Carne, il modello agroalimentare sta fallendo

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl con il consenso dell’autore

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 L’integrazione verticale della nostra catena di approvvigionamento alimentare durante la globalizzazione degli ultimi decenni ha creato una vulnerabilità allarmante proprio per il tipo di crisi che abbiamo ora

Negli ultimi decenni l’organizzazione delle forniture alimentari a livello mondiale dai produttori ai consumatori è stata riorganizzata in una distribuzione globalizzata nota come industria agroalimentare.

 

Con il blocco mondiale causato dai timori per la diffusione del Coronavirus, COVID-19, quella catena globale di approvvigionamenti rischia un fallimento catastrofico. Ciò provocherebbe un numero di morti di gran lunga superiore a quelli provocati dal Coronavirus. Eppure i governi sembrano ignorarlo.

 

L’imposizione di una quarantena di massa senza precedenti, la chiusura di scuole, ristoranti e fabbriche in gran parte del mondo sta catalizzando l’attenzione sull’allarmante vulnerabilità di quella che è una catena di approvvigionamento alimentare globale vicina al collasso.

Con il blocco mondiale causato dai timori per la diffusione del Coronavirus, COVID-19, la catena alimentare globale di approvvigionamenti rischia un fallimento catastrofico. Ciò provocherebbe un numero di morti di gran lunga superiore a quelli provocati dal Coronavirus

 

Prima del blocco, circa il 60% di tutto il cibo consumato negli Stati Uniti veniva consumato fuori casa. Sono compresi ristoranti, fast food, scuole, mense universitarie, mense aziendali e simili.

 

Questi esercizi sono chiusi da marzo, creando una gigantesca interruzione a quella che è stata una ben organizzata catena di approvvigionamento di beni alimentari. I grandi ristoranti o le mense aziendali ricevono forniture di tutti i generi, dal burro alla carne, in volumi e imballaggi completamente diversi rispetto ai supermercati e alla vendita al dettaglio.

 

C’è un tallone d’Achille nella gigantesca concentrazione agroalimentare nota come CAFO o Organizzazioni per l’Agricoltura e l’Alimentazione.

 

 

Il 12 aprile, uno dei più grandi impianti di lavorazione di carne suina negli Stati Uniti, Smithfield Foods, a Sioux Falls, nel South Dakota, ha annunciato che chiuderà a tempo indeterminato

CAFO a rischio

Il 12 aprile, uno dei più grandi impianti di lavorazione di carne suina negli Stati Uniti, Smithfield Foods, a Sioux Falls, nel South Dakota, ha annunciato che chiuderà a tempo indeterminato dopo che diverse centinaia di suoi 3.700 dipendenti sono risultati positivi al coronavirus, COVID-19. La chiusura di quell’unico stabilimento avrà un impatto del 5% circa sulla fornitura di carne suina negli Stati Uniti. Smithfields Foods è una delle maggiori concentrazioni agroalimentari al mondo.

 

Nel 2018, Smithfields, il più grande produttore di carne suina del mondo, è stato costretto a pagare quasi mezzo miliardo di dollari nel suo impianto di Tar Heel, nella Carolina del Nord, per il massiccio e spropositato inquinamento. Quell’unico impianto, il più grande del mondo, macella ogni giorno circa 32.000 maiali. I rifiuti fecali degli animali, in cui sono state riscontrate dosi massicce di antibiotici per controllare le infezioni, sono stati la causa dell’azione legale.

 

Smithfields Foods ha filiali in Messico, Polonia, Romania, Germania e Regno Unito, principalmente paesi in cui le norme sono più permissive. E il gruppo con sede in Virginia oggi è di proprietà della Cina.

 

Nel 2013 il più grande produttore di carne in Cina, WH Group di Luohe, Henan, ha acquistato Smithfield Foods per $ 4,72 miliardi

Nel 2013 il più grande produttore di carne in Cina, WH Group di Luohe, Henan, ha acquistato Smithfield Foods per $ 4,72 miliardi. Questo ha reso l’azienda cinese uno dei maggiori proprietari terrieri stranieri negli Stati Uniti e proprietario del più grande fornitore di carne suina negli Stati Uniti. Dato che la Cina ha subito una devastante perdita della sua popolazione di suini (circa il 50%) nel 2019 a causa della peste suina africana, oggi ci sono enormi richieste della produzione di carne di maiale da Smithfields.

 

I test COVID nello stabilimento del South Dakota sono solo la punta di un iceberg molto precario di infezioni e malattie, non solo di ceppi di coronavirus, diffusi nell’enorme concentrazione agroalimentare nel Nord America e nel mondo.

 

Un altro conglomerato di lavorazione della carne, Tyson Foods, il 6 aprile è stato costretto a chiudere la sua fabbrica a Waterloo, Iowa, dopo la morte di due lavoratori risultati positivi al Coronavirus.

