Cancro e vaccini

 

 

Renovatio 21 pubblica questa traduzione per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

  • Il cancro è la principale causa di morte per malattia nei bambini americani e l’aumento dei tumori infantili si è verificato insieme alla drammatica espansione del programma di vaccinazione infantile.

 

  • La storia dei vaccini dimostra che la presenza di agenti accidentali e contaminanti nei vaccini virali è stato un problema ricorrente, compresi il virus delle scimmie nei vaccini antipolio e i virus suini nei vaccini anti rotavirus: questi contaminanti indesiderati e imprevisti possono essere collegati a rischi di cancro.

 

  • I produttori di vaccini sono interessati a utilizzare linee cellulari continue (che possono riprodursi a tempo indeterminato) per i vaccini virali, comprese le linee cellulari di tumori umani e le linee cellulari che causano tumori negli animali da laboratorio.

 

  • Anche se la Food and Drug Administration (FDA) non permetteva in precedenza di utilizzare nei vaccini linee cellulari derivate da tumori o che causano tumori  (a causa di preoccupazioni circa il loro potenziale di trasmissione di malattie, compreso il cancro) la FDA ora dice che queste linee cellulari sono «ottimali» per la crescita di alcuni virus.

 

  • Se le linee cellulari tumore-derivate e tumorigene diventano di ampio utilizzo nei vaccini virali, potrebbero verificarsi possibili «scenari peggiori» che includono ulteriori aumenti del cancro infantile?

L’aumento dei tumori infantili si è verificato insieme alla drammatica espansione del programma di vaccinazione infantile

 

Molte persone potrebbero essere sconcertate nell’apprendere che il cancro è la principale causa di morte per malattia nei bambini americani. Nel corso degli ultimi decenni, ci sono stati aumenti significativi in vari tipi di tumori infantili, tra cui la leucemia e il linfoma non-Hodgkin. L’aumento dei tumori infantili si è manifestato in parallelo con altre tendenze preoccupanti per la salute dei bambini, tra cui l’aumento dei tassi di disturbi dello spettro autistico (ASD) e di altri disturbi dello sviluppo neurologico.

Ci sono buone ragioni per sospettare che il programma di vaccinazione sempre più gravoso, insieme ad altre esposizioni infantili a sostanze tossiche, è legato alle tendenze del cancro pediatrico.

 

Il programma di vaccinazione infantile si è notevolmente ampliato nello stesso periodo di tempo. Ci sono buone ragioni per sospettare che il programma di vaccinazione sempre più gravoso, insieme ad altre esposizioni infantili a sostanze tossiche, è legato alle tendenze del cancro pediatrico. Anche se molteplici aspetti della vaccinazione possono mettere in moto il meccanismo del cancro – compresa l’interferenza dei vaccini con il normale sviluppo del sistema immunitario e gli ingredienti sinergicamente neurotossici del vaccino – un probabile ma raramente discusso contributo può anche essere la presenza nei vaccini di virus e altri contaminanti che non dovrebbero esserci.

 

Imparare dalla storia

 

Molti vaccini per l’infanzia sono vaccini virali: poliovirus, morbillo-parotite-raubella (MPR), varicella e rotavirus, per citarne alcuni. Per produrre i vaccini, gli scienziati devono coltivare il virus in condizioni controllate, modificandolo in qualche modo cosicché non causi il danno che si suppone dovrebbe prevenire. Tuttavia, come dimostra la storia del vaccino, la presenza di agenti accidentali e contaminanti nei vaccini virali è stato un problema ricorrente. Ad esempio:

I produttori di vaccini sono interessati a utilizzare linee cellulari continue (che possono riprodursi a tempo indeterminato) per i vaccini virali, comprese le linee cellulari di tumori umani e le linee cellulari che causano tumori negli animali da laboratorio.

 

  • Dalla metà degli anni ’50 agli inizi degli anni ’60, fino a un terzo dei vaccini antipolio negli Stati Uniti sono stati contaminati dal virus scimmia 40 (SV40), che proveniva dalle colture di cellule renali di scimmia utilizzate per produrre i vaccini. Un gruppo di lavoro dell’Istituto di medicina (IOM) ha riferito nel 2002 che l’SV40 può «produrre effetti patologici in ospiti immunocompromessi o in specie che non lo ospitano». Il gruppo di lavoro ha concluso che «linee di evidenza biologica da moderate a forti supportano la teoria che la contaminazione da SV40 del vaccino antipolio potrebbe contribuire ai tumori umani» e che l’SV40 «è probabilmente presente in alcuni tumori umani». Il gruppo di lavoro ha anche valutato le preoccupazioni sui contaminanti vaccinali “involontari” come “significative a causa della gravità dei tumori come possibili effetti avversi sulla salute” [enfasi nell’originale].

