Avigan potrebbe causare difetti alla nascita. “Come la talidomide”?

 

 

Il premier giapponese Abe sta spingendo Avigan nelle conferenze stampa e negli incontri con i leader mondiali, inclusa una telefonata con il presidente americano Donald Trump e gli altri capi del G7. Abe stanziato quasi 130 milioni di dollari per triplicare una scorta esistente di medicinali. E, nello stile della «diplomazia sanitaria» che vediamo da anno nella geopolitica dei vaccini, si è offerto di offrirlo gratuitamente a dozzine di altri paesi.

 

Il primo ministro nipponico, tuttavia, sorvola su di un fatto cruciale, scrive il New York Times. «Non ci sono prove concrete che Avigan sia effettivamente efficace contro Covid-19. Mentre il farmaco ha dimostrato il potenziale per il trattamento di alcune malattie mortali come l’Ebola negli studi sugli animali, ci sono risultati limitati che funziona per qualsiasi malattia nell’uomo».

 

Avigan ha una storia regolatoria peculiare e un potenziale effetto collaterale davvero tragico: i difetti alla nascita

Ciò che è noto invece è che Avigan, il cui nome generico è favipiravir, ha una storia regolatoria peculiare e un potenziale effetto collaterale davvero tragico: i difetti alla nascita. Lo stesso Abe ha notato in una conferenza stampa ad inizio mese, dicendo che l’effetto collaterale era «lo stesso della talidomide», che ha causato deformità in migliaia di bambini negli anni ’50 e ’60.

 

Per chi non conoscesse il dramma della talidomide, follia farmaceutica che generò migliaia di bimbi deformi qualche decennio fa, c’è un articolo di Renovatio 21.

Lo stesso Abe ha notato in una conferenza stampa ad inizio mese, dicendo che l’effetto collaterale era «lo stesso della talidomide», che ha causato deformità in migliaia di bambini negli anni ’50 e ’60

 

La storia della talidomide è anche oggi molto interessante perché ci offre un primo esempio di «martirio da Big Pharma» – le farmaceutiche, che avevano messo in vendita il farmaco «consigliandolo vivamente» ai dottori come prescrizione alle donne in gravidanza, attaccarono con ogni mezzo il medico che tentò di suonare l’allarme, l’australiano William McBride. Un simbolo di come la verità medica, quella che salva vite, nel mondo moderno si paghi a carissimo prezzo.

 

Tornando al premier Abe, egli ha tirato dritto su questo piccolo problema – la teratogenicità – da lui stesso ammesso, e ha chiesto che Avigan sia approvato dalle autorità farmaceutiche di Tokyo  la fine del mese. Il quotidiano di Nuova York nota le  «preoccupazioni che i leader nazionali potrebbero deformare i processi di approvazione dei farmaci facendo interventi insoliti a sostegno di farmaci non dimostrati».

Il premier Abe, egli ha tirato dritto su questo piccolo problema – la teratogenicità – da lui stesso ammesso, e ha chiesto che Avigan sia approvato dalle autorità farmaceutiche di Tokyo  la fine del mese

 

Lo sprint del primo ministro ha contribuito a far entrare Avigan in oltre 1.000 strutture mediche in Giappone e il ministero degli Esteri del paese afferma che quasi 80 paesi hanno richiesto la droga. Tra gli altri, il farmaco è stato richiesto dalla Regione Veneta presieduta da Luca Zaia. Finora, 1.100 strutture mediche giapponesi hanno dato Avigan a quasi 2.200 pazienti COVID-19, con oltre un migliaio di liste d’attesa per il farmaco.

 

Sorprendentemente, il farmaco giapponese ha trovato sostegno istituzionale nella Cina Popolare, che verso i Giapponesi non sempre dimostra simpatia. Il governo cinese ha attestato la sua sicurezza ed efficacia contro COVID-19. Il farmaco ha cominciato ad avere supporto a marzo, quando due team di ricerca cinesi hanno pubblicato articoli online che suggerivano che aveva accelerato il recupero di pazienti con casi lievi o moderati di COVID-19.

