Alluminio e autismo: cosa succederà ora?

 

 

Ripubblichiamo in italiano questo articolo del prof. Chris Exley, docente presso la Keele University (Regno Unito). Il testo è apparso sul sito Hippocratic Post lo scorso 28 marzo.

 

 

La pubblicazione della nostra recente ricerca sull’alluminio e sull’autismo ha suscitato una miriade di domande, non ultima quella che si chiede «cosa succederà ora?».

 

Prima di tentare una risposta, è importante rivedere le conclusioni della ricerca, in particolare riguardo un potenziale legame causale tra l’alluminio nel tessuto del cervello e l’autismo.

 

L’alluminio nel tessuto cerebrale è una conseguenza inevitabile del «vivere nell’età dell’alluminio» e l’alluminio trovato nel cervello dei donatori affetti da autismo proverrebbe da molteplici fonti, tra cui la vaccinazione.

 

Al momento l’osservazione di una significativa associazione dell’alluminio con cellule pro-infiammatorie riguarda unicamente l’autismo. L’idea che le cellule cariche di alluminio penetrate nel cervello attraverso le meningi e la barriera emato-encefalica, ha mostrato un meccanismo che aumentava l’assorbimento dell’alluminio dal corpo al cervello.

 

“La ricerca offre l’ipotesi che l’assunzione di cellule pro-infiammatorie dal corpo al cervello sia più forte negli individui con autismo. Qui sta il possibile problema dei vaccini che includono adiuvanti come l’alluminio”

La ricerca offre l’ipotesi che l’assunzione di cellule pro-infiammatorie dal corpo al cervello sia più forte negli individui con autismo. Qui sta il possibile problema dei vaccini che includono adiuvanti come l’alluminio.

 

E ora? Sostengo che dovremmo tutti proteggerci dalla possibile tossicità dell’alluminio bevendo regolarmente un’acqua minerale ricca di silicio. Qualsiasi acqua minerale in cui il contenuto dichiarato di «silice» è superiore a 30 ppm (mg / L) sarà efficace nell’aiutare a rimuovere l’alluminio dal corpo. Le persone dovrebbero provare a bere fino ad un litro al giorno, ogni giorno. Farlo diventare un’abitudine quotidiana.

 

[Si prega di notare che ho rifiutato la generosa offerta fatta da “Silica Waters” (fornitori di Acilis) di donazioni regolari a Keele per finanziare la ricerca per escludere qualsiasi accusa di conflitto di interessi].

 

Idealmente, vogliamo testare i benefici della terapia con acqua minerale ricca di silicio negli studi clinici, tra cui cercare di prevenire la malattia dell’Alzheimer e aiutare le persone affette da autismo. Sfortunatamente, è improbabile che i finanziamenti per tali sperimentazioni siano disponibili e quindi nel frattempo voglio semplicemente che quante più persone possibili siano attive nel proteggere sé stesse e le loro famiglie. Per questo motivo, sono lieto di venire a conoscenza di alcuni gruppi di supporto creati proprio con questo obiettivo (si veda qui).

 

La prova aneddotica dei benefici dell’acqua minerale ricca di silicio è incoraggiante. Forse un giorno coloro che si occupano di sostenere la ricerca medica finanzieranno i suddetti studi clinici ma nel frattempo lascia che l’aneddoto sia l’antidoto!

 

 

Professore Chris Exley

Professore di chimica bioinorganica Keele alla University

Professore onorario, “UHI Millennium Institute”

Group Leader – “Bioinorganic Chemistry Laboratory presso Keele”