Ambientalismo, eugenetica, razzismo: i panni sporchi delle organizzazioni verdi

 

 

 

 

In quella che è quasi certamente una mossa preventiva, l’ente ambientalista americano Sierra Club ha pubblicato sul suo sito la scorsa settimana un articolo molto rivelatore dal titolo «Tirare giù i nostri monumenti».

 

Sierra Club è la più antica e grande organizzazione ambientalista degli Stati Uniti. L’ambientalismo, come sappiamo, in una vastità di casi si coniuga con l’antiumanismo. Molti gruppi ambientalisti credono al mito della sovrappopolazione e quindi lavora per il fine del reverendo Malthus, cioè la riduzione della popolazione umana.

L’ambientalismo, come sappiamo, in una vastità di casi si coniuga con l’antiumanismo. Molti gruppi ambientalisti credono al mito della sovrappopolazione e quindi lavora per il fine del reverendo Malthus, cioè la riduzione della Popolazione umana

 

«I leader passati e presenti del gruppo, tutti i principali malthusiani, desiderano unire il “verde” con il “nero” (come i Black Lives Matter finanziati da Soros) – e hanno deciso di mettere in luce la loro storia oscura, in un finto sforzo di “espiazione”. Ed è una storia molto lunga, molto oscura» scrove EIR.

 

«È tempo di smantellare alcuni dei nostri monumenti – scrive il direttore esecutivo del Sierra Club Michael Brune – a partire da un po ‘di verità sulla storia antica del Sierra Club».

 

Il principale monumento di cui al Sierra Club potrebbero essere preoccupati è quello del loro stesso fondatore, John Muir, e delle sue connessioni con il movimento eugenetico, che all’epoca (fine XIX secolo) altro non era se non una versione scientista del suprematismo bianco.

 

Theodor Roosevelt e John Muir, 1906

 

«Altri primi membri e leader del Sierra Club – come Joseph LeConte e David Starr Jordan – erano sostenitori vocali della supremazia bianca e del suo braccio pseudo-scientifico, l’eugenetica»

Conosciuto come un abbracciatore di alberi , il Muir non era solo personalmente un razzista – raccontava barzellette indisponenti con «stereotipi razzisti offensivi», ma «manteneva amicizie con persone come Henry Fairfield Osborn, che ha lavorato sia per la conservazione della natura che per la conservazione della razza bianca. Capo della New York Zoological Society e consiglio di amministrazione dell’American Museum of Natural History, l’Osborn ha anche contribuito a fondare l’American Eugenics Society negli anni successivi alla morte di Muir».

 

Fornendo collegamenti per le prove (e per i liberali allarmati), continua Brune:

 

«Altri primi membri e leader del Sierra Club – come Joseph LeConte e David Starr Jordan – erano sostenitori vocali della supremazia bianca e del suo braccio pseudo-scientifico, l’eugenetica».

 

«Ha spinto per leggi e programmi di sterilizzazione forzata che hanno privato decine di migliaia di donne del loro diritto a dare alla luce bambini – per lo più neri, latini, indigeni e donne povere, e coloro che vivono con disabilità e problemi mentali malattia. Ha co-fondato la Human Betterment Foundation, le cui ricerche e leggi modello sono state utilizzate per creare la legislazione eugenetica della Germania nazista»

«Jordan, ad esempio, ha fatto parte del consiglio di amministrazione durante la presidenza di Muir. Un “perno” del movimento eugenetico, ha spinto per leggi e programmi di sterilizzazione forzata che hanno privato decine di migliaia di donne del loro diritto a dare alla luce bambini – per lo più neri, latini, indigeni e donne povere, e coloro che vivono con disabilità e problemi mentali malattia. Ha co-fondato la Human Betterment Foundation, le cui ricerche e leggi modello sono state utilizzate per creare la legislazione eugenetica della Germania nazista».

 

Non solo, ma lo stesso Sierra Club è stato progettato come un club per bianchi privilegiati:

 

«L’adesione potrebbe essere concessa solo attraverso la sponsorizzazione di membri esistenti, alcuni dei quali hanno eliminato tutti i candidati di colore», scrive l’articolo espiatorio.

 

Piuttosto che essere un esercizio di espiazione, articoli come questo ci fanno pensare che vi sia un progettato per far sì che il network di Black Lives Matter abbracci più chiaramente le idee malthusiane nelle loro operazioni.

 

Il movimento nero sta già abbracciando il New Deal verde, la proposta anti-crescita di cui è campionessa la politica goscista USA Alexandra Ocasio-Cortez.

 

Un bambino nero su tre in America oggi viene abortito

La storia è ancora una volta tragica per le persone di origine africana. Il movimento eugenetico ha sempre predicato la riduzione della popolazione nera: Planned Parenthood, multinazionale dell’aborto finanziata agli albori dai Rockefeller (come continuazione del loro sostegno agli Istituti di Eugenetica, compresi quelli tedeschi degli anni Trenta) e oggi sostenuta anche da Bill Gates, ha sempre preso di mira le donne di colore, con campagne mirate soprattutto nelle periferie meno abbienti.

 

Un bambino nero su tre in America oggi viene abortito. Si tratta di una ecatombe che qualche attivista pro-life di colore ha chiamato Maafa, cioè la parola in lingua swahili per dire «Olocausto».

Il massivo sacrificio umano del nero può passare dal verde

 

Il massivo sacrificio umano del nero può passare dal verde. Teniamolo a mente – sempre.

 

 

 

 

 

ABBIAMO PARLATO DI

Per approfondire


In affiliazione Amazon

 

 

 

Immagine: Halloween, vettore creato da upklyak – it.freepik.com