Quattro lavoratori di uno stabilimento Tyson a Camilla, Georgia, sono morti dopo essere stati risultati positivi al COVID-19

 

Il 17 aprile, dopo che quattro lavoratori di uno stabilimento Tyson a Camilla, Georgia, sono morti dopo essere stati risultati positivi al COVID-19, sono iniziate le pressioni affinché la società chiudesse anche quell’impianto. Ad oggi la società afferma che rileverà la temperatura dei suoi lavoratori e imporrà l’uso di maschere facciali nell’impianto, densamente affollato e con operai mal retribuiti.

 

Il sindacato sta chiedendo un periodo di quarantena di 14 giorni, pagati come indennità di malattia, per i lavoratori risultati positivi, finora senza successo. Non ci sono prove di esami dettagliati per stabilire se questi lavoratori siano morti di co-morbilità per altre infezioni e siano risultati positivi anche al Coronavirus.

 

Tyson Foods, una società dell’Arkansas, il cui capo di allora, Don Tyson, è stata determinante per la vittoria di Clinton alle elezioni presidenziali del 1992, è il secondo più grande trasformatore e rivenditore al mondo di pollo, manzo e maiale, con vendite di $ 46 miliardi nel 2019.

Tyson Foods, una società dell’Arkansas, il cui capo di allora, Don Tyson, è stata determinante per la vittoria di Clinton alle elezioni presidenziali del 1992

 

Tyson Foods è un importante fornitore di carne per Wal-Mart, il gigante della vendita al dettaglio dell’Arkansas. Rifornisce anche catene di fast food come KFC. Con un accordo del dicembre 2019, Tyson esporta anche volumi significativi di pollo e carne di maiale in Cina per contribuire a colmare la mancanza di proteine della carne suina, oltre a possedere importanti strutture avicole nel paese. Secondo quanto riferito, i lavoratori, in genere a basso costo, lavorano gomito a gomito senza accesso alle mascherine.

 

Tralasciando i timori per il Coronavirus, gli stabilimenti CAFO pullulano di malattie e tossine varie. Le dimensioni delle strutture dell’azienda sono sbalorditive. Un impianto della Tyson Foods nel Nebraska produce ogni giorno prodotti a base di carne sufficienti a nutrire 18 milioni di persone. Tyson, come società, controlla circa il 26% della produzione di carne bovina negli Stati Uniti.

 

Il 13 aprile anche JBS USA Holdings è stata costretta a chiudere la sua principale struttura americana a Greeley, Colorado, per operazioni di disinfezione profonda, e tutti i suoi lavoratori saranno sottoposti a esami prima di poter riprendere il lavoro dopo aver rilevato numerosi casi di positività al coronavirus dopo la morte di due operai, uno dei quali aveva 78 anni.

 

JBS USA è una consociata di JBS SA, società brasiliana che è il maggior trasformatore di carne fresca al mondo, con oltre 50 miliardi di dollari di fatturato annuo. La filiale è stata creata quando JBS è entrata nel mercato statunitense nel 2007 con l’acquisto di Swift & Company. JBS USA controlla circa il 20 percento della produzione di carne bovina statunitense.

Cargill ha tagliato la metà dei lavoratori nel suo impianto di confezionamento di carne di Fort Morgan, in Colorado, quando sono risultati positivi al Coronavirus numerosi operai

 

Il terzo trasformatore di carne degli Stati Uniti, Cargill, ha tagliato la metà dei lavoratori nel suo impianto di confezionamento di carne di Fort Morgan, in Colorado, quando sono risultati positivi al Coronavirus numerosi operai.

 

In Canada 358 lavoratori di Cargill sono risultati positivi al Coronavirus nell’importante impianto di confezionamento di carni della provincia di Alberta. Il sindacato dei lavoratori del settore alimentare chiede che l’impianto venga chiuso per due settimane per mettere a punto una migliore strategia sanitaria, richiesta finora ignorata da Cargill. Allo stesso tempo, l’azienda ha licenziato 1.000 dei 2.000 lavoratori di quella struttura, senza fornire spiegazioni.

 

L’impianto, uno dei due fornitori di carne bovina di McDonalds Canada, lavora quotidianamente migliaia di capi di bestiame. Oggi Cargill controlla circa il 22% del mercato interno della carne negli Stati Uniti.

 

Questi tre giganteschi conglomerati aziendali, quindi, controllano oltre i due terzi della fornitura totale di proteine di carne e pollame degli Stati Uniti e sono tra i principali esportatori verso il resto del mondo

Questi tre giganteschi conglomerati aziendali, quindi, controllano oltre i due terzi della fornitura totale di proteine di carne e pollame degli Stati Uniti e sono tra i principali esportatori verso il resto del mondo.

 

Questa è una concentrazione che è estremamente pericolosa, come stiamo cominciando a vedere. A prescindere dai risultati del test per il Coronavirus, sono enormi pozzi neri di tossine a cui i lavoratori sono esposti. I test Covid-19 indicherebbero la positività per tali infezioni tossiche e non testano direttamente la presenza di alcun virus, ma solo di anticorpi che suggeriscono la presenza di COVID-19.