Sorprendentemente, il farmaco giapponese ha trovato sostegno istituzionale nella Cina Popolare. Il governo cinese ha attestato la sua sicurezza ed efficacia contro COVID-19

 

Funzionari cinesi, che sono stati colpiti dalle critiche per aver inizialmente coperto l’epidemia, hanno iniziato a promuovere i risultati come esempio della risposta riuscita del paese al virus. Gli studi sono stati poi aspramente criticati da scienziati che sostengono la mancanza di controlli scientifici di base. Entrambi i documenti cinesi sulla validità dell’Avigan non erano stati sottoposti a peer review.

 

Tuttavia, la Cina ha rapidamente approvato Avigan per l’uso contro COVID-19. Era la prima volta che un paese al di fuori del Giappone ne approvava l’uso contro qualsiasi malattia.

 

Il Giappone stesso aveva dato il via libera condizionale al farmaco solo nel 2014, secondo ciò che alcuni descrivono come «circostanze molto insolite».

Il Giappone stesso aveva dato il via libera condizionale al farmaco solo nel 2014, secondo ciò che alcuni descrivono come «circostanze molto insolite»

 

Nella loro valutazione, i regolatori scrissero che Avigan «non ha mostrato efficacia» contro l’influenza stagionale e diedero l’approvazione per l’uso contro di essa. Invece, ne permetterebbero l’uso contro ceppi di influenza nuovi o riemergenti, ma solo in situazioni di «crisi» in cui gli antivirali esistenti si sono rivelati inefficaci.

 

La prova di difetti alla nascita nelle sperimentazioni su animali ha portato il Giappone a mettere controlli insolitamente severi sull’uso e sulla produzione della pillola.

 

La prova di difetti alla nascita nelle sperimentazioni su animali ha portato il Giappone a mettere controlli insolitamente severi sull’uso e sulla produzione di Avigan

Prima del coronavirus, era stato somministrato all’uomo solo durante studi clinici e in disperati tentativi di trattare l’Ebola. Nessuno di questi sforzi ha fornito prove definitive del fatto che tratta efficacemente qualsiasi malattia nell’uomo, anche i comuni tipi di influenza, ha affermato il dott. Masaya Yamato, capo delle malattie infettive presso il Rinku General Medical Center di Osaka. Il dott. Yamato ritiene che le prove sulla bontà del farmaco siano solo aneddotiche.

 

Non è chiaro perché Abe sia  un sostenitore così vocale di Avigan. «Alcuni media giapponesi hanno notato i suoi stretti legami con il CEO di Fujifilm, Shigetaka Komori. I due uomini hanno spesso giocato a golf e mangiato insieme, ultimo incontro il 17 gennaio» scrive il NYT citando i giornali del Sol Levante. Fujifilm è la zaibatsu (=grande impresa multinazionale giapponese) che tramite una sua controllata produce il farmaco. I portavoce della società smentiscono ogni trattamento di favore

«È incredibile che se ne sia fatto scorta come farmaco antinfluenzale. Ed è ancora più incredibile che in queste circostanze, anche senza alcuna base scientifica, venga detto alle persone di usarlo»

 

Medwatcher Japan, un gruppo no profit che monitora l’industria farmaceutica, ha descritto il processo di approvazione come «estremamente anormale», riporta il NYT.

 

«”È incredibile che se ne sia fatto scorta come farmaco antinfluenzale”, ha dichiarato Masumi Minaguchi, segretario generale del gruppo. “Ed è ancora più incredibile che in queste circostanze, anche senza alcuna base scientifica, venga detto alle persone di usarlo”».

 

In Italia Avigan divenne improvvisamente popolare grazie al video virale di un italiano a Tokyo che decantava i pregi. Tra questi, non vi era il fatto che Avigan potrebbe creare bambini deformi.