Attivista trans querela alcune donne che si sono rifiutate di depilargli i genitali

 

 

Un attivista transgender  sta portando in tribunale tre estetiste che non hanno voluto eseguire una ceretta i suoi genitali.  Questa volta, invece di affrontarle nel Tribunale per i diritti umani della Columbia Britannica, Yaniv ha citato in giudizio le donne in tribunale civile. L’attivista ora usa il nome di «Jessica Simpson». Lo riporta Lifesitenews

 

L’originale caso di diritti umani è stato archiviato lo scorso ottobre e è stato chiesto all’attivista trans di pagare tre delle estetiste 2.000 ciascuna dollari. Tuttavia, l’attivista sta facendo causa a tre estetista di origine asiatica e latina nella Corte provinciale del Surrey per $ 11.800.

 

Il trans «ha fatto commenti sprezzanti sugli indiani orientali e sui sikhs, così come sugli immigrati in generale», ha scritto il Justice Center for Constitutional Freedom.

Il trans ha presentato due nuove denunce per i diritti umani nell’ottobre 2019 contro delle  estetiste che si erano rifiutate di fargli la ceretta alle gambe. Il Tribunale per i diritti umani della Columbia britannica ha rinviato queste denunce perché questi non aveva ancora pagato i 6.000 dollari di spese alle donne che aveva portato in tribunale per avergli rifiutato una ceretta sui genitali

 

Il British Columbia Court Services online elenca 14 casi negli ultimi cinque anni che hanno coinvolto il trans. Querelatore seriale, Yaniv ha ricevuto precedenti penali a marzo quando si è dichiarato colpevole di possedere un’arma proibita. Il processo riguardava un incidente del 5 agosto in cui brandiva un Taser durante un rancoroso dibattito in streaming con l’attivista transgender americano Blair White.

 

Il trans ha presentato due nuove denunce per i diritti umani nell’ottobre 2019 contro delle estetiste che si erano rifiutate di fargli la ceretta alle gambe. Il Tribunale per i diritti umani della Columbia britannica ha rinviato queste denunce perché questi non aveva ancora pagato i 6.000 dollari di spese alle donne che aveva portato in tribunale per avergli rifiutato una ceretta sui genitali.

 

I critici del personaggio lo hanno accusato, scrive Lifesitenews, di «uno spiacevole interesse per le ragazze minorenni».

 

«Nel luglio 2018, ha chiesto il permesso alla città di Langley per le “organizzazioni LGBTQ2S +” di ospitare un “All-Bodies Swim” in topless nelle sue piscine municipali “per persone di età superiore ai 12 anni”. Ai genitori e ai “custodi” è stato impedito l’accesso».

 

Sul suo account Twitter, si descrive come una «Principessa guerriera lesbica».