Autismo, i dati reali mostrano il danno del programma vaccinale USA

 

 

Renovatio 21 pubblica questa traduzione su gentile concessione di Children’s Health Defense.

Il libro contenente gli studi rivoluzionari di cui qui si parla, The Vaccine-Friendly Plan, è disponibile anche in versione audio.

 

 

Nel 2015 il governatore della California ha firmato la legge SB277, che ha eliminato le esenzioni statali dai vaccini di carattere non medico. La legge ha messo le famiglie californiane nella difficile situazione di accettare l’obbligo statale per un vaccino «unico per tutti» o di perdere il diritto dei loro figli a qualsiasi istruzione prescolare o scolare.

 

Non contento di privare i genitori del diritto di sottrarre i propri figli anche a una sola delle quasi sei dozzine di dosi di vaccino attualmente richieste fino all’età di 18 anni, il promotore della legge, in modo scioccante, sta ora attaccando il sacrosanto rapporto medico-paziente e cercando di invalidare le esenzioni mediche concesse dai medici.

 

Scrivendo alla fine del 2018 su Pediatrics (la rivista dell’Accademia Americana di Pediatria pro «agenda farmaceutica»), il legislatore californiano ha usato parole velatamente intimidatorie per minacciare azioni disciplinari nei confronti dei medici che rilasciano esenzioni mediche «ingiustificate», compresa la revoca della loro facoltà di concedere tali esenzioni.

Dieci anni di dati clinici mostrano chiaramente che i bambini non vaccinati e parzialmente vaccinati hanno un rischio di autismo notevolmente più basso rispetto ai bambini vaccinati secondo il programma dei CDC

 

I dati clinici provenienti da una pratica pediatrica integrata nel vicino Oregon suggeriscono che la California e i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) dovrebbero piuttosto rinunciare al loro inflessibile approccio alla vaccinazione unico per tutti.

 

Il pediatra Paul Thomas, che ha una fiorente attività professionale a Portland, ha appena fornito una risposta sorprendente alla richiesta dei funzionari di «mostrare la prova» che il programma di vaccinazione più lento e basato sull’evidenza raccomandato nel suo libro, The Vaccine-Friendly Plan, «è più sicuro del programma dei CDC».

 

Dopo aver sottoposto i dati derivanti dalla sua attività all’analisi approfondita da parte di un esperto di informatica sanitaria indipendente e di fama internazionale, il consulente ha trovato risultati, «più significativi di uno studio», che li ha sorpresi entrambi: dieci anni di dati clinici mostrano chiaramente che i bambini non vaccinati e parzialmente vaccinati hanno un rischio di autismo notevolmente più basso rispetto ai bambini vaccinati secondo il programma dei CDC.

 

 

Gli esiti di autismo in tre gruppi di bambini, quelli che hanno seguito il Piano “Vaccine-Friendly”, quelli che non hanno ricevuto alcun vaccino e i dati dei CDC basati sul programma vaccinale da loro raccomandato

Risultati «nel mondo reale»

Fino alla metà degli anni 2000 il dottor Thomas ha somministrato vaccini in conformità al programma dei CDC. Tuttavia, quando è stato testimone per quattro anni consecutivi della regressione in una grave forma di autismo di pazienti di un anno, precedentemente sani, ha iniziato a mettere in discussione questo approccio.

 

Dopo aver studiato a fondo ricerche pubblicate e mai menzionate durante la scuola di medicina, il Dr. Thomas ha sviluppato il programma di vaccinazione più lento e specifico descritto nel suo libro. Negli ultimi dieci anni, la sua pratica clinica ha messo i genitori alla guida delle decisioni da prendere sui vaccini, offrendo loro una discussione completa sui benefici e i rischi del vaccino, compresi i rischi derivanti dagli ingredienti neurotossici dei vaccini come l’alluminio, e fornendo consigli dettagliati su come mantenere un sistema immunitario ben equilibrato.

 

Il Dr. Thomas riferisce che, mentre la maggior parte delle famiglie da lui seguite vaccina, «quasi nessuna di queste segue il programma del CDC».

 

Il consulente indipendente ha identificato un totale di 3.344 pazienti pediatrici nati nell’ambito della pratica pediatrica del dottore nell’arco di dieci anni, di cui 715 bambini non vaccinati e 2.629 bambini parzialmente vaccinati. Le cartelle cliniche hanno dimostrato che questi ultimi hanno ricevuto da tre a sei volte meno vaccini (da 7 a 18 vaccinazioni) rispetto ai bambini della stessa età vaccinati secondo il programma dei CDC (da 25 a 40 vaccinazioni).

Se la California seguisse il programma di vaccinazione modificato, eviterebbe circa 9.000 casi di autismo all’anno. A livello nazionale, il programma più lento eviterebbe circa 90.000 casi di autismo all’anno.

 

I dati della pratica clinica mostrano quanto segue:

 

  • Un caso di autismo nel gruppo non vaccinato: un tasso di 1 su 715.
  • Sei casi di autismo nel gruppo parzialmente vaccinato: un tasso di 1 su 438.
  • In confronto, i dati governativi del National Health Interview Survey (NHIS) mostrano un tasso di autismo diagnosticato di 1 su 45 bambini (da 3 a 17 anni) nel 2014 e nel 2016 un tasso di 1 su 36.

