Australia, esplodono i numeri del suicidio assistito

 

 

Renovatio 21 traduce e pubblica questo articolo di Biodedge. Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Daniel Andrews, premier di Victoria, è stato recentemente preso di mira da tutte le parti per la sua gestione della pandemia COVID-19.

 

Andrews, un progressista che fino a poco tempo fa sembrava quasi indistruttibile dal punto di vista elettorale, è stato severo nell’amministrare un lockdown per proteggere i cittadini vulnerabili.

 

L’ultima fessura nel Teflon è una relazione sullo stato di avanzamento del Consiglio di revisione dei decessi assistiti volontari per il primo anno intero ai sensi della legislazione approvata alla fine del 2017. Secondo The Age:

 

«Dieci volte più persone del previsto hanno scelto di porre fine alla propria vita in base alla storica legislazione del Victoria sulla morte assistita volontaria»

«Dieci volte più persone del previsto hanno scelto di porre fine alla propria vita in base alla storica legislazione del Victoria sulla morte assistita volontaria nel primo anno».

 

I farmaci letali approvati dal governo statale sono stati usati per porre fine alla vita di 124 malati terminali del Victoria nei 12 mesi trascorsi dall’entrata in vigore delle leggi statali sull’eutanasia nel giugno dello scorso anno, superando di gran lunga le stime iniziali di appena 12 persone nel primo anno.

 

È stato il premier Andrews a predire che ne sarebbero morte solo una dozzina. Un anno fa, ha detto ai media: «Prevediamo nei primi 12 mesi, sulla base dell’esperienza all’estero, circa una dozzina di persone che accederanno alla morte assistita volontaria». Quel numero si sarebbe stabilizzato su circa 100 o 150 persone all’anno.

I farmaci letali approvati dal governo statale sono stati usati per porre fine alla vita di 124 malati terminali del Victoria nei 12 mesi trascorsi dall’entrata in vigore delle leggi statali sull’eutanasia nel giugno dello scorso anno, superando di gran lunga le stime iniziali di appena 12 persone nel primo anno

 

Secondo il rapporto, i richiedenti per la morte assistita avevano un’età compresa tra i 32 ei 100 anni, con una media del 71 e il 44% erano donne, il 55% maschi e l’1% altro. I casi non conformi alla normativa sono stati solo l’1%.

 

Come in altre giurisdizioni, il dolore insopportabile non era un fattore importante tra le ragioni per richiedere la morte assistita. In effetti, la parola «dolore» è stata menzionata solo una volta e non sono state fornite percentuali.

 

«La perdita di autonomia è stata spesso citata dai richiedenti come motivo per richiedere la morte volontaria assistita. Altri motivi per accedere alla morte volontaria assistita che sono stati comunemente segnalati includevano la minore capacità di impegnarsi in attività che rendono la vita piacevole, la perdita del controllo delle funzioni corporee e la perdita di dignità ».

Come in altre giurisdizioni, il dolore insopportabile non era un fattore importante tra le ragioni per richiedere la morte assistita

 

Il COVID-19 ha reso difficile per i pazienti venuti avere valutazioni faccia a faccia con i medici e la legislazione federale impedisce alle persone di discutere per telefono gli scenari di fine vita. Il presidente del Voluntary Assisted Dying Review Board, un ex giudice, Betty King, ha chiesto un cambiamento nella legge.

 

«Le nostre leggi sulla morte assistita volontaria stanno dando ai cittadini del Victoria che soffrono di una malattia incurabile alla fine della loro vita una scelta compassionevole», ha detto il ministro della Salute vittoriano Jenny Mikakos.

 

«Questa revisione mostra che il sistema funziona come dovrebbe – con 68 rigorose misure di salvaguardia in atto, rendendo il nostro modello il sistema più conservatore al mondo».

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge

 

 

 

Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Immagine Enlil Ninlil at the English Wikipedia via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)