Cina, riesumate e bruciate salme per promuovere ufficialmente la cremazione

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo apparso sul sito Bitter Winter – Libertà religiosa e diritti umani in Cina.

 

 

 

Per compiacere i superiori, i funzionari di Xingtai adottano misure drastiche nel quadro della «riforma funeraria» voluta dal governo centrale.

 

 

Dall’inizio dell’anno l’amministrazione di Xingtai, una città nella provincia settentrionale dell’Hebei, ha vietato la sepoltura dei defunti, sperando così di raggiungere l’obiettivo del 100% di cremazioni entro il 1° ottobre.

 

La cremazione viene promossa come unica forma accettabile per il riposo dei defunti. Tale pratica contraddice però le convinzioni di molto credenti, che difficilmente possono accettarla

 

la cremazione di tutti i residenti deceduti
In aprile lo Xingtai Daily ha riferito che l’amministrazione comunale ha infatti ordinato la cremazione di tutti i residenti deceduti. Chi non si adegua alle disposizioni ne subisce le conseguenze (Screenshot del sito web)

Alcuni anziani disperati hanno così preferito suicidarsi prima che la riforma entrasse in vigore vietando la sepoltura tradizionale

 

Negli ultimi anni, per volontà del governo centrale, che intende limitare gli spazi adibiti a uso commerciale, riforme funerarie analoghe sono state implementate in tutto il Paese. La cremazione viene promossa come unica forma accettabile per il riposo dei defunti. Tale pratica contraddice però le convinzioni di molto credenti, che difficilmente possono accettarla. Alcuni anziani disperati hanno così preferito suicidarsi prima che la riforma entrasse in vigore vietando la sepoltura tradizionale.

 

La sepoltura dei defunti è una tradizione profondamente radicata nella Cina rurale. Molti ritengono che la cremazione sia irrispettosa verso i morti e credono che solo chi è stato sepolto può riposare dopo la morte. Tuttavia la riforma è in corso di applicazione in tutto il Paese e non consente deroghe: e così i defunti già sepolti vengono riesumati e cremati.

 

Molti ritengono che la cremazione sia irrispettosa verso i morti e credono che solo chi è stato sepolto può riposare dopo la morte

cittadini di firmare dichiarazioni
L’amministrazione comunale di Xingtai ha chiesto ai cittadini di firmare dichiarazioni con cui si impegnano a cremare i defunti (Immagine tratta da Internet)

La riforma è in corso di applicazione in tutto il Paese e non consente deroghe: e così i defunti già sepolti vengono riesumati e cremati

 

Il 26 aprile nella municipalità di Taizijing, nell’area metropolitana di Xingtai, un ottantenne è deceduto e la notte stessa i suoi figli lo hanno sepolto nel rispetto delle usanze locali. Dopo una decina di giorni i funzionari dell’amministrazione comunale li hanno costretti a riesumare e a cremare il defunto, minacciando di revocarne le pensioni e di espellerli dal PCC.

 

Non ritenendo accettabile la richiesta per loro disumana, i figli del defunto hanno risposto ai funzionari che i morti non debbono essere disturbati. Ma, ignorando la loro volontà, alle prime ore del mattino del 19 maggio, alcuni dipendenti comunali hanno riesumato la salma e l’hanno cremata sul posto.

 

I funzionari hanno ordinato di «promuovere le cremazioni e rifiutare le sepolture» al fine di raggiungere un tasso di cremazione del 100%

Il 21 aprile a Xingtai, mentre i familiari di un settantenne deceduto il giorno prima si stavano preparando per la sepoltura, alcuni funzionari dell’amministrazione comunale e del partito si sono riuniti con gli amministratori di 20 villaggi nel cimitero dove l’uomo doveva essere sepolto al fine di discutere sulle pratiche funebri nella zona.

 

I funzionari hanno ordinato di «promuovere le cremazioni e rifiutare le sepolture» al fine di raggiungere un tasso di cremazione del 100%.

 

A tre funzionari di un villaggio è stato ordinato di ricoprire una fossa già scavata per impedire ai familiari di seppellire il defunto. Uno dei funzionari si è rifiutato ma un superiore gli ha detto minacciosamente: «se lui non viene cremato oggi, tu sarai cremato domani».

Uno dei funzionari si è rifiutato ma un superiore gli ha detto minacciosamente: «se lui non viene cremato oggi, tu sarai cremato domani»

 

A partire dal 15 aprile, secondo un documento intitolato Piano di attuazione per estendere ulteriormente la riforma delle sepolture – emesso congiuntamente all’inizio dell’anno dall’Ufficio del comitato municipale del Partito di Xingtai e dall’Ufficio dell’amministrazione comunale – funzionari governativi, dipendenti di istituzioni statali, organizzazioni sociali, imprese e membri del PCC deceduti, e i loro parenti stretti, dovranno tassativamente essere cremati e non sepolti.

 

Per dimostrare che i membri del PCC devono dare l’esempio, in maggio l’amministrazione di un borgo nell’area metropolitana di Xingtai ha licenziato per non aver attuato la «riforma funeraria» il funzionario di un villaggio che aveva fatto inumare il padre defunto.

 

 

Yang Xiangwen

 

 

Articolo apparso su Bitter Winter con il titolo «Riesumate e bruciate salme per promuovere ufficialmente la cremazione».

 

«Il nostro lavoro funziona grazie a qualche centinaio di reporter cinesi, una cinquantina dei quali sono stati arrestati e una trentina ancora in prigione – ci ricorda il professor Introvigne, direttore di Bitter Winter – Nessuno di loro è retribuito e continuano a fare uscire notizie e fotografie inedite a rischio della galera»