 

In un’intervista con Del Bigtree nella trasmissione HighWire, il Dr. Thomas ha inserito i dati della sua pratica medica in un contesto più ampio, osservando che se la California seguisse il programma di vaccinazione modificato, eviterebbe circa 9.000 casi di autismo all’anno.

 

A livello nazionale, il programma più lento eviterebbe circa 90.000 casi di autismo all’anno. Il Dr. Thomas ha anche spiegato che i risultati del consulente convalidano le sue osservazioni cliniche di una popolazione di pazienti «incredibilmente sana». D’altra parte, egli ha ipotizzato che il tasso di autismo nel gruppo non vaccinato potrebbe essere ancora più basso (forse 1 su 1.000 o meno) se il suo gruppo non vaccinato provenisse da una popolazione di pazienti a basso rischio.

 

Nella sua clinica, tuttavia, molti dei bambini del gruppo non vaccinato rinunciano alla vaccinazione proprio perché sono «ad alto rischio» di danni da vaccino a causa di una storia familiare di autoimmunità o autismo in altri membri della famiglia. Il pediatra ha anche osservato che guarda con attenzione tutti i suoi pazienti vaccinati: se ci sono segni di problemi al sistema immunitario, invita a sospendere la vaccinazione per aiutare il bambino a ritrovare l’equilibrio.

Il dottor Thomas non è l’unico pediatra ad aver raggiunto un tasso di autismo notevolmente più basso nella propria popolazione di pazienti attraverso un programma di vaccinazione modificato e il supporto per uno stile di vita sano.

 

In un articolo del North American Journal of Medicine and Science del 2013, la dottoressa Elizabeth Mumper ha descritto l’esperienza derivante dalla sua pratica pediatrica tra il 2005 e il 2011 dopo che aveva apportato dei cambiamenti per prevenire i rischi di autismo, consigliando ai pazienti di ridurre al minimo l’esposizione alle tossine ambientali, incoraggiando l’allattamento al seno prolungato, raccomandando i probiotici, fornendo consulenza nutrizionale, suggerendo un uso limitato di antibiotici e paracetamolo e consentendo un programma vaccinale modificato.

 

Nessun nuovo caso di autismo si è verificato nei pazienti nati nella sua attività professionale nel corso del periodo di sette anni, anche se il tasso di autismo dei CDC avrebbe previsto circa sei nuovi casi.

Abbiamo dato per scontato che i vaccini siano sicuri, ma non lo abbiamo mai controllato. Non c’è motivo di causare un così grave danno.

 

Tragico e illogico

Nella sua intervista a HighWire, il Dr. Thomas elenca una serie di punti cruciali che evidenziano il motivo per cui il programma di vaccinazione dei CDC non solo è insensato, ma anche dannoso:

 

  • In primo luogo, la maggior parte degli organismi patogeni per i quali sono stati originariamente sviluppati i vaccini si sono adattati ed evoluti, cosicché molti dei «vecchi vaccini obsoleti» che vengono regolarmente e ripetutamente iniettati nei bambini di tutta la nazione «sono quasi inutili». Il tempo e la scienza hanno rivelato che i sistemi immunitari delle persone altamente vaccinate non sono «così robusti e li lasciano meno capaci di combattere altre infezioni». Anche il vaccino antinfluenzale modificato annualmente ha dimostrato di rendere le persone più suscettibili ad altri gravi virus respiratori.

 

  • In secondo luogo, ci sono «tantissimi, centinaia di articoli che mostrano che la sovrastimolazione del sistema immunitario quando [i bambini] sono molto piccoli (chiamata ‘attivazione immunitaria’) innesca problemi di sviluppo neurologico» e spinge il sistema immunitario verso autoimmunità e allergia. Infatti, una vasta e crescente letteratura dimostra che i bambini altamente vaccinati di oggi sono la generazione più malata della storia. Come sottolinea il dottor Thomas, un ragazzo ogni due diplomati delle scuole superiori assume farmaci per una condizione cronica.

 

  • Come terzo esempio di come il programma dei CDC «non abbia senso», il vaccino per l’epatite B somministrato a neonati e bambini piccoli non solo contiene molto più alluminio neurotossico rispetto al massimo giornaliero di alluminio iniettato consentito per gli adulti, ma esaurisce la sua efficacia nel momento in cui i bambini raggiungono l’età in cui potrebbero effettivamente assumere comportamenti a rischio di trasmissione dell’epatite B.

 

Ricordando ai suoi colleghi pediatri il giuramento di Ippocrate, il dottor Thomas afferma che «Abbiamo dato per scontato che i vaccini siano sicuri, ma non lo abbiamo mai controllato». La situazione attuale, dice, è tragica. Ancora rivolgendosi ai suoi colleghi professionisti, il dottor Thomas sottolinea che «Non c’è motivo di causare un così grave danno».

 

 

Il team di Children’s Health Defense

 

 

© 19 marzo 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD