Autismo e obesità: stessa origine?

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo su gentile concessione del Children’s Health Defense Team.

 

 

A quasi due decenni trascorsi nel ventunesimo secolo, lo stato di salute dei bambini negli Stati Uniti non potrebbe essere più angosciante. Con molte tendenze di salute apparentemente diverse che convergono, oltre la metà di tutti i bambini hanno almeno una condizione cronica.

 

L’obesità e l’autismo sono due delle condizioni che hanno visto gli aumenti più drammatici. La prevalenza dell’obesità nella prima infanzia e nell’infanzia è più che triplicata dalla fine degli anni ’70 e un’importante indagine nazionale ha stimato la prevalenza nel 2016 dei disturbi dello spettro autistico diagnosticati (ASD) nei bambini dai 3 ai 17 anni a uno su 36, rispetto a circa uno su 10.000 negli anni ’80.

L’obesità e l’autismo sono due delle condizioni che hanno visto gli aumenti più drammatici.

 

Per la maggior parte delle persone, obesità e ASD sembrano avere poco o nulla a che fare l’uno con l’altro, ma la ricerca indica un interessante nesso tra i due. In particolare, i bambini con ASD hanno maggiori probabilità di essere obesi rispetto ai bambini senza autismo e i bambini obesi hanno una probabilità sproporzionatamente elevata di avere un disturbo dello sviluppo del sistema nervoso, come l’autismo o il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Questo modello, mostrato costantemente in un numero crescente di studi, solleva la questione se le due epidemie infantili condividono i fattori di rischio e i meccanismi di disfunzione sottostanti.

 

La risposta biologicamente plausibile è sì e le esposizioni durante la fase dello sviluppo alle sostanze chimiche e alle tossine ambientali possono avere gran parte della colpa.

I bambini con ASD hanno maggiori probabilità di essere obesi rispetto ai bambini senza autismo e i bambini obesi hanno una probabilità sproporzionatamente elevata di avere un disturbo dello sviluppo del sistema nervoso, come l’autismo o il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

 

Autismo e obesità: i numeri

I medici analizzano lo stato del peso di bambini e adolescenti valutando l’indice di massa corporea (IMC), che divide il peso di un giovane (in chilogrammi) per la sua altezza al quadrato (in metri), tenendo conto dell’età e del sesso. Un bambino o adolescente con un IMC pari o superiore all’85° percentile ma inferiore al 95° percentile (rispetto ai coetanei della stessa età e sesso) è in sovrappeso, mentre un IMC pari o superiore al 95° percentile definisce l’obesità.

 

Lo studio più recente finalizzato ad analizzare la prevalenza dell’obesità tra i giovani americani con ASD, pubblicato nell’agosto 2018 sulla rivista Autism, ha utilizzato i dati nazionali relativi a giovani dai 10 ai 17 anni provenienti da un’indagine del 2016. L’analisi dei ricercatori dei dati dell’indagine ha mostrato che, anche se in genere i giovani in via di sviluppo non sono certamente esenti da problemi di peso, i giovani con ASD avevano probabilità significativamente più alte sia di sovrappeso che di obesità, con le due categorie di peso combinate che interessano oltre due quinti (42,4%) dei giovani con ASD contro meno di un terzo dei giovani in via di sviluppo normale (30,8%). Inoltre, i bambini con autismo grave avevano una probabilità più che triplicata di essere obesi rispetto a quelli con ASD «lieve».

 

Il CDC ha notato che gli adolescenti che erano o obesi o con disabilità evolutive erano più malati in altri modi – con «maggiore prevalenza di comuni disturbi/sintomi respiratori, gastrointestinali, dermatologici e neurologici» – rispetto agli adolescenti non obesi o ai giovani senza disabilità evolutive.

 

Ricercatori del CDC hanno riportato risultati simili nel 2014 utilizzando i dati di un’indagine nazionale condotta nel 2010. Guardando agli adolescenti statunitensi con una serie di disabilità evolutive (sia di apprendimento che comportamentali), tra cui ASD, hanno riferito che gli adolescenti con disabilità evolutive avevano il 60% di probabilità in più di essere obesi rispetto agli adolescenti senza tali disabilità. Hanno anche notato che gli adolescenti che erano o obesi o con disabilità evolutive erano più malati in altri modi – con «maggiore prevalenza di comuni disturbi/sintomi respiratori, gastrointestinali, dermatologici e neurologici» – rispetto agli adolescenti non obesi o ai giovani senza disabilità evolutive.