 

  • I ricercatori hanno avvertito per lungo tempo che l’integrazione di materiale genetico di una specie non affine è un rischio dei vaccini geneticamente modificati e la storia dei due vaccini anti rotavirus geneticamente modificati lanciati a metà degli anni 2000 dimostra che questa preoccupazione è giustificata. Nel 2010, un gruppo di ricerca accademica ha scoperto “inaspettatamente” che entrambi erano contaminati con il DNA di due circovirus suini. I virus dei suini sono stati scoperti per caso quando i ricercatori hanno condotto “una nuova analisi altamente sensibile, non utilizzata abitualmente per lo screening degli agenti accidentali”. Uno dei virus suini in questione è associato a grave deperimento e immunodeficienza nei suini. Gli effetti a lungo termine negli esseri umani sono ancora sconosciuti.
  • Il libro Plague  di Judy Mikovits del 2014 discute di come «coltivando i virus umani nei tessuti e nelle cellule animali… poi reiniettando quel materiale negli esseri umani, si potrebbero introdurre nuovi virus animali nella popolazione umana» con conseguenze catastrofiche. Riflettendo sul suo lavoro con i virus dei topi, la dottoressa Mikovits ha dichiarato recentemente: «ogni scienziato che lavora con questi virus e ha lavorato presso il National Cancer Institute ha riconosciuto la possibilità che se si mettono insieme tessuto umano e tessuto di topo, la possibilità è che si sta andando a prendere un virus che è silente nel topo (cioè non fa male al topo) ma uccide l’uomo o causa gravi malattie nell’uomo… [ma] si potrebbe non vedere il cancro per due decenni».

 

Nel 1999, un organismo di regolamentazione di primo piano dell’FDA si è apertamente preoccupato delle linee cellulari tumorigene a fluorescenza verde per i vaccini, alla luce della loro nota capacità di provocare tumori maligni negli animali da laboratorio. Il funzionario ha ammonito: «è molto importante assicurare che queste sostanze siano sicure prima che siano somministrate alle persone».

 

 

Il peggio deve ancora accadere?

 

Normalmente, i ceppi cellulari possono dividersi solo un numero finito di volte, ma le tecniche di coltura cellulare sono cambiate quando gli scienziati hanno scoperto negli anni ’50 che potevano creare linee cellulari «immortali» o «continue» (CCL) – linee cellulari che si riproducono indefinitamente – dalle cellule tumorali. Oltre a CCL di derivazione tumorale, i successivi progressi nella virologia e nella biotecnologia hanno reso possibile l’uso di CCL «tumorigene» geneticamente modificate (il che significa che possono causare tumori negli animali). Alcune linee cellulari manipolate in laboratorio sono costrette all’immortalizzazione attraverso l’introduzione di geni di virus che causano tumori.

 

Storicamente, la Food and Drug Administration (FDA) si è astenuta dal permettere l’uso di questi tipi di linee cellulari nei vaccini, a causa della «preoccupazione» per il loro «potenziale di trasmissione di malattie infettive e/o cancro». Nel 1999, un organismo di regolamentazione di primo piano dell’FDA si è apertamente preoccupato delle linee cellulari tumorigene a fluorescenza verde per i vaccini, alla luce della loro nota capacità di provocare tumori maligni negli animali da laboratorio. Il funzionario ha ammonito: «è molto importante assicurare che queste sostanze siano sicure prima che siano somministrate alle persone».

 

Tra le «maggiori preoccupazioni di sicurezza» citate in relazione all’uso nei vaccini di linee cellulari derivate da tumori e tumorigene, la FDA ha riconosciuto la possibilità che i vaccini contengano cellule vive residue in grado di produrre tumori negli esseri umani, DNA residuo, virus accidentali (provenienti da altre fonte) e fattori «sconosciuti» che causano il cancro. Riassumendo sul suo sito web, l’agenzia ha recentemente dichiarato:

«Alcune di queste linee cellulari che hanno la capacità di sviluppare tumori possono contenere virus cancerogeni che non si riproducono attivamente. Tali virus sono difficili da individuare con metodi standard. Questi virus latenti, o ” silenti”, rappresentano una potenziale minaccia, poiché potrebbero diventare attivi nelle condizioni di produzione del vaccino».

 

 

Catering per l’industria

 

«le linee cellulari derivate da tumori possono essere il substrato ottimale e in alcuni casi l’unico substrato cellulare che può essere utilizzato per la moltiplicazione alcuni virus vaccinali»

Nel tempo la FDA ha autorizzato (per l’uso in vaccini virali) due CCL derivate da animali apparentemente sani, tra cui una da cellule di rene di scimmia verde africana (vaccino anti-polio inattivato e vaccini anti rotavirus) e una linea cellulare di rene canino approvata per alcuni vaccini antinfluenzali inattivati. Nel frattempo, i produttori di vaccini hanno continuato a sollecitare l’FDA ad approvare linee cellulari tumorali e tumorigene per la produzione di vaccini virali, attratti dalla capacità delle linee cellulari di «produrre grandi quantità di vaccino». Queste richieste sembrano dare i loro frutti. Nel 2012, ponendo le basi per decisioni più favorevoli ai produttori, un documento dell’FDA ha espresso l’opinione che il «repertorio attuale» di linee cellulari di derivazione animale è «inadeguato» per il lavoro e che «le linee cellulari derivate da tumori possono essere il substrato ottimale e in alcuni casi l’unico substrato cellulare che può essere utilizzato per la moltiplicazione alcuni virus vaccinali».

 

Nel documento del 2012, i responsabili dei vaccini dell’FDA hanno accennato all’inquietante possibilità che essi possano rilasciare autorizzazioni generiche piuttosto che rivedere le nuove linee cellulari caso per caso: «le raccomandazioni del comitato consultivo saranno applicabili ad altre linee cellulari di origine tumorale (umane e non umane) proposte per la produzione di vaccini in futuro».

 

Come intende l’FDA garantire la sicurezza dei vaccini virali prodotti utilizzando linee cellulari di origine tumorale e tumorigene? Le «nuove tecnologie» sono apparentemente la risposta. La FDA afferma:

 

«Il nostro laboratorio sta studiando modi per attivare i virus latenti nelle linee cellulari e per rilevare i virus attivati, così come altri virus sconosciuti, utilizzando nuove tecnologie… Questi metodi permetteranno agli scienziati della FDA di aiutare i produttori a determinare se il loro specifico substrato cellulare è sicuro da usare per la produzione di vaccini».

 

Parlando di problemi di sicurezza, uno scienziato Merck ha anche recentemente riposto la sua fiducia nelle «nuove tecnologie», affermando che «alcune nuove tecnologie possono… devono essere sviluppate» per affrontare la «complessità» di eliminare e inattivare i virus e prevenire un’ampia gamma di potenziali scenari «pessimistici» di eliminazione dei virus.

 

 

Gettando la cautela al vento

Nella folle corsa allo sviluppo di un numero sempre maggiore di vaccini, pochi si chiedono se i vaccini virali possano alterare l’equilibrio ospite-virus e aprire la porta a immunosoppressione e a esiti avversi nei bambini vulnerabili

 

Ci sono molte complessità di cui le vaghe rassicurazioni della FDA non tengono conto. Ad esempio, coloro che studiano i virus – le «entità biologiche più abbondanti e diversificate del pianeta» – riconoscono che, nella maggior parte degli individui, virus e ospite raggiungono un «equilibrio altamente complesso» che non solo permette alla persona «di tollerare la presenza continua del virus senza danni apprezzabili… ma può anche conferire benefici per la salute, come la protezione contro il cancro offerta dalle infezioni infantili acute come il morbillo». Questi benefici a lungo termine sono annullati quando le infezioni infantili sono soppresse attraverso la vaccinazione. Quando il delicato equilibrio tra virus-ospite viene «rotto» da «insulti» genetici e/o ambientali (insulti che probabilmente includono vaccini carichi di tossine), l’equilibrio può spostarsi «verso il lato patologico», una situazione spesso caratterizzata da «immunosoppressione, infiammazione, autoimmunità e cancro». Queste patologie sono caratteristiche dell’ASD, di altre malattie neurodegenerative e del cancro.

 

Nella folle corsa allo sviluppo di un numero sempre maggiore di vaccini, pochi si chiedono se i vaccini virali possano alterare l’equilibrio ospite-virus e aprire la porta a immunosoppressione e a esiti avversi nei bambini vulnerabili. Se le linee cellulari di origine tumorale e tumorigene entrano in uso diffuso nei vaccini virali, potrebbero verificarsi potenziali «scenari peggiori» che includono un ulteriore aumento del cancro infantile? Dato che i meccanismi usati per creare linee cellulari immortalizzate sono gli stessi meccanismi che le cellule tumorali usano per crescere fuori controllo, i responsabili della regolamentazione dei vaccini dovrebbero esercitare la massima cautela, piuttosto che gettare la cautela al vento per compiacere l’industria dei vaccini.

 

 

© 23 Ottobre 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.