Coronavirus, i test sierologici sono attendibili?

 

 

La campagna per i primi test sierologici sulla popolazione è già partita in alcune Regioni che hanno deciso di iniziare da sole, senza attendere la validazione del Comitato tecnico scientifico che dovrebbe fare chiarezza e dare indicazioni sui test che verranno prescelti.

 

L’obiettivo sarebbe quello di arrivare a definire attraverso i test di immunità la percentuale di cittadini che ha sviluppato anticorpi essendo entrata in contatto con SARS-CoV-2, e il campione dovrebbe comprendere 150.000 cittadini divisi per sei fasce d’età, sesso e profili professionali. Il quadro dovrebbe essere altresì utile per meglio comprendere la pervasività del virus a livello territoriale ma anche in relazione ai diversi settori, così da definire un profilo di rischio dei diversi lavoratori in vista della presunta fase 2 del Paese, prevista per gli inizi di maggio.

 

Nella circolare del Ministero della Salute si intravedeva quasi una sconfessione rispetto all’efficacia dei test sierologici ad oggi utilizzati

Le stesse Regioni, però, pur avendo già iniziato per conto loro la campagna sierologica — e parliamo delle Regioni evidentemente più colpite dal virus — fanno pressioni sul Ministero della Salute affinché vengano fornite linee guida più chiare e corrette sulla validità di questi test, o su quali risulterebbero essere più attendibili.

 

In effetti la questione è proprio quella: questi test sierologici, sono attendibili? Mentre Regioni come l’Emilia-Romagna partivano a testarli sugli operatori sanitari prima di tutto, il Ministero della Salute, il 3 aprile scorso, emanava una circolare dove in mezzo al solito grigiume delle spiegazioni o si intravedeva quasi una sconfessione rispetto all’efficacia dei test sierologici ad oggi utilizzati:

 

Nella casa protetta per anziani in cui lavoro sono stati effettuati test sierologici a tappeto su tutto il personale circa dieci giorni fa. Praticamente tutti, eccetto un paio, dopo quindici minuti dal piccolo prelievo di sangue hanno avuto il medesimo risultato: negativo

«I test sierologici — dice ad un certo punto la circolare del Ministero — sono molto importanti nella ricerca e nella valutazione epidemiologica della circolazione virale. Diversamente, come attualmente anche l’OMS raccomanda, per il loro uso nell’attività diagnostica d’infezione in atto da SARS-CoV-2, necessitano di ulteriori evidenze sulle loro performance e utilità operativa. In particolare, i test rapidi basati sull’identificazione di anticorpi IgM e IgG specifici per la diagnosi di infezione da SARS-CoV-2, secondo il parere espresso dal CTS (Comitato Tecnico Scientifico) non possono, allo stato attuale dell’evoluzione tecnologica, sostituire il test molecolare basato sull’identificazione di RNA virale dai tamponi nasofaringei secondo i protocolli indicati dall’OMS».

 

Quelli più utilizzati ad oggi sono proprio i test rapidi basati sull’identificazione di anticorpi IgM e IgG . Se ne può perciò evincere che l’unico mezzo ad oggi riconosciuto come più affidabile per rivelare la presenza del Covid-19 sia il tampone. 

 

Anche perché, continua la circolare ministeriale, «il risultato qualitativo ottenuto su un singolo campione di siero non è sufficientemente attendibile per una valutazione diagnostica, in quanto la rilevazione della presenza degli anticorpi mediante l’utilizzo dei test rapidi non è comunque indicativo di un’infezione acuta in atto, e quindi della presenza di virus nel paziente e rischio associato a una sua diffusione nella comunità. Inoltre, per ragioni di possibile cross-reattività con altri patogeni affini come altri coronavirus umani, il rilevamento degli anticorpi potrebbe non essere specifico della infezione da SARS-CoV2. Infine, l’assenza di rilevamento di anticorpi (non ancora presenti nel sangue di un individuo per il ritardo che fisiologicamente connota una risposta umorale rispetto all’infezione virale) non esclude la possibilità di un’infezione in atto in fase precoce o asintomatica e relativo rischio di contagiosità dell’individuo».

Praticamente dal giorno dopo, gli operatori sanitari hanno iniziato ad ammalarsi, fino ad arrivare alla decimazione del personale. Ognuno tragga le proprie conclusioni.

 

Aldilà di queste delucidazioni da parte del Ministero della Salute verso il quale, in ogni caso, riserveremmo ben poca Speranza, posso portare ad esempio la mia esperienza personale.

 

Nella casa protetta per anziani in cui lavoro sono stati effettuati test sierologici a tappeto su tutto il personale circa dieci giorni fa. Praticamente tutti, eccetto un paio, dopo quindici minuti dal piccolo prelievo di sangue hanno avuto il medesimo risultato: negativo. Dai test risultava che praticamente nessuno fosse entrato in contatto con il virus né, quindi, avesse sviluppato alcun tipo di anticorpi.

 

Praticamente dal giorno dopo, gli operatori sanitari hanno iniziato ad ammalarsi, fino ad arrivare alla decimazione del personale. Ognuno tragga le proprie conclusioni. 

Il caos e aleggia sopra le cattedre dei grandi virologi della scienzah, i Comitati Tecnico Scientifici e i Ministeri che, a quanto pare, continuano a non capirci granché rispetto a questo virus

 

Sicuramente i test andrebbero ripetuti dopo quindici giorni, ma non possiamo di certo affidarci ad un metodo che ne sbaglia almeno 30 su 50, e che quindi non può guadagnarsi nemmeno la fiducia su quei 20 rimasti, forse, a questo punto, figli del caso. 

 

O del caos, quello che aleggia sopra le cattedre dei grandi virologi della scienzah, i Comitati Tecnico Scientifici e i Ministeri che, a quanto pare, continuano a non capirci granché rispetto a questo virus.

 

 

Cristiano Lugli