 

Esposizioni evolutive e conseguenze

I ricercatori sull’obesità hanno sottolineato che sarebbe altamente «improbabile» spiegare la tendenza sorprendente di bambini sempre più obesi dicendo che i più piccoli «consumano più cibo o fanno meno esercizio fisico» rispetto alle generazioni precedenti di bambini. Invece, l’allarmante aumento dell’obesità nella fascia di età più giovane (sotto i due anni) fornisce un indizio significativo che «un ambiente uterino o postnatale alterato» può essere predisponente per i bambini a diventare obesi.

 

Infatti, i ricercatori hanno coniato il termine «obesogeno» [sostanze chimiche che possono interferire con la capacità naturale del corpo di immagazzinare il grasso, NdR] una dozzina di anni fa pensando alle esposizioni evolutive. Le varie sostanze che sono state presentate come obesogene – composti dietetici, farmaceutici e industriali (vedi tabella) – esercitano effetti potenti e forse irreversibili sullo sviluppo fetale e infantile, alterando il modo in cui le cellule adipose si sviluppano e immagazzinano energia e interferendo con il sistema che controlla l’appetito e le sensazioni di pienezza – portando potenzialmente ad una «battaglia permanente della pancia».

 

Molti composti obesogeni sono fastidiosamente invasivi – uno studio ha documentato la presenza di molteplici organostannici (composti a base di stagno con molti usi industriali) in tutti i campioni di polvere domestica analizzati.

Uno studio ha descritto gli effetti legati all’obesità «attraverso almeno tre generazioni» a seguito di «esposizione dei progenitori a sostanze chimiche obesogene».

 

 

Obesogeni selezionati Usi e/o esposizioni
Atrazina (e altri pesticidi, erbicidi e fungicidi) Erbicida largamente usato, contaminante dell’acqua potabile
Avandia Farmaco per il diabete
Bisfenolo A (BPA) Alimenti in scatola, ricevute del registratore di cassa
Ritardanti di fiamma Arredamento, elettronica, isolamento, isolamento, prodotti per il trasporto
Genisteina (un isoflavone di soia) Formula di soia [sostituto del latte materno], latte di soia
Mercurio Frutti di mare, otturazioni in amalgama, vaccini contenenti thimerosal, prodotti di consumo
Glutammato monosodico (MSG) Additivo in molti alimenti
Acido perfluoroottanoico (PFOA) Pentole antiaderenti, abbigliamento in Gore-Tex, antimacchia.
Ftalati Deodoranti per l’aria, prodotti per la lavanderia, prodotti per la cura della persona
Tributilstagno (TBT) (un organostannico) Fungicida, preservante del legno, stabilizzante in tubazioni di cloruro di polivinile, inquinante dell’acqua, contaminante dei frutti di mare.

 

L’alterazione del sistema endocrino può avere conseguenze «di ampia portata» che includono «effetti avversi di tipo neurologico, riproduttivo, cardiovascolare, metabolico e immune».

 

Uno dei principali modi in cui questi composti pongono le basi per l’obesità è quello di alterare il fondamentale sistema endocrino. In condizioni normali, il sistema endocrino regola il metabolismo, così come una serie di altre funzioni biologiche chiave. L’alterazione del sistema endocrino, quindi, può avere conseguenze «di ampia portata» che includono «effetti avversi di tipo neurologico, riproduttivo, cardiovascolare, metabolico e immune». Sembra, inoltre, che gli effetti obesogeni «possano passare alle generazioni future attraverso cambiamenti epigenetici» (cambiamenti che influenzano «quando e come i geni sono espressi, senza alterare il codice genetico originale»).

 

Uno studio ha descritto gli effetti legati all’obesità «attraverso almeno tre generazioni» a seguito di «esposizione dei progenitori a sostanze chimiche obesogene».

 

Alla luce del ruolo del sistema endocrino nello sviluppo del sistema nervoso, non sorprende che i ricercatori abbiano collegato molte di queste stesse sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino (EDCs-endocrine disrupting chemicals) all’autismo.