 

 

Il modello agroindustriale

Questa è una concentrazione che è estremamente pericolosa, come stiamo cominciando a vedere. A prescindere dai risultati del test per il Coronavirus, sono enormi pozzi neri di tossine a cui i lavoratori sono esposti

Questa malsana concentrazione non è sempre stata così. È iniziato come un progetto strategico di Nelson Rockefeller e della Rockefeller Foundation dopo la seconda guerra mondiale. L’idea era quella di creare un’integrazione verticale strettamente commerciale a scopo di lucro e la cartellizzazione della catena alimentare, come John D. Rockefeller aveva fatto con Standard Oil e Petroleum.

 

Il denaro di Rockefeller ha finanziato due professori della Harvard Business School. John H. Davis, ex assistente segretario all’agricoltura sotto Eisenhower, e Ray Goldberg, entrambi alla Harvard Business School, ottennero finanziamenti da Rockefeller per sviluppare quella che chiamarono «agroindustria».

 

In un articolo della Harvard Business Review del 1956, Davis scrisse che «l’unico modo per risolvere una volta per tutte il cosiddetto problema agricolo, ed evitare ingombranti programmi governativi, è passare dall’agricoltura all’agroindustria».

 

John H. Davis e Ray Goldberg, entrambi alla Harvard Business School, ottennero finanziamenti da Rockefeller per sviluppare quella che chiamarono «agroindustria»

Il gruppo di Harvard era parte di un progetto quadriennale della Fondazione Rockefeller in collaborazione con l’economista Wassily Leontieff chiamato «Progetto di ricerca economica sulla struttura dell’economia americana». Ray Goldberg, fervente sostenitore delle colture OGM, in seguito si riferì al progetto agroalimentare di Harvard come «un cambiamento della nostra economia globale e della società in modo più drammatico di qualsiasi altro singolo evento nella storia dell’umanità.» Sfortunatamente, potrebbe non aver sbagliato tutto.

 

In effetti, ciò che ha fatto è stato mettere il controllo del nostro cibo in una manciata di conglomerati privati globali in cui la tradizionale famiglia agricola è diventata quasi un’impiegata salariata o completamente fallita.

 

La tradizionale famiglia agricola è diventata quasi un’impiegata salariata o completamente fallita

Oggi negli Stati Uniti alcuni allevamenti industriali di bestiame detengono fino a 200.000 capi di bestiame alla volta, con un solo obiettivo, uno soltanto, e cioè l’efficienza economica. Secondo le statistiche dell’USDA, il numero di operazioni nell’allevamento di vacche/vitelli negli Stati Uniti è sceso da 1,6 milioni nel 1980 a meno di 950.000 oggi. Allo stesso modo, il numero di piccoli agricoltori/alimentatori – quelli che ingrassano il bestiame preparandolo per l’eventuale macellazione – è diminuito di 38.000 unità. Oggi meno di 2000 alimentatori commerciali nutrono l’87 percento del bestiame allevato negli Stati Uniti.

 

La produzione alimentare, come l’elettronica, è diventata globale, poiché gli alimenti a basso costo vengono confezionati in massa e spediti in tutto il mondo. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica negli anni ’90, i negozi russi furono inondati di prodotti dei marchi agroalimentari occidentali come Nestlé, Kellogg’s, Kraft e simili. La produzione agricola locale crollò.

 

La produzione alimentare, come l’elettronica, è diventata globale, poiché gli alimenti a basso costo vengono confezionati in massa e spediti in tutto il mondo

Lo stesso accadde all’India, all’Africa, al Sud America, poiché i prodotti esteri più economici portano all’esclusione degli agricoltori locali. La Cina prima dell’attuale crisi importava il 60% dei suoi semi di soia da aziende di cereali controllate dagli Stati Uniti come Cargill o ADM.

 

In questo sistema, fondamentalmente, l’agricoltura si è trasformata in una fabbrica per la produzione di proteine. C’è bisogno di mais OGM e soia OGM per nutrire l’animale, aggiungere vitamine e antibiotici in quantità enormi per massimizzare l’aumento di peso prima della macellazione.

 

L’integrazione verticale della nostra catena di approvvigionamento alimentare durante la globalizzazione degli ultimi decenni ha creato una vulnerabilità allarmante proprio per il tipo di crisi che abbiamo ora.

In questo sistema, fondamentalmente, l’agricoltura si è trasformata in una fabbrica per la produzione di proteine

 

Durante tutte le passate emergenze alimentari la produzione era locale e regionale, decentralizzata in modo tale che un blocco in uno o più centri non avrebbe minacciato la catena di approvvigionamento globale. Oggi non è così.

 

Il fatto che oggi gli Stati Uniti siano di gran lunga il maggiore esportatore di alimenti al mondo rivela quanto sia diventata delicata l’offerta di cibo globale.

 

Il coronavirus potrebbe aver messo in luce questo pericoloso problema. Per correggerlo ci vorranno anni e la volontà di prendere misure che Paesi come la Russia sono stati costretti ad adottare in risposta alle sanzioni economiche.

Durante tutte le passate emergenze alimentari la produzione era locale e regionale, decentralizzata in modo tale che un blocco in uno o più centri non avrebbe minacciato la catena di approvvigionamento globale. Oggi non è così

 

 

William F. Engdahl

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.