizzando milioni di profitti nell’affare

Ma questo non è l’unico aspetto allarmante del tanto pubblicizzato annuncio della Pfizer.

 

 

Il partner tedesco

Pfizer, famosa per il suo Viagra e altri farmaci, ha collaborato con una piccola azienda di Mainz, in Germania, BioNTech, che ha sviluppato la tecnica dell’mRNA radicale utilizzata per produrre il nuovo vaccino corona.

 

BioNTech è stata fondata solo nel 2008. BioNTech ha firmato un accordo con la Bill & Melinda Gates Foundation a settembre 2019, poco prima dell’annuncio a Wuhan in Cina del nuovo Coronavirus e poco prima che BioNTech facesse il suo debutto in borsa. L’accordo prevedeva la cooperazione per lo sviluppo di nuove tecniche di mRNA per il trattamento del cancro e dell’HIV. Curiosamente quel comunicato stampa, «La Fondazione Gates vede il potenziale di BioNTech per ‘ridurre drasticamente l’HIV e la tubercolosi globali» del 05 settembre 2019, è stato ora cancellato.

 

BioNTech ha firmato un accordo con la Bill & Melinda Gates Foundation a settembre 2019, poco prima dell’annuncio a Wuhan in Cina del nuovo Coronavirus e poco prima che BioNTech facesse il suo debutto in borsa

BioNTech ha anche un accordo con uno dei maggiori produttori di farmaci in Cina, Shanghai Fosun Pharmaceutical Co., Ltd («Fosun Pharma») per sviluppare una versione del suo vaccino mRNA per il nuovo coronavirus per il mercato cinese.

 

Ai-Min Hui, Presidente di Global R&D di Fosun Pharma, ha detto in una dichiarazione di agosto: «Dosare il primo soggetto cinese con BNT162b1 segna una pietra miliare del programma globale di co-sviluppo in Cina. Stiamo lavorando a stretto contatto con BioNTech e le autorità di regolamentazione per valutare la sicurezza e l’efficacia di BNT162b1 e di altri candidati vaccini a mRNA».

 

Ciò significa che la stessa azienda biotecnologica tedesca è dietro i vaccini COVID che vengono lanciati in fretta in Cina, negli Stati Uniti e nell’UE. Il vaccino sta per essere approvato in fretta e furia in un tempo breve in modo allarrmante.

 

Ciò significa che la stessa azienda biotecnologica tedesca è dietro i vaccini COVID che vengono lanciati in fretta in Cina, negli Stati Uniti e nell’UE

Sia le autorità statunitensi che quelle dell’UE e presumibilmente anche cinesi, hanno rinunciato ai test standard sugli animali utilizzando furetti o topi e sono passate direttamente alle «cavie» umane. I test sull’uomo sono iniziati alla fine di luglio e all’inizio di agosto. Tre mesi sono inauditi per testare un nuovo vaccino. Diversi anni sono la norma.

 

A causa del grado di panico globale generato dall’OMS sul coronavirus, la cautela è stata gettata al vento. I produttori di vaccini hanno tutti un’indennità legale, il che significa che non possono essere citati in giudizio se le persone muoiono o vengono mutilate dal nuovo vaccino. Ma il fatto più allarmante del nuovo vaccino modificato geneticamente Pfizer-BioNTech è che l’mRNA modificato geneticamente per l’applicazione del vaccino umano non è mai stato approvato prima.

 

In particolare, test di due anni sottoposti a revisione paritaria su topi alimentati con mais geneticamente modificato spruzzato con Roundup Monsanto ricco di glifosato hanno mostrato per la prima volta effetti tumorali dopo nove mesi, nonché danni al fegato e ad altri organi. I primi test dell’azienda Monsanto si sono conclusi a tre mesi e hanno sostenuto di non aver riportato alcun dannoUna situazione simile esiste con i vaccini a mRNA modificati geneticamente che vengono fatti uscire rapidamente dopo meno di 90 giorni di test sull’uomo.