 

Un’analisi di un gruppo di esperti dell’Unione europea ha concordato su una «probabile» relazione causale tra gli interferenti endocrini e ASD, ADHD e «la perdita di QI e disabilità intellettiva associata» – oltre a un ruolo causale sia nell’obesità infantile che in quella adulta.

Un’analisi di un gruppo di esperti dell’Unione europea ha concordato su una «probabile» relazione causale tra gli interferenti endocrini e ASD, ADHD e «la perdita di QI e disabilità intellettiva associata» – oltre a un ruolo causale sia nell’obesità infantile che in quella adulta. (Il gruppo di esperti ha anche riportato una «sostanziale probabilità di costi di malattia molto elevati per tutta la durata della vita associata all’esposizione ai EDC», pari a «centinaia di miliardi di euro all’anno»).

 

Complicando il quadro degli EDC, gli studi dimostrano che meccanismi diversi operano per i diversi interferenti endocrini, con alcuni EDC che provocano effetti avversi a dosi molto basse («1.000 volte al di sotto della dose che le agenzie regolatorie presumono non provochino effetti sull’uomo») e altri che provocano una risposta tossica a dosi «intermedie». Ciò significa che soglie di sicurezza arbitrarie hanno probabilmente un’utilità minima per la prevenzione dell’autismo e dell’obesità.

 

Ridurre o eliminare l’esposizione alle tossine ambientali durante le «finestre di sviluppo sensibili» potrebbe avere “un effetto enorme” sulla prevenzione sia dell’obesità che dell’autismo…

 

 

Altri paralleli

Anche se la maggior parte degli investigatori rimane bloccata in una specifica area di ricerca, numerosi paralleli (sia correlati e non correlati agli EDC) sono evidenti tra autismo e obesità per coloro che vogliono fare il salto logico. Questi includono:

 

– L’associazione dei metalli pesanti sia con l’autismo che con l’obesità
– La presenza di marcatori di infiammazione cronica in individui autistici e obesi
– Anomalie nella flora intestinale di individui obesi contro individui di peso normale e di autistici contro individui neurotipici, con alcuni ricercatori che considerano il microbioma intestinale come un «“organo endocrino”microbico».

 

I ricercatori riconoscono anche che la vaccinazione, in combinazione con un aumentato uso di antibiotici, può portare a «cambiamenti nell’interazione tra esseri umani e microbi», alterando la composizione della flora intestinale e creando «uno stato di squilibrio tra batteri protettivi e patogeni»

Anche la vaccinazione deve essere considerata come un fattore che contribuisce ad entrambe le condizioni croniche, in particolare alla luce della presenza nei vaccini di metalli pesanti che alterano il sistema endocrino come l’alluminio e il mercurio e dei numerosi studi che riportano l’infiammazione indotta dal vaccino (spesso aggravata dai adiuvanti di alluminio dei vaccini). I ricercatori riconoscono anche che la vaccinazione, in combinazione con un aumentato uso di antibiotici, può portare a «cambiamenti nell’interazione tra esseri umani e microbi», alterando la composizione della flora intestinale e creando «uno stato di squilibrio tra batteri protettivi e patogeni».

 

È interessante notare che alcuni ricercatori hanno proposto gli adiuvanti di alluminio e le componenti virali e batteriche dei vaccini come fattori di rischio per la sindrome dell’intestino irritabile (IBD) a causa della «risposta infiammatoria incontrollata» indotta dalla vaccinazione.

 

Ridurre l’esposizione

I ricercatori che descrivono l’allarmante epidemia di obesità nei bambini statunitensi suggeriscono che queste tendenze «fanno presagire una continua accelerazione del carico di malattie croniche, peggioramenti della qualità della vita e potenziali diminuzioni dell’aspettativa di vita».

Lo stesso è stato notato per quanto riguarda l’ASD. Ridurre o eliminare l’esposizione alle tossine ambientali durante le «finestre di sviluppo sensibili» potrebbe avere «un effetto enorme» sulla prevenzione sia dell’obesità che dell’autismo come pure delle numerose altre malattie croniche, neurodegenerative e infiammatorie che colpiscono l’attuale generazione di bambini.

 

Un’attenzione più concertata per affrontare l’impatto di queste sostanze tossiche sullo sviluppo è vitale se vogliamo aiutare i bambini a raggiungere il loro pieno, sano potenziale.

 

 

© 2 Ottobre 2019, Children’s Health Defense, Inc. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.