Autodifesa con armi da fuoco in Costituzione: l’idea della Repubblica Ceca

 

 

 

 

Il governo della Repubblica Ceca (che oggi vuole farsi chiamare «Cechia») ha detto che sosterrà la proposta del Senato per inserire nella Costituzione ceca il diritto all’autodifesa con armi da fuoco assieme ad altri diritti fondamentali dell’individuo.

 

Lo afferma il ministro della Giustizia di Praga Marie Benesova.

 

Secondo la proposta del Senato la Costituzione dovrà prevedere il diritto all’autodifesa armata «nelle situazioni stabilite dalla legge».

Il governo della Repubblica Ceca  ha detto che sosterrà la proposta del Senato per inserire nella Costituzione ceca il diritto all’autodifesa con armi da fuoco assieme ad altri diritti fondamentali dell’individuo

 

Non è la prima volta che la Repubblica Ceca si fa notare per simili proposte legislative; anche nel 2017 la Camera Bassa aveva avviato l’iter politico di una simile idea.

 

«La nuova iniziativa legislativa avanzata dal Senato giunge dopo la bocciatura da parte della corte di giustizia europea rispetto al ricorso presentato dal Paese contro la direttiva 2017/853, che in questi mesi è all’esame delle commissioni parlamentari nazionali per il recepimento, e si propone di fungere per l’appunto da baluardo nei confronti di ulteriori iniziative “disarmiste” di matrice europea» scrive Armi e Tiro.

 

Praga, facente parte del cosiddetto gruppo di Visegrad, sfida Bruxelles e Strasburgo anche sulla questione della difesa personale armata.

«La nuova iniziativa legislativa avanzata dal Senato giunge dopo la bocciatura da parte della corte di giustizia europea rispetto al ricorso presentato dal Paese»

 

La Repubblica ceca è la patria di grandi produttori di armi da fuoco come CZ, tuttavia rimane al nono posto nella classifica Global Peace Index dei Paesi può pacifici – nel 2010 occupava il decimo posto.

 

Una volta ancora, abbiamo bisogno di governi come quello ceco che sfidino il delirio legiferante ed illiberale degli enti transnazionali europei.

 

La difesa personale con qualsiasi mezzo dovrebbe essere un caposaldo anche in Italia, specie nel momento in cui il crimine, causa crisi pandemica e altre dinamiche incontrollate come l’immigrazione illegale, potrebbe mettere a rischio le case degli italiani.

Abbiamo bisogno di governi come quello ceco che sfidino il delirio legiferante ed illiberale degli enti transnazionali europei

 

In Italia di autodifesa non parla la Costituzione ma il Codice Penale, che all’articolo 52 recita:

 

«Non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di difendere un diritto proprio o altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa».

 

Ciò detto, sono note a tutti i lunghi processi che talvolta chi si difende in casa propria – anche senza sparare – deve poi subire. È il caso di quei cittadini denunciati per essersi difesi  chiudendo in una stanza l’intruso in casa.