Tre mesi sono inauditi per testare un nuovo vaccino. Diversi anni sono la norma. A causa del grado di panico globale generato dall’OMS sul coronavirus, la cautela è stata gettata al vento

 

 

«Esplicitamente sperimentale»

Il Dr. Michael Yeadon ha risposto in un recente commento pubblico sui social media a un collega nel Regno Unito: «Tutti i vaccini contro il virus SARS-COV-2 sono per definizione nuovi. Nessun vaccino candidato è stato in sviluppo da più di pochi mesi».

 

Yeadon ha poi proseguito dichiarando: «Se un qualsiasi vaccino di questo tipo è approvato per l’uso in circostanze che non sono ESPLICITAMENTE sperimentali, credo che i destinatari vengano ingannati in misura criminale. Questo perché ci sono esattamente zero volontari umani per i quali potrebbero esserci più  informazioni sulla sicurezza riguardo la dose fatta da pochi mesi».

 

«Tutti i vaccini contro il virus SARS-COV-2 sono per definizione nuovi. Nessun vaccino candidato è stato in sviluppo da più di pochi mesi»

Yeadon è ben qualificato per fare la critica. Come osserva nel commento, «Ho una laurea in Biochimica e Tossicologia e un dottorato di ricerca in farmacologia. Ho trascorso 32 anni lavorando in ricerca e sviluppo farmaceutico, principalmente in nuovi farmaci per i disturbi dei polmoni e della pelle. Ero un VP presso Pfizer & CEO…. di una biotech da me fondata (Ziarco – acquisita da Novartis). Sono informato  sulla ricerca e sviluppo di nuovi farmaci». In precedenza è stato con Pfizer a un livello molto alto.

 

 

Cavie umane?

Il vaccino Pfizer-BioNTech è sperimentale e tutt’altro che sicuro, nonostante Pfizer, l’UE e il famigerato dottor Tony Fauci sembrino pronti a distribuirlo anche prima della fine dell’anno a centinaia di milioni di esseri umani.

 

La tecnologia sperimentale si basa su una manipolazione genica piuttosto nuova nota come modifica genetica

La tecnologia sperimentale si basa su una manipolazione genica piuttosto nuova nota come modifica genetica. In un importante articolo della rivista Foreign Affairs del New York Council on Foreign Affairs , Bill Gates ha promosso con entusiasmo la nuova tecnologia CRISPR di editing genetico in grado di «trasformare lo sviluppo globale». Ha notato che la sua Fondazione Gates ha finanziato sviluppi di editing genetico per vaccini e altre applicazioni per un decennio.

 

Ma la tecnologia per la rottura e l’unione dei geni umani è così assolutamente sicura che vale la pena rischiare su un nuovo vaccino sperimentale mai usato prima sugli esseri umani? Contrariamente a quanto afferma Bill Gates, la risposta scientifica è no, non è dimostrato così sicuro.

 

In un articolo sottoposto a revisione paritaria nella rivista Trends in Genetics dell’ottobre 2020 , gli autori concludono che «la gamma di possibili eventi molecolari derivanti dall’editing del genoma è stata sottovalutata e la tecnologia rimane imprevedibile e lontana dal locus target».

 

Bill Gates ha promosso con entusiasmo la nuova tecnologia CRISPR di editing genetico in grado di «trasformare lo sviluppo globale»

Il dottor Romeo Quijano, professore in pensione di Farmacologia e Tossicologia presso il College of Medicine, Università delle Filippine di Manila, ha notato alcuni dei pericoli dell’editing genetico sperimentale quando applicato ai vaccini umani.

 

Quijano «avverte del pericolo che il vaccino possa effettivamente «potenziare» la patogenicità del virus, o renderlo più aggressivo forse a causa del potenziamento anticorpo dipendente (ADE), come è accaduto con precedenti studi sui vaccini sperimentali negli animali. Se ciò dovesse accadere in una grande sperimentazione umana, il risultato potrebbe essere disastroso☼.

 

«Questo grave effetto avverso potrebbe non essere rilevato nemmeno da una sperimentazione clinica, specialmente in studi clinici fortemente distorti carichi di conflitti di interesse che coinvolgono le aziende produttrici di vaccini. Anche quando viene rilevato un evento avverso grave, questo di solito viene nascosto sotto il tappeto»

 

«La gamma di possibili eventi molecolari derivanti dall’editing del genoma è stata sottovalutata e la tecnologia rimane imprevedibile»

Egli cita il caso di un altro candidato al vaccino Gates mRNA, Moderna, dove «tre dei quindici soggetti umani sperimentali nel gruppo ad alto dosaggio hanno sofferto di sintomi gravi e clinicamente significativi. Moderna, tuttavia, ha concluso che il vaccino era “generalmente sicuro e ben tollerato”, come i media dominati dalle aziende hanno diligentemente riportato, coprendo il pericolo reale».

 

Egli osserva: «L’mRNA esogeno è intrinsecamente immunostimolante e questa caratteristica dell’mRNA potrebbe essere benefica o dannosa. Può fornire attività adiuvante e può inibire l’espressione dell’antigene e influenzare negativamente la risposta immunitaria. Gli effetti paradossi del rilevamento immunitario innato su diversi formati di vaccini a mRNA non sono completamente compresi». Quijano aggiunge: «Un vaccino a base di mRNA potrebbe anche indurre potenti risposte all’interferone di tipo I, che sono state associate non solo all’infiammazione ma anche potenzialmente all’autoimmunità… e possono promuovere la coagulazione del sangue e la formazione di trombi patologici».

 

Quijano scrive nell’articolo ampiamente documentato, «tra gli altri pericoli, i vaccini a vettore virale potrebbero subire la ricombinazione con virus presenti in natura e produrre virus ibridi che potrebbero avere proprietà indesiderabili che influenzano la trasmissione o la virulenza. I possibili risultati della ricombinazione sono praticamente impossibili da quantificare con precisione dati gli strumenti e le conoscenze esistenti. I rischi, tuttavia, sono reali, come esemplificato dall’emergere di tipi mutanti di virus, una maggiore patogenicità e gravi eventi avversi inattesi (inclusa la morte) a seguito di campagne di vaccinazione di massa casuali e precedenti tentativi falliti di sviluppare vaccini chimerici utilizzando la tecnologia dell’ingegneria genetica».

 

«I rischi, tuttavia, sono reali, come esemplificato dall’emergere di tipi mutanti di virus, una maggiore patogenicità e gravi eventi avversi inattesi (inclusa la morte) a seguito di campagne di vaccinazione di massa casuali e precedenti tentativi falliti di sviluppare vaccini chimerici utilizzando la tecnologia dell’ingegneria genetica»

Bill Gates, i produttori di vaccini mRNA tra cui Pfizer / BioNTech e Moderna, ei loro stretti alleati come il dottor Tony Fauci del NIAID stanno chiaramente giocando velocemente e liberamente con le vite umane nella loro fretta di ottenere questi vaccini sperimentali nei nostri corpi.

 

In particolare, lo stesso Dr. Fauci e il suo NIAID possiedono il brevetto su un vaccino per la febbre dengue noto come Dengvaxia, commercializzato da Sanofi-Pasteur e promosso come vaccino «essenziale» dall’OMS di Tedros dal 2016.

 

Robert F. Kennedy jr. ha osservato che Fauci e NIAID«”sapevano dagli studi clinici che c’era un problema con la risposta immunitaria paradossa», ma l’hanno dato comunque a diverse centinaia di migliaia di bambini filippini. È stato stimato che ben 600 bambini vaccinati siano morti prima che il governo interrompesse le vaccinazioni.

 

Chiaramente il consolidato principio di precauzione – se hai seri dubbi, non farlo–  viene ignorato da Fauci, Pfizer / BioNTech e altri che si affrettano ad approvare il nuovo vaccino mRNA per il coronavirus. La tecnologia a RNA Messaggero deve ancora produrre un medicinale approvato, figuriamoci un vaccino.

 

 

